• English (UK)
Bike Jamming - Bici da viaggio

Vota questo articolo
(3 Voti)

Orientale Sarda in bici: Sardegna dell'est tra mare e monti

    Orientale Sarda in bici

    L'Orientale Sarda in bici permette di scoprire alcuni angoli della Sardegna poco conosciuti al turismo di massa e, con le dovute accortezze e le corrette alternative, di pedalare in sicurezza da sud a nord dell'isola (o vicevresa). L'Orientale Sarda, o strada statale 125, è la più antica via di collegamento della Sardegna dell'est e venne istituita nel 1928. Nel corso degli anni il tragitto è stato migliorato o modificato con varianti più scorrevoli per il traffico veicolare, molti tronconi della vecchia strada sono stati abbandonati dalla viabilità ordinaria e oggi si presentano come magnifiche alternative per scoprire questo versante della Sardegna in bicicletta.

    10 orientale sarda in bici sterrato lungomare

    Mappa

    Per dedicarci alla percorrenza dell'Orientale Sarda in bicicletta in sicurezza abbiamo deciso di cercare alcune varianti sterrate da inserire nell'itinerario. Passando dal mare ai monti il percorso affronta tutto il versante orientale dell'isola collegando la famosa località balneare di Villasimius al porto d'imbarco di Olbia, nella parte nord orientale della Sardegna.01 orientale sarda in bici

    Orientale Sarda in bici

    La Sardegna è una delle regioni più incredibili della nostra penisola da visitare in bici: la costa con le calette nascoste, l'entroterra montuoso e i suoi borghi, i siti archeologici e i piatti tipici, l’isolamento che ne ha accentuato le caratteristiche rispetto al resto dell'Italia e per tanti altri motivi tra cui sicuramente il clima soleggiato durante la maggior parte dell’anno. Da Villasimius a Olbia, l'itinerario dell'Orientale Sarda in bici alterna strade costiere e ascese montuose nel cuore del territorio sardo attraverso paesi nascosti agli occhi distratti, ex basi militari, spiagge incantate, prime fra tutte quelle dell'Ogliastra, e il Parco Nazionale del Golfo di Orosei e del Gennargentu dove si trova la cima più alta dell'isola, Punta La Marmora con i 1.834 metri di quota.17 orientale sarda in bici meraviglie sul mare

    Da Villasimius tra spiagge e stagni

    Il nostro percorso dell'Orientale Sarda in bici inizia dalla famosa Villasimius, nell’estrema punta sud-orientale dell’isola. La località, molto frequentata dai vacanzieri da fine primavera all'autunno, nelle stagioni di basso flusso turistico appare quasi come una città fantasma. L’itinerario cicloturistico, che si può percorrere in 4-7 giorni, raggiunge la spiaggia di Simius lungo la provinciale 18 salendo con due tornanti all'inaspettato punto panoramico su Punta Molentis e l’isola Serpentara. La strada scende poi verso Cala Pira e la piana di Cala Sinzias. Restando sulla costa si oltrepassano Sant’Elmo e Costa Rei con la misteriosa casa della Contessa, prima di costeggiare Piscina Rei e tagliare Capo Ferrato con il suo splendido promontorio. Il percorso fino a questo punto risulta essere un po’ nervoso, ma mai davvero impegnativo. 07 orientale sarda in bici asfodeloSempre con il mare a vista, si attraversa la zona paludosa degli stagni di San Priamo dove i colori della fioritura primaverile si incontrano a quelli del mare e del cielo e dove si scorge per la prima volta la Statale 125, l'Orientale Sarda. In bici si percorerranno diversi tratti della strada originale che in molti luoghi è stata soppiantata da una variante divenuta oggi più trafficata. L’itinerario cerca comunque, dove possibile, di immettersi su strade alternative ancor più secondarie, soprattutto perché durante l'alta stagione il gran flusso di turisti affolla anche questa arteria.02 orientale sarda in bici gole

