Vota questo articolo
(3 Voti)

MTB sul lago d'Iseo: alla Croce di Marone sul monte Guglielmo

Una delle montagne più gettonate dai bikers che pedalano sul lago d'Iseo è il monte Guglielmo o Golém. Non avremmo mai pensato di poterlo scalare, anche se soltanto in parte, il primo giorno dell'anno. Eppure le temperature miti e le scarse precipitazioni di quest'anno sono state propizie. Decisi a far valere il detto, riadattato, che "Chi pedala il primo dell'anno, pedala tutto l'anno", siamo partiti di buon'ora da casa per raggiungere le sponde del lago con il tepore del primo sole che lo illuminava.
Questo percorso MTB al lago d'Iseo, sponda bresciana, si snoda interamente su strade, in parte asfaltate ed in parte fuori strada, senza avere grosse difficoltà tecniche in estate per raggiungere il rifugio Croce di Marone a 1166 m. Tutt'altra cosa è stata la pedalata, suggestiva e divertente, sulla neve battuta di gennaio.

Mappa

 

Il lago e le piramidi di Zone

Lasciata l'auto in un parcheggio sulle sponde del lago, all'ingresso di Marone, ci dirigiamo verso il centro del paese per svoltare subito in salita verso Zone lungo la SP32, l'antica strada valeriana. Seguiamo la strada principale verso il piccolo centro, famoso per le piramidi di terra che si vedono spuntare a fianco della strada poco prima di raggiungere la frazione di Cislano. piramidi di zone 2Una sosta ad un tornante ci permette di rifiatare mentre scattiamo qualche foto ma l'ombra e la bassa temperatura ci convincono a ripartire velocemente. Passiamo la chiesa di San Giorgio e poco più avanti, ad una curva verso sinistra, lasciamo la strada seguendo le indicazioni per il monte Guglielmo sulla destra.panorama iseo mtb
 

Al rifugio Croce di Marone

Subito la strada si ricopre di una sottile coltre di neve battuta che nel bosco si alterna a brevi ma pericolosi tratti di ghiaccio. La salita è costante ma mai impossibile e le ruote delle MTB, seppure montino copertoni estivi, non scivolano più di tanto. La strada si inerpica dapprima immersa nel bosco e poi, piano piano, illuminata dal sole che scioglie la neve. Si superano un paio di strappi resi meno aspri da una serie di tornanti, lungo il sentiero della Valle di Grasso. Intorno a quota 1140 m la strada spiana ed aggira il monte Guglielmo dolcemente fino a condurvi alla sella dove si trova il rifugio Croce di Marone. Qui sulla sinistra inizia l'impegnativa ascesa finale fino al rifugio Almici e alla cima del monte Guglielmo: noi decidiamo di rinunciare visto lo strato di neve sempre più importante e soprattutto vista l'ora già tarda. 
 mtb monte guglielmo neve

Forcella di Sessero e forcella di Sale

Torniamo sui nostri passi per qualche metro ed imbocchiamo sulla sinistra la strada che conduce verso il Santuario della Madonna della Rota. Alla prima curva però la abbandoniamo svoltando a sinistra su un sentiero inizialmente in discesa e poi in ripida salita che conduce alla forcella di Sessero (1186 m), splendida spianata imbiancata da un soffice strato di neve. Inziamo la discesa fino al passo Spino da dove risaliamo brevemente verso la forcella di Sale. Qui deviamo pochi metri dal percorso sulla destra per ammirare un maestoso panorama sulla parte meridionale del lago d'Iseo e sull'isola lacustre più grande d'Italia, Montisola, perfetta meta per la MTB. Rientrati sulla retta via, iniziamo una discesa molto pendente e scivolosa, mista su cemento e ciottolato. Procedendo con attenzione, precipitiamo di quota fino ai 780 m circa dove un sentiero sulla destra abbandona la strada per dirigersi verso la piccola frazione di Portole.salita neve mtb
 

Da Portole a Marone

Giunti sull'asfalto, lo seguiamo in discesa per poche decine di metri ed al primo tornante imbocchiamo il sentiero sulla destra (indicazione per l'agriturismo Varzà). Il percorso in saliscendi, prima su cemento e poi su sterrato, richiede in qualche punto di scendere dalla bici e spingere per pochi minuti. Oltrepassato il torrente, il fondo si fa più ampio e largo fino a diventare una strada sterrata e piacevole. Il panorama del tramonto sul lago d'Iseo ci accompagna in queste ultime pedalate. Raggiungiamo in breve l'asfalto sopra il centro di Sale Marasino e deviamo a destra per percorrere ancora un tratto della via Valeriana Antica, restando in quota poco sopra il livello del lago. All'ennesimo tornante lasciamo la strada per imboccare, dopo pochi gradini, un bel sentiero immerso tra gli ulivi. In poche centinaia di metri sbuchiamo nel centro di Pregasso, perdendoci tra i vicoli. Di qui la picchiata verso Marone è veloce ed asfaltata.
 discesa panorama lago iseo mtb
Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
Torna su