• English (UK)
Bike Jamming - Bici da viaggio

Vota questo articolo
(1 Vota)

Pedalata sugli Appennini | Tappa 8: quasi cento ma di meno

    Pedalappennini
    Avrebbe dovuto chiamarsi una cosa tipo “viaggio attraverso le tenebre", oppure “il record delle vacanze”. Invece sì chiama come i chilometri che ho percorso, sì perché alla fine, anche volendo, i 100 km non sono riuscito a superarli nemmeno in una tappa. E questo è giusto perché, alla fine, questa è stata la Pedalata sugli Appennini non la Traversata delle Alpi. Altra esperienza, altri ritmi.
     
    Martedì 18 agosto 2015,  Castelnuovo della Garfagnana (LU) 438 m.s.l.m.  ——>  La Spezia  (SP)  3 m.s.l.m

    99,9 km | 5:48 culo in sella | 6 km con pioggia

    1781 m dislivello | 1 passo (Passo del Vestito 1151 m.s.l.m.) | 1030 cal | 10,5 € spesi

     
    Non mi sento molto divertente al momento, magari mi viene qualcosa di bello dopo. Intanto vi spiego come è funzionava l’ultima tappa di questo breve e bel giro. Anzitutto mi sono svegliato. Difficile fare tutto senza svegliarsi. Freddo, niente sole (sveglia e partenza più mattiniera della vacanza), tenda umidiccia. Ma tanto era l'ultimo giorno, quindi la necessità di avere la tenda asciutta la sera non c’era. Avrebbe anche dovuto piovere secondo le previsioni, ma fortunatamente sono stato graziato. La colazione è stata la peggiore di sempre, fatta in piedi o ranicchiato, senza alcun supporto dove appoggiare le cose, tutto di fretta mentre preparavo i pacchi per la partenza.
    Dopo un paio di voli da supereroe avanti e indietro per il campeggio con i teli superiore e inferiore della tenda per garantire una sufficiente asciugatura (per fortuna che era presto e non mi ha visto nessuno), ho chiuso tutto il set e iniziato a pedalare. La crostata delle mamme a 1€ era buona ma si sentiva che la marmellata era quella del supermercato, a differenze delle crostate fatte in casa che sono tutta un’altra cosa. Anche i biscotti erano così così ma tutto sommato andavano bene.
    Poco dopo la partenza mi sono subito reso conto che quella che stavo prendendo era una strada spettrale. Si tratta di una gola che si inoltrava seguendo un fiume nel bel mezzo delle Alpi Apuane.
    La cosa non era negativa, anzi. Assomigliava alla tappa del Col de la Bonette dell’anno scorso, con leggerissima pioggerellina e musica eterea come piace a me. Anzi, dato che ci siamo vi consiglio un album come ho fatto l’anno scorso. È uno di quelli che ascoltavo durante l’intervallarsi di "scenografie dark” durante questa ultima tappa.
    L’album si chiama Apollo Atmospheres & Soundtracks di Brian Eno With Daniel Lanois & Roger Eno. È una pietra miliare, i musicolfili noteranno che uno dei pezzi è diventato abbastanza famoso per via di un film.
    Comunque la conferma dell’entrata nelle tenebre è arrivata dopo il passaggio in questo corridoio di piante scure.
    Strada ombra
    Nel mezzo, come si può vedere, ci ho perso pure la cartina quindi sono dovuto tornare indietro terrorizzato e rimetterla sul mio borsello da manubrio.
    Poco dopo ho trovato una paese che non ero sicuro esistesse veramente ma poi ho scoperto che esisteva eccome. Era la versione dark di Verrucola e si chiamava Isola qualcosa.  Incredibilmente affascinante in quell’atmosfera nuvolosa e piovosa, scavato nel fondo della valle.
    Bel paesino 
    La sfilata spettrale delle Alpi Apuane, però, non è finita, dato che poco prima di salire verso il paese di Arni, il villaggio fantasma con saloon e ufficio dello sceriffo, si è presentato più cadavere che mai nel bel mezzo della strada.
    Strada appennini
    Potrebbe essere tutto, ma dobbiamo ancora arrivare al top del top.
    Il top del top è una cosa semplicissima. Talmente semplice che di più non si può. Pensate a una cosa talmente semplice che non c’è. Pura e semplice assenza. Come il buio. Il buio di una galleria (2 gallerie in realtà) lunga centinaia di metri e presentata al suo ingresso come “Galleria senza illuminazione”. Allora pensi va beh dai pedalo un attimo e poi sono fuori.
    Eh no invece! Anzitutto le gallerie erano belle lunghe, ma cosa più importante, il buio era talmente buio, ma così buio, che non vedevi assolutamente nulla. Anche il faretto davanti alla bici illuminava pochissimo e comunque ci volevano almeno 30-40 secondi prima che la vista si adattasse a quella condizione e facesse della torcetta la sua primaria fonte di illuminazione.
    Il buio
    Quando è così completamente buio e non vedi i segnalatori ai lati della strada come invece ha tracciato leggermente la macchina fotografica, non ti resta che affidarti all’equilibrio, mirando a quel minuscolo puntino di luce che c’è davanti a te. Ad un certo punto, nella seconda galleria ho dovuto frenare perché sentivo di aver perso un po’ di orientamento e infatti stavo andando a sbattere sulla parete di roccia alla mia destra.
    Dopo le gallerie tenebrose, la ciliegina sulla torta: le cave del famosissimo marmo di Carrara che mostravano un attacco alla montagna, proprio come una carie avanzata distrugge un dente. La carie è nera, qui no ma è lo stesso.
    Cave marmo carrara
    Ma noi trentini ci siamo abituati perché abbiamo le cave di porfido di Albiano
    Ma ecco che fra una tenebra e l’altra si apre uno spiraglio di sole verso il mare e un bel paesino che non ricordo come si chiama
    Quindi Massa e poi Carrara. E poi su e giù e su e giù e su e giù. E finalmente la colazione per i prossimi giorni…
    More sulla strada
    Ah, se non si capisce, queste sono tutte more…
    Uno dei più bei panorami del viaggio, quello su Fosdinovo,
    Panorama sul mare 
    chiude il viaggio che termina a La Spezia per salire sul treno e portare al mio innamorato il regalo d’amore per le nostre colazioni 
    Fine pedalappennini
    Mi rendo conto di essere stato super noioso in questo ultimo diario e mi dispiace, ma purtroppo con la testa sono già nel mondo del lavoro e non posso farci nulla. Dannato lavoro. Odio il lavoro e odio lavorare.
    Qualche dato delle ferie:
    • 577,5 Km
    • 12.910 mt dislivello
    • 36h44 minuti di pedalata
    • 8 tappe
    • Record di gelati mangiati: oggi 5 gelati + 1 serale dopo la cena - macrobiotica! - a Genova
    Ciao a tutti ancora, ci sentiamo per la prossima avventura!