    Villaputzu e il poligono di Quirra

    Dopo un breve tratto di SS125, nella piana che precede Muravera, in bici si inizia a seguire una sterrata che corre a monte della statale fino al paese. 04 orientale sarda in bici villaputzuVillaputzu sorge appena oltre il Flumendosa, a 3 km dalla costa. Nella località delle launeddas, uno strumento musicale molto antico in grado di riprodurre la polifonia, si raggiunge l’antica chiesa di San Giorgio Martire realizzata dai genovesi nel XII secolo per imboccare un breve tratto di itinerario ciclabile.05 orientale sarda in bici ciclabile villaputzu

    Tornati sulla SS125 all'altezza di Santa Maria, si prosegue fino a Quirra dove si lascia nuovamente per svoltare a destra su strade secondarie verso Torre Murtas. 16 orientale sarda in bici torre murtasIn bici ci si inoltra nella macchia mediterranea costiera superando il Rio Quirra e procedendo per circa 4 km, l'ultima parte in salita, fino a Torre Murtas, costruita alla fine del XVIII secolo.06 orientale sarda in bici campagna sarda Prima di raggiungere l'edificio conico si incontrano dei cartelli dove si evidenzia il divieto ad attraversare l'area del poligono di Quirra. Dal 1956 infatti la zona è soggetta a stagionali esercitazioni militari... o almeno questo accadeva fino al 2011, anno in cui la procura di Lanusei aprì un'inchiesta sulla cosidetta Sindrome di Quirra. Una serie di morti sospette per tumore tra militari e pastori della zona oltre a strane deformazioni rinvenute negli animali nati negli ultimi anni seguì il ritrovamento di casse di uranio all'interno dell'area del poligono. Come anticipato prima, il passaggio nella zona del poligono è vietato, ma al tempo del nostro itinerario l'area appariva completamente abbandonata. Noi abbiamo deciso di proseguire verso Torre Murtas e la costa a nostro rischio e pericolo. Se anche tu deciderai di continuare in questo itinerario attraversando l'area militare sarà solo una tua responsabilità.08 orientale sarda in bici poligono di quirra

    Da Torre Murtas inizia uno struggente sterrato, a tratti sassoso e difficile da pedalare, sul mare cristallino di Sardegna. 11 orientale sarda in bic macchia mediterraneaiSali e scendi impegnativi si susseguono veloci in una cornice a dir poco meravigliosa. L'ameno tratto costiero sterrato è lungo circa 7,5 km dopo i quali si torna su asfalto all'altezza di località Barisoni.12 orientale sarda in bici sterrato tecnico

    Dal mare ai monti verso Tertenia

    Barisoni ci accoglie nuovamente su asfalto, ma è un passaggio veloce. Presto il piccolo agglomerato resta alle spalle mentre ci si avvicina alla Torre di San Giovanni Sarrala, forse la torre più conosciuto della regione storico-geografica dell'Ogliastra. 18 orientale sarda in bici sguardo arbataxQuesto edificio difensivo, durante un attacco di navi dei mori provenienti dalla Tunisia nel 1812, respinse l'assalto evitando che Tertenia fosse depredata. 27 orientale sarda in bici torre san giovanni sarralaDalla torre si riprende velocemente l'Orientale Sarda in bicicletta cominciando una lenta ascesa panoramica in direzione di un valico a 220 m. 25 orientale sarda in bici notte sotto le stelleDallo scollinamento la strada inizia a scendere in un contesto idilliaco e verdeggiante fino a superare ancora una volta il Rio Quirra e giungendo poi a Tertenia. La cittadina è stata costruita all'interno del complesso del Monte Ferru, la più grande formazione vulcanica dell'isola. L'Orientale Sarda da Tertenia in parte costeggia la nuova SS125 inoltrandosi poi nella vegetazione selvaggia dell'entroterra. 

