Menu
MerNov26

Pista ciclabile galleggiante a Londra sul Tamigi, realtà o fantascienza?

Il Thames Deckway è un progetto innovativo proposto dall'architetto David Nixon e dall'artista Anna Hill: una pista ciclabile galleggiante sulle acque del Tamigi, il fiume di Londra. Un'idea sicuramente originale e futuristica che avrebbe lo scopo di far diminuire il traffico in una delle aree più caotiche della City... ma diventerà realtà o resterà semplice fantascienza?
Il progetto della pista ciclabile galleggiante sta cercando finanziatori privati perchè il costo di realizzazione è piuttosto elevato: si parla di circa 600 milioni di sterline per un tracciato lungo 12 km che collegherebbe Battersea ad ovest con Canary Wharf ad est.
La pista ciclabile galleggiante permetterebbe ad un numero incredibile di ciclisti di raggiungere il posto di lavoro in tutta sicurezza evitando il folle traffico delle ore di punta londinesi e stimolerebbe di certo neofiti ad inforcare la propria bicicletta per avventurarsi al lavoro senza restare imbottigliati tra smog e automobilisti nervosi. Si stima che il Thames Deckway potrebbe venire usato ogni giorno da 12000 ciclisti. L'idea è quella di far pagare l'utilizzo della lunga ciclabile 1,5 $ a velocipede in modo da ripagare, pian piano, parte dell'enorme investimento La ciclabile sorgerebbe in una zona sicura dal traffico di imbarcazioni sul fiume e, secondo il River Cycleway Consortium, una volta trovati i finanziatori e avuto il via libera per l'inizio dei lavori, il Thames Deckway potrebbe diventare realtà nel giro di un paio di anni.
Anche a livello di cicloturismo l'impatto potrebbe essere interessante: dopo la Parigi - Londra, in molti volerebbero a Londra (o pedalerebbero fino alla capitale inglese) per poter vivere un'esperienza lungo la pista ciclabile galleggiante... voi non lo fareste?
Vota questo articolo
(0 Voti)
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...

Aggiungi commento

Codice di sicurezza Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito
        Registrati