Vota questo articolo
(0 Voti)

Castello di Pergine e Canezza, MTB in Valsugana

Un'uscita fotografica è stata l'occasione ideale per completare questo percorso in mountain bike in Valsugana al castello di Pergine. Il basso chilometraggio e dislivello fanno sì che questo percorso sia fisicamente adatto a tutti ma tecnicamente è necessaria un po' di esperienza soprattutto nell'affrontare l'ultima discesa in single track.

Mappa

Pergine in MTB

Valle dei Mocheni e museo del paracarro

Il cuore di questo percorso è il colle di Tegazzo, sul quale si erge il Castel Pergine. Questa fortificazione risale al periodo medievale e sorge in posizione elevata e particolarmente strategica rispetto all'alta valsugana. Attualmente è proprietà privata e sede di un albergo e ristorante. 
Partendo da Pergine, principale centro dell'alta Valsugana, in MTB si imbocca la strada verso Calzolino per svoltare a destra oltre il ponte che attraversa il torrente Fersina. Qui si imbocca la sterrata che costeggia il corso d'acqua e si prosegue fino a giungere all'imbocco della valle dei Mocheni in località Canezza, dove è possibile visitare il museo del paracarro, dedicato ai campioni del ciclismo del passato e del presente.Pergine in MTB Un pò di scatti al laghetto e si rientra in Valsugana in MTB seguendo lo stesso percorso fino alla strada provinciale della valle dei Mocheni che si imbocca in direzione di Pergine. Si lascia la cooperativa di piccoli frutti Sant'Orsola sulla destra imboccando la prima deviazione a sinistra e passando per il centro di Zivignago (subito a destra).
Valsugana in MTB
 

Valsugana MTB: il castello di Pergine

Si imbocca ora la strada asfaltata che passa dietro il colle di Tegazzo (sinistra ad una curva a gomito) e pochi metri più avanti si sale a destra su sterrato in direzione del Castello di Pergine. Al bivio successivo si svolta ancora a destra riportandosi verso la zona occidentale del colle. La strada ora spiana leggermente e conduce verso il parcheggio principale ai piedi del castello che domina la Valsugana. In MTB la salita che si affronta ora è più abbordabile ma comunque impegnativa. Pergine in MTBSi tiene la sinistra una prima volta ed alla seconda si sale ancora a sinistra su ciottolato. Al parcheggio ancora a sinistra nuovamente su asfalto ed al secondo tornante si prosegue dritti su un sentiero in discesa appena sotto le mura di cinta. Prima di proseguire se volete potete visitare il castello di Pergine o assaggiare qualche ottimo piatto del ristorante.
Se invece si vuole proseguire, si raggiunge un ampio prato e si imbocca un single track ripido e tecnico (scendete di sella se non siete sicuri!) ma anche molto divertente che ci condurrà sulla strada alle spalle del castello. Si tiene la destra fino a giungere sulla vecchia strada che da Pergine conduce a Levico Terme, centro balneare dell'Alta Valsugana adagiato sull'omonimo lago. Qui si svolta a destra e subito a sinistra in località Masetti.Pergine in MTB Poco più in basso si tiene ancora la destra per riportarsi sul colle Tegazzo dalla strada principale passando per la chiesetta di S.Antonio. Si risale nuovamente con la MTB fino al parcheggio ed oltre, ma questa volta poco prima del primo tornante si svolta a sinistra su un sentiero tortuoso e divertente. Si prosegue dritti anche al bivio passato nel percorso di andata ed in poche centinaia di metri ci si ritrova nel centro della cittadina di Pergine al termine di questo percorso MTB in Valsugana breve ma intenso.Pergine in MTB

Trovate numerose altre tracce GPS per mountain bike nella zona di Pergine e dei laghi di Caldonazzo e Levico nell'articolo In MTB in alta Valsugana: Pergine e dintorni mentre altri percorsi sono presenti sulla mappa degli itinerari MTB.

Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
Torna su