    Il paese di Maria Lai

    Una dolce risalita nel verde, con successiva discesa, permette di raggiungere Cardedu e Bari Sardo, dopo essere passati davanti al suggestivo paesaggio di Jerzu e Ulassai abbarbicati a 750 m sulle prime propaggini montuose dell’Ogliastra. 23 orientale sarda in bici jerzu e il supramonteSormontato dal pittoresco Tacco di Ulassai, l'omonima località è inserita nella zona blu internazionale (per gli ultracentenari!) ed è il paese natio dell'artista Maria Lai, che ha esposto alcune opere anche ad Aggius in Gallura. Ulassai appare immobile alla vista, come una pietra preziosa incastonata tra la dolomia e il calcare. Oltre alla grotta di Su Marmuri, nei dintorni della cittadina non si può perdere il complesso bizantino di Santa Barbara.

    Con Cardedu e Bari Sardo si avvicina anche il mare che si raggiunge percorrendo stradine nascoste tra Punta Su Mastixi e la spiaggia di Cea. Si arriva a Tortolì, il centro più popoloso della zona, dopo diversi chilometri. 22 orientale sarda in bici verso tortoliTortolì si trova a poche pedalate da Arbatax ed è quindi un luogo ideale per partire alla scoperta della cattedrale di rocce rosse sul mare. 20 orientale sarda in bici rocce rosse arbataxProseguendo nell'itinerario, per attraversare Lotzorai, si è costretti a seguire un breve tratto di strada ad alto scorrimento prima di deviare le ruote della bicicletta verso Santa Maria Navarrese da dove inizia un’impegnativa risalita verso Baunei.

    Dal mare al cuore della Sardegna

    Santa Maria Navarrese, frazione di Baunei, vanta la candida chiesa di Santa Maria di Navarra del XI secolo che sorge in una bella radura punteggiata da olivastri secolari. 29 orientale sarda in bici chiesa santa maria navarraPoco sopra Santa Maria Navarrese quindi si ricomincia a percorrere l'Orientale Sarda in bici e non la si lascerà più fino a poco prima di Cala Gonone. 19 orientale sarda in bici olivastro centenario santa mariaQuesta fetta del territorio sardo è parte del Parco Nazionale del Golfo di Orosei e del Gennargentu che può essere visitato in barca, a piedi o in bici, in modalità totalmente diverse!34 orientale sarda in bici arbatax e tortoliBaunei appare all'improvviso come un presepe aggrappato alla roccia. Dal paese si diramano strade che permettono di arrampicarsi fino all’Altopiano del Golgo: se hai qualche giorno extra consiglio di investirlo nell'esplorazione della zona. 35 orientale sarda in bici chiesa di bauneiL’Orientale Sarda, superata Baunei, sale dolce fino al valico di Genna Ramene a 670 metri per poi infilarsi ancora nell’entroterra ricoperto dalla macchia mediterranea. 33 orientale sarda in bici salendo da bauneiPinete e boschi di leccio accompagnano l'avanzata dei viaggiatori verso il paese di Urzulei che appare isolata più in basso. Dal punto di vista panoramico lo sguardo può spaziare dai pascoli in quota del Supramonte Urzulei fino alle alte vette del Gennargentu. La salita continua imperterrita con pendenze accettabili verso il valico di Genna Silana, appena oltre i 1000 m di quota. 30 orientale sarda in bici entroterra e mareLa strada è panoramica e le gole del Gorropu, impressionante squarcio nella roccia dell'entroterra sardo, appaiono misteriose. Le gole sono visitabili durante la bella stagione a piedi. La SS125, in un susseguirsi continuo di scorci mozzafiato, supera le asperità più ardue per poi iniziare a scendere lentamente verso il mare.32 orientale sarda in bici skyline montagne

