fbpx

Unisciti alla LiT Family

 


La Majella in sella | Da San Valentino a Pescocostanzo 15° tappa

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
 
 

La notizia dell'avvistamento dei lupi non mi è proprio andata giù. E' incredibile pensare che pochi minuti dopo il nostro passaggio abbiano deciso di fare la loro apparizione... ci hanno proprio preso in giro, ma è meglio non pensarci più!

Il vento soffia da nord stamattina mentre le nuvole basse nascondono i massicci più alti del Parco nazionale della Majella. Le bici sono già cariche e pronte alla traversata che ci aspetta anche se il tempo minaccioso non lascia presagire nulla di buono...

ritorno a occidente indice Georgia
Sono arrivati i 2 volumi di Ritorno a Occidente, libri fotografici dedicati al nostro viaggio in bici attraverso la Georgia e la Turchia, tra le alte vette del Caucaso e le lande anatoliche. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 

Sterrato e cani pastore

Partenza fuoristrada sui sentieri che compongono la rete per mountain bike del parco nazionale della Majella, una fitta maglia di tracciati divertenti e ancora poco conosciuti che vale la pena di esplorare, l'ideale per riprendere il nostro viaggio in bicicletta all'interno della riserva naturale.
Nel silenzio più assoluto, zigzagando tra le pozzanghere fangose, spingendo sui pedali nei tratti più scoscesi approdiamo all'ingresso di una fattoria. Il silenzio non lascia presagire nulla di buono mentre avanziamo evitando i crateri pieni di acqua rossastra. L'agguato ci coglie di sorpresa: otto cani pastore, giganti e impavidi, ci bloccano il passaggio. Lentamente, uno ad uno, si avvicinano sospettosi annusando le borse e ringhiando istintivamente. "Drago, vieni via", la voce tuonante di un'anziana signora scongiura il peggio richiamando a sè i cucciolotti.
mtb majella
Un risatina isterica, un cenno di saluto e qualche pensiero riguardo l'incontro inaspettato, mettono fine al tracciato sterrato che anticipa la valle dell'Orfento e Caramanico Terme. Se i cani pastori avessero scambiato Leo per una pecora nera (la folta barba poteva trarre in inganno) e me per un rapitore a due ruote... beh non sarei di certo qui a raccontarlo! 

eremo san bartolomeo

A chi seguisse il nostro stesso itinerario ciclabile consiglio due cose: sii cauto con i cani e tieniti alla larga dalle pecore, con questa accortezza non dovrai temere le fauci dei cani-pastore; se hai un po' di tempo a disposizione visita questo angolo di Abruzzo camminando fino all'eremo di San Bartolomeo, non te ne pentirai!

orfento

Verso il Passo San Leonardo

Caramanico Terme è il primo di una breve serie di borghi che precedono il Passo di San Leonardo a 1282 metri. Saliamo, metro dopo metro, pedalata dopo pedalata, ma del valico neanche l'ombra... forse abbiamo sbagliato strada? Le nuvole sono talmente basse che perdo due volte il mio compagno di viaggio e, senza punti di riferimento, mi sento piuttosto smarrita. Finalmente, dopo una sosta al sapore di mozzarella e un ultimo sforzo in salita, raggiungiamo lo spiazzo del passo appenninico pronti più che mai ad una cioccolata calda. 

La cioccolata resta ovviamente un miraggio fino al paesino successivo, Campo di Giove, meta invernale ambita dagli sciatori, ma deserta in questo periodo dell'anno. L'atmosfera è serena anche se le alte vette del parco nazionale della Majella si fanno scorgere solo per pochi secondi.

pneumatici da neve majella

A Campo di Giove inizia il nostro viaggio in bici spalla a spalla con la vecchia ferrovia Sulmona - Carpinone conosciuta anche con l'importante appellativo di Transiberiana d'Italia. I binari immobili corrono a fianco della strada ma nessun treno farà la sua apparizione in questa giornata uggiosa e malinconica. La Transiberiana d'Italia è ancora in funzione ma solo per poche corse annuali in occasione di eventi particolari, chissà quanto resisterà?

Pescocostanzo, arrivederci Majella

Il Parco nazionale della Majella si estende su un territorio vasto e selvaggio. Uno degli ultimi suoi avamposti meridionali è la cittadina di Pescocostanzo, meta ambita dai turisti, dai viaggiatori e... dagli orsi marsicani. Poco tempo fa infatti un plantigrado ha fatto visita al paese durante la notte e, dopo aver incontrato una donna, si è dato alla fuga correndo come un matto tra vie e vicoli ripreso dalle telecamere di sicurezza... credo che non tornerà più.
Pescocostanzo è un luogo tranquillo situato ai piedi delle ultime propaggini della riserva: la traversata del parco nazionale della Majella, da San Valentino in Abruzzo Citeriore ha fine proprio qui. Ci troviamo a due colpi di pedale dal Molise, una regione che non conosciamo, una regione tra le più trascurate d'Italia, tra le meno considerate per un viaggio in bicicletta o un'avventura esplorativa eppure qualcosa mi dice che saprà riservarci molte sorprese...

pescocostanzo in bici

Per scoprire tutte le tappe di #transitalia e scaricare le tracce GPS dai un'occhiata alla mappa del nostro viaggio in bici oppure continua a viaggiare in bici per l'Italia tornando alla tappa n° 14 da Rocca Calascio a San Valentino... a breve ti racconteremo anche la quattordicesima tappa da Pescocostanzo a Carovilli, in Molise.

Cosa vedere

  • Parco nazionale della Majella
  • Valle dell'Orfento
  • gli eremi che punteggiano il territorio
  • Borghi verso il Passo di San Leonardo
  • Assaggiare i formaggi locali e la mozzarella tra le montagne
  • Pescocostanzo e la ciclabile dedicata a Luigi Vittorio Bertarelli verso Roccaraso

Dove dormire a Pescocostanzo

Nel cuore di uno dei borghi più a sud del Parco nazionale della Majella si trova il Garnì albergo La Rua a conduzione familiare. I fratelli che lo gestiscono sono appassionati di montagna, amano il loro territorio e potranno darti tanti consigli su cosa visitare in Abruzzo, come spostarti, cosa scoprire nei dintorni. Stanze confortevoli e bella vista!

Dove mangiare a Pescocostanzo

Se hai voglia di assaggiare qualche piatto locale e di rilassarti in buona compagnia, a Pescocostanzo si mangia bene presso il ristorante La Terrazza. Personale gentile, proprietario simpatico, ottimo cibo.

 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!