fbpx

Unisciti alla LiT Family

 


Parco naturale saline di Sicciole

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
 
 
Il più grande ambiente umido della Slovenia, le saline di Sicciole. Parco affascinante che si affaccia sull'Adriatico, quest'area paludosa viene sfruttata per la produzione di uno dei beni più sfruttati per la conservazione, il sale. Oggi il parco attira anche numerosi turisti che si addentrano per esplorare le bellezze di questo ambiente e per ammirarne gli abitanti, soprattutto uccelli. Il birdwatching è infatti una delle attività più popolari all'interno della riserva ma anche la mountain bike ed il trekking sono sport praticabili.
ritorno a occidente indice Georgia
Sono arrivati i 2 volumi di Ritorno a Occidente, libri fotografici dedicati al nostro viaggio in bici attraverso la Georgia e la Turchia, tra le alte vette del Caucaso e le lande anatoliche. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 

Parco Naturale delle saline di Sicciole - Slovenia

Il parco naturale delle saline di Sicciole si trova nella Slovenia marina, lungo la fascia costiera più corta del mare Adriatico (solo 46,6km) dove, tra la biodiversità e la presenza dell'uomo, si estrae ancora il sale con i metodi tradizionali di questo territorio. Le vite degli animali, delle piante, degli uomini ruotano tutte intorno alla presenza determinante del sale. Fonte di estrema ricchezza fin dal Medioevo, il sale in Slovenia viene ancora raccolto in due delle tre saline presenti con metodi tradizionali. Al parco sloveno delle saline di Sicciole si accede pagando un biglietto del costo di 5€ per gli adulti, 3€ per giovani, studenti e pensionati e gratuito per bimbi sotto i 6 anni. Il parco è diviso in due aree: Lera e Fontanigge ognuna delle quali è fornita di un'entrata per le biciclette e per i pedoni (dove è anche possibile il noleggio delle due ruote!). Ogni ingresso è preceduto da un parcheggio dove si può lasciare l'automobile, ma il modo migliore per effettuare una visita è senza dubbio quello di saltare in sella ad una bicicletta e pedalare nel meraviglioso ambiente delle saline.. Esistono due percorsi ciclabili della lunghezza di 3/4 km che permettono di esplorare parte di questo particolare ambiente. Dall'entrata principale, seguendo la strada diritta, si giunge in meno di un chilometro alla piazza dei salinai, al centro multimediale dove scoprire tutto e di più sulla storia e la vita attuale delle saline ed allo spiazzo belvedere per avere una vista completa sul comprensorio del parco. Per raggiungere il cuore del parco dall'ingresso principale, si oltrepassano alcuni canali dove, durante la primavera e l'inizio estate, nidificano molte specie di avifauna acquatica come la garzetta, simbolo del parco. Dall'accesso di Fontanigge si può raggiungere il museo dei salinai dove si possono visitare alcune vecchie case ristrutturate ed arricchite dalla presenza di attrezzi da lavoro, fotografie ed altro materiale. I gruppi guidati possono raggiungere il parco anche a bordo di imbarcazioni direttamente dal golfo di Pirano e poi iniziare la visita guidata a piedi all'interno della riserva. Nel parco si trova anche la trattoria Solni cvet famosa in tutta la Slovenia per la presenza di un bravissimo chef, Damjan Babič, che conduce una trasmissione televisiva, dove assaggiare piatti tipici istriani e vecchie ricette da salinai! Appena fuori dal parco, dalla parte di Lera, si può invece alloggiare presso la Casa del Sal dove trascorrere giornate quiete fra degustazioni di prodotti di ottima qualità e primizie raccolte nell'orto del proprietario o pomeriggi più attivi in sella ad una mountain bike o esplorando i dintorni a piedi!
 
 
Letto 7982 volte
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!