    Le meraviglie costiere dell'Orientale Sarda in bici

    Per poter raggiungere la costa di Cala Gonone, prima di entrare a Dorgali, ci si troverà costretti a lasciare la statale, percorrere un lungo tunnel e gettarsi a capofitto nei tornanti che sovrastano il paese. Il mare della piccola frazione di Dorgali è davvero cristallino e invitante, soprattutto nella bassa stagione turistica quando le spiagge sono praticamente deserte. 31 orientale sarda in bici supramonteLungo la costa di Cala Gonone si trovano anche le famose Grotte del Bue Marino dove viveva la rara foca monaca, oggi purtroppo scomparsa dall'area. Da Cala Gonone per proseguire nel percorso si dovrà risalire nell'entroterra per superare il passo di Littu a quota di 300 m. Orosei è piuttosto vicina e percorrendo l'Orientale Sarda in bicicletta si raggiunge in 12 km. La località della storica regione delle Baronie vanta una biodiversità variegata dove pini marittimi, ginepri e oleandri sono i veri protagonisti. Il mare nell'ultimo tratto dell'itinerario è il fidato compagno di avventura del viaggiatore e la costa regala spiagge, cale e scogli da mille e una notte per una sosta pancia all'aria. 03 orientale sarda in bici aranceOlbia è ormai prossima a essere raggiunta ma prima si potrà sostare nel bel borgo di Posada, sulla lunga spiaggia bianca di San Teodoro chiamata La Cinta o a Budoni per un'ultimo tuffo. Posada in particolare merita di spendere qualche parola in più: arroccata su una rupe dove a dominare la scena è il Castello della Fava (XIII secolo), questo paese è parte delle Bandiere Arancioni Touring Club e dei borghi più belli d'Italia. Posada sorge nel cuore del Parco di Tepilora dove lagune, stagni, foreste e dune di sabbia creano un ambiente unico in cui praticare mountain bike, camminare o fare birdwatching.21 orientale sarda in bici spiaggia santa maria navarrese

    Avvicinandosi a Olbia si superano aree davvero affollate in estate come le suddette San Teodoro,Budoni e Capo Coda Cavallo. Gli ultimi chilometri prima della città regalano panorami sull'isola Molara, sulla Tavolara e sul Mediterraneo.Olbia è una località importante della regione e uno dei porti (e aeroporti) principali per rientrare sul continente dopo un viaggio in Sardegna, lungo l'Orientale Sarda in bicicletta.

