Menu

Lun04Giu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Parco nazionale degli Alti Tauri in Austria

Il Parco Nazionale degli Alti Tauri, una delle riserve protette più grandi d'Europa. Un parco nazionale montuoso, incastonato nel cuore delle Alpi, tra la Carinzia, il Tirolo ed il Salisburghese. Questo polmone verde d'Europa è splendido da visitare in tutte le stagioni anche se per accessibilità e occasioni di svago l'estate ha certamente il meglio da offrire: trekking, mountain bike, campeggio, arrampicata, relax e molto altro fanno di questo parco nazionale il luogo perfetto per una vacanza attiva!

Informazioni utili

Austria - Carinzia Tirolo Salisburghese

DETTAGLI PARCO
Estensione  1800 kmq 
Territorio Montagna
Biglietto d'ingresso gratuito
Sito UNESCO No
Sito web HoheTauern.at
COSA FARE
Escursionismo
Mountain bike
Birdwatching
Campeggio
Arrampicata
QUANDO ANDARE
GiugnoLuglioAgostoSettembre

Parco Nazionale degli Alti Tauri - Austria

Il parco nazionale austriaco degli Alti Tauri si trova al confine con l'Italia e più precisamente con la val Pusteria e si estende per parte del Tirolo, della regione di Salisburgo e della Carinzia.
Gli Alti Tauri sono il tetto dell'Austria con oltre 300 cime che superano i 3000 metri fra le quali anche la vetta più alta di tutta la nazione, il Gloβglockner con i suoi 3798 metri. Nel 1761 fu scalata la prima vetta, il monte Ankogel di 3251 m, come prima cima ghiacciata delle Alpi. L'uomo abita le terre e le montagne meno inospitali degli Alti Tauri da 5000 anni essendo questi monti un luogo ricco di minerali e risorse. La biodiversità è variegata e si distingue all'interno delle diverse fasce climatiche che percorrono il territorio del parco. Sono migliaia le specie floreali che ogni primavera ed estate colorano i pendii dell'area: dall'arnica, alla stella alpina, dalle orchidee spontanee ai vecchi cembri.
Lungo i numerosi sentieri che percorrono il parco, si possono facilmente incontrare le marmotte, ma anche stambecchi e camosci. I cieli degli Alti Tauri sono popolati da decine di esemplari come l'aquila reale, i fringuelli alpini, ma anche il gipeto presente nel territorio con 5 coppie. Il grande uccello fu reintrodotto nel 1986 e da allora è riuscito ad adattarsi perfettamente all'ambiente talvolta davvero ostile di queste montagne. Lungo le pareti rocciose nidifica anche il picchio muraiolo facilmente riconoscibile per le ali rosse e nere con macchie bianche. Oltre il 10% del territorio del parco nazionale degli Alti Tauri è ricoperto da ghiacciai anche se, di recente, molti si stanno rapidamente ritirando.
Nel parco è possibile percorrere decine di sentieri sia in mtb che a piedi. Uno dei più celebri è il Sentiero del ghiacciaio Pasterze che inizia al centro alpino di Glocknerhaus a quota 2131 metri e permette di raggiungere la lingua ghiacciata. Per seguire il sentiero però, bisogna risalire la strada del Groβglockner particolarmente panoramica e ricca di interessanti attrattive naturalistiche ma anche cara. L'ingresso costa infatti 32€ a veicolo. A meno che non vogliate passare di qui, gli Alti Tauri offrono centinaia di altre possibilità di trekking senza bisogno di pagare nulla.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Veronica

Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
 Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
Carpediem e buone pedalate!

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi
news, consigli e itinerari per organizzare
il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Accedi a Life in Travel


 

Effettua il login o registrati al sito per poter scaricare il file