• English (UK)
Bike Jamming - Bici da viaggio

Vota questo articolo
(0 Voti)

Pioggia, vento e miele | Terzo giorno sulla Via Silente

    Via Silente tra Trentinara e Magliano

    La terza tappa della Via Silente in bici ci porta ad aggirare le colline attorno ai fiumi Alento e Calore, in un saliscendi impegnativo ma ricco di panorami sempre diversi, dalla terrazza sul mare di Trentinara agli aspri picchi aguzzi di Magliano per concludere con le tortuose gole del Calore, immersi in boschi ormai ingialliti dall'autunno.

    prignano cilento

    Dopo la seconda giornata sulle strade del Cilento, sulle strade di "Benvenuti al Sud", oggi si sale e si scende verso gli Alburni.
    La giornata inizia con un risveglio da brivido: la risalita dal nostro alloggio fino a Prignano è tremenda. Spingiamo la bici per una ventina di minuti prima di raggiungere il centro del paese. Rientrati in carreggiata, torniamo a seguire il percorso della Via Silente oltrepassando il centro storico di Prignano Cilento, altro bel borgo tra i tanti arroccati sulle colline cilentane. Un falsopiano in leggera discesa ci fa giungere a Finocchito, paese silente. Sembra essere abbandonato, e per le sue strade non si scorge anima viva ma ci concediamo comunque una sosta per ammirare il panorama sull'Alento e sulla diga che poco più in basso crea un piccolo invaso.cassa rossa
    La tramontana soffia gelida sul nostro incedere e mentre saliamo verso Monte Cicerale inizia anche una leggera pioggia. Il borgo non si può certo definire "pet-friendly": chiediamo gentilmente se Nala possa entrare con noi in un paio di bar, per fare una pausa e ripararci dalla pioggia ma veniamo guardati come degli extra-terrestri e ci viene negato l'accesso... è la prima volta che l'ospitalità e la cordialità delle genti del Cilento vengono meno, ma non ce ne facciamo un cruccio e proseguiamo verso Cicerale dove ci sediamo per un cappuccino ed una brioche.leo e nala
    I cani in queste terre sono spesso randagi e numerosi, oppure lasciati alla catena soli per ore da padroni poco premurosi e quindi non possiamo certo biasimare i proprietari dei locali che hanno rifiutato l'ingresso di Nala... speriamo che con gli anni la cultura e il rispetto  verso gli animali cambi e si adegui all'accoglienza e alla gentilezza con cui siamo stati accolti noi.leo trentinara
    Il cielo si rischiara in un batter d'occhio e risaliamo in sella per proseguire verso Trentinara, magnifica "terrazza sul Cilento". Rifocillati e riscaldati in un bar del centro dove ritorniamo ad avere dimostrazione della super gentilezza delle genti cilentane, imbocchiamo una splendida strada in quota verso Magliano Nuovo. Incollato lassù sul cucuzzolo di una montagna, sembra un presepe e mi ricorda i paesini delle Dolomiti Lucane.  Il periodo di bassa stagione turistica non è propizio a trovare un bed and breakfast aperto in zona e così, sperando di essere più fortunati, proseguiamo verso Felitto tagliando di qualche chilometro il tracciato originale della Via Silente. magliano e capri Dopo la picchiata verso il fiume Calore, la strada risale dolce, immersa nella vegetazione che inizia a tingersi delle colorazioni autunnali. Il tramonto nuvoloso ci sorprende a Felitto, paese conosciuto per il fusillo, una pasta lavorata tipica del Cilento, e per le gole del Calore. La luce calda del giorno lascia rapidamente posto all'oscurità: i primi lampioni si accendono rischiarando la via... oggi siamo tremendamente in ritardo sulla tabella di marcia, non oso immaginare quando cambierà l'ora tra qualche giorno! Giungiamo all'alloggio con il frontalino acceso e le gote rosse. L'agriturismo si trova 5 km oltre Felitto, oltre il ponte medievale e oltre le famose gole.ponte romano
    La giornata però non è ancora finita... se Nala si ritrova stanca, ma felice  a correre con Rufy e Dog nel cortile della struttura, noi ci prepariamo in fretta per incontrare Marco, un aspirante cicloviaggiatore di Altavilla Silentina che ci ha contattato per trascorrere una serata insieme parlando di viaggi, Cilento e agricoltura... Marco ha infatti 700 piante di ulivo (noi per ora siamo a 9) e 20 arnie per la produzione di miele.  Una pizza, una birra fresca e mezzo chilo di miele millefiori del Cilento regalatoci da Marco rendono la terza tappa del nostro viaggio in bici ancora più speciale. Domani affronteremo i temuti monti Alburni più a cuor leggero

    felitto notte

    3 cose da fare nella terza tappa

    1. Ascoltare il silenzio - Nel paese silente di Finocchito il silenzio è un bene prezioso.
    2. Fotografare dalla terrazza sul Cilento - Da Trentinara si ha uno dei panorami più belli del Parco nazionale... pedala fino alla fine del paese, fai un bel respiro e goditi lo spettacolo!
    3. Camminata nelle Gole del Calore - Sono una delle bellezze naturalistiche del Cilento e se ami la Natura non puoi perderle: le gole del Calore sono percorribili in parte a piedi... se è caldo poi potrai anche rinfrescarti nell'acqua del fiume!tramonto infuocato

    Dove dormire lungo la Via Silente

    Prima di iniziare il viaggio in bicicletta lungo la Via Silente ti verrà data la Silentina, una carta per ottenere i timbri durante la tua avventura. Con questo documento, mentre viaggerai sull'itinerario, otterai lo sconto del 20% presso le strutture convenzionate. La nostra terza tappa è terminata 5 km oltre Felitto dove abbiamo alloggiato presso  l'Agriturismo Difesa del Principe che, su richiesta, offre anche la possibilità di una cena tipica. Al tempo del nostro soggiorno questa struttura non era convenzionata con la Via Silente. Puoi scaricare l'elenco di tutti gli alloggi convenzionati divisi per località sul sito ufficiale della Via Silente.
    vero e leo
    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

    Commenta per primo.

    Via Silente in biciDa Prignano Cilento a Felitto
    Leonardo

    Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

               

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su