    Ecco tutte le tappe della pedalata sugli Appennini di "Jimmy e Gino":
    Tappa 0: compitini pre-partenzaTappa 1: mezza tappa e riso gratisTappa 2: tappa intera e gambe a pezziTappa 3: il Cayenne, la crostata assassina e boia chi mollaTappa 4: sì, sì... ma gli Appennini?Tappa 5: ultima cenaTappa 6: anche gli Appennini nel loro piccolo si alzanoTappa 6,5: shopping, ozio e dormite infiniteTappa 7: a volte ritornano Tappa 8: quasi 100 ma di meno

    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
    • Questo commento non è pubblicato.
      jimmy · 4 anni fa
      Ciao Andrea!
      Niente paura, qui il bello è leggere (come per me è stato scrivere), poi se non ci sono commenti commenta nessun problema ;-)
      Per quanto riguarda i tuoi viaggi, fatti un regalo, parti per qualche giorno e tornerai molto più ricco di prima!

      Ciao e grazie della "partecipazione"!
    • Questo commento non è pubblicato.
      Andrea S. · 4 anni fa
      Cavolo, tutta sta fatica per descrivere il tuo viaggio e nemmeno un commento, ma dai, non si fa. quindi, nel mio piccolo, ti lascio un commento io, che amo pedalare ma viaggi lunghi non ne ho ancora fatti, chissà magari quest'anno è la volta buona. Comunque, ho letto tutte le tappe, giuro, e mi sono anche divertito, riconoscendo anche alcuni posti che ho frequentato in tempi passati(in macchina con la famigia). Abito relativamente vicino allìAppennino bolognese, quindi lo conosco abbastanza bene, ci ho fatto parecchie escursioni a piedi sia d'estate che in inverno con le 'ciaspole'. Concordo sui giudizi che hai seminato qua e là, nel tuo diario di viaggio, in effetti Le regioni che confinano non hanno quella cura delle loro montagne che si riscontra sulle Alpi, colpa di chi o di cosa? mah! Si ha sempre una sensazione latente di abbandono perchè così è infatti. Non sono mai stato a Camogli, terra di capitani e lupi di mare, ma in ligurio ci sono venuto un sacco di volte perchè è bellissima. Ora ti saluto e ti auguro ancora molti molti viaggi e....poco lavoro che mi par di capire non apprezzi nel giusto valore eh eh eh. ciao. Andrea
    jimmy

    Con due ore di allenamento e sei gelati al giorno vai dappertutto

               

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su