    • Villaputzu: il paese delle launeddas si trova proprio a due passi dalla costa orientale sarda ed è un ottimo piunto sosta prima di iniziare il tratto sterrato nella zona di Quirra
    • Torre Murtas e Torre San Giovanni di Sarrala: due degli edifici del sistema difensivo sardo si incontrano lungo questo itinerario. Le due torri sono ottimi punti di osservazione e regalano albe memorabili
    • Baunei e dintorni: la meravigliosa zona di Baunei include anche la località marittima di Santa Maria Navarrese e tutte le splendide cale raggiungibili in kayak, a piedi o in barca. Salendo da Bauneo ci si inoltra nell'entroterra e nel cuore dell'Ogliastra.
    • Rocce rosse: questa formazione affiora vicino alla costa di Arbatax e si mostra in tutta la  propria bellezza soprattutto all'alba
    • Posada: dominata dal castello e abbarbicata a una rupe, Posada è un borgo meraviglioso da scoprire a piedi
    • Spiagge e calette dell'est: la costa sarda è punteggiata da meravigliose distese rocciose o di sabbia dove il mare cristallino si mostra in tutta la propria meraviglia. Se si ha tempo si consigliano numerose nuotate e tuffi nel mare di Sardegna.
    • Come raggiungo Villasimius? Cagliari è uno dei porti e aeroporti di arrivo della Sardegna. Dalla città con la linea 101 è possibile raggiungere Villasimius con bici al seguito in caso il mezzo sia dotato di vano bagagli. Più informazioni sul sito dell'ARST.
    • L'itinerario è segnalato? No, il percorso proposto è stato studiato da noi e non è segnalato.
    • Sono presenti fontane o fonti d'acqua in generale? Lungo l'itinerario si trovano poche fonti d'acqua ma anche alcuni ristori dove fare rifornimento. Vedi la mappa per maggiori dettagli
    • Com'è la qualità delle strade e del percorso dell'Orientale Sarda ? La qualità delle strade affrontate dall'itinerario è buona fatta eccezione per l'area del poligono di Quirra e il successivo lungomare che presentano sterrati sassosie  impegnativi.
    • Itinerari collegati: questo itinerario fa parte del nostro periplo della Sardegna di 1400 km in bici così come la Nurra in bici ma lo puoi anche collegare al percorso da Alghero agli stagni di Cabras. o inserire in quest'altro giro della Sardegna in bici
    • Quanto costa dormire lungo l'orientale Sarda? La Sardegna, come tutte le località balneari, subisce delle variazioni di prezzo incredibili con aumenti notevoli in estate e prezzi più che accessibili negli altri periodi. Il consiglio è quindi, per ragioni economiche ma anche climatiche e soprattutto di traffico, quello di viaggiare in questa zona fuori stagione, in primavera o autunno... certo, ferie permettendo!
    • Dove dormire lungo l'orientale Sarda? Villaputzu, Tertenia, Baunei sono le principali località che si incontrano nella parte più meridionale di questo itinerario. Oltre a queste località si può decidere di fare tappa a Cala Gonone, Orosei o, se si preferisce un borgo medievale, a Posada. Se preferisci avere più libertà puoi invece prenotare un appartamento su AirBnB.
    • Cosa mangiare lungo l'Orientale sarda? La Sardegna è terra di mare e monti l'Orientale Sarda attraversa entrambi gli ambienti. Durante un viaggio in bici nell'est della Sardegna bisogna assolutamente assaggiare is culurgionis importati dall'Ogliastra e is malloreddus oltre al casu marzu e dolci tipici come is pardulas e is pabassinas.
    • Dove mangiare sull'Orientale Sarda? L'itinerario è pensato per essere percorso in diversi giorni e i principali punti di appoggio possono essere diversi... A Villaputzu ti consiglio il Ristorante Al Miele e Pappa e Buffa, a Baunei fermati al Piscin'e Janas Ristorante Pizzeria o al Pedra Longa.
    • Sardegna Turismo: il portale ufficiale della Sardegna dove trovi informazioni e suggerimenti sull'isola
    •  

    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Persone nella conversazione:
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
    • Questo commento non è pubblicato.
      Stefania Contini · 1 mesi fa
      La prima parte della SS 125 passa ai piedi della foresta dei Sette Fratelli e prosegue accanto a un fiume che ha scavato il suo corso tra spettacolari graniti e porfidi. Questo tratto è ancora meno frequentato anche dai locali e per oltre 30' non ci sono centri abitati, solo pura Natura. Per questo ritengo sia un tratto da non perdere. Io abito lungo questo primo tratto, al Villaggio delle Mimose, un piccolo centro residenziale ai piedi della Foresta dei Sette Fratelli, dove gestisco il mio B&B.
      Riguardo il tratto di Quirra, vi sconsiglio il passaggio nel periodo delle esercitazioni (in genere maggio), per il resto dell'anno in genere non ci sono problemi.
      Grazie per questa bella presentazione!
      Le immagini e la descrizione vi dicono già quanto è bella la nostra Sardegna.
      Vi aspettiamo al termine di questo periodo! Vi innamorerete della nostra Isola
      • Questo commento non è pubblicato.
        Vero · 1 mesi fa
        Ciao Stefania, grazie per il tuo commento e le informazioni sul primo tratto e il pezzo di Quirra La Sardegna (ma anche i sardi!) è meravigliosa!
    Veronica

    Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
    Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
    Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
     Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
    Carpediem e buone pedalate!

               

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su