fbpx

Abbonati alla LiT Family 

Abbonati alla Life in Travel Family - aiutaci a diffondere la cultura cicloturistica in Italia


Vota questo articolo
(3 Voti)

MTB Livorno: 2 giorni tra mare e colline

Trascorrere un paio giorni di marzo al mare non è poi così male! Questa volta io, Leo e Vero ci troviamo a Livorno per incontrare Giuseppe, l’anima di Mald’avventura, ovvero il tour operator a cui ci affidiamo per la direzione tecnica dei viaggi targati Life in Travel. L’obiettivo dell’incontro è chiaramente il lavoro, ma questa due giorni sarà ricordata anche per due fantastici giri ad anello attorno alla terra di origine di Giuseppe, tra strade bianche, single trail scorrevoli e tecnici, con panorami mozzafiato sul mare e sulle colline che avvolgono la città costiera. Un bel mix che fa da contorno a due giornate MTB Livorno.

MTB Livorno: colline livornesi nord

 

Dati tecnici

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Agriturismo La Mignola
Tempo 5-6 h
Dislivello 770 metri circa
Lunghezza 55 km
Tipologia di fondo
Asfalto 40%
Sterrato 50%
Single Trail 10%
VALUTAZIONE
Difficoltà Medio
Panorama Molto Bello
QUANDO ANDARE
MarzoAprileMaggioSettembreOttobreNovembre

La valle del Chioma

La nostra prima giornata parte all’insegna della tranquillità in un territorio che si chiama Valle del Chioma. Il punto di partenza è l’agriturismo La Mignola, un’oasi di pace immersa nei boschi a pochi chilometri dal mare. Seguiamo una bellissima strada bianca, risistemata dopo l’enorme alluvione del 2017 che ha devastato questa valle. Costeggiando il piccolo corso d’acqua a regime torrentizio, percorriamo vari saliscendi divertenti con diversi scorci sulle radure circostanti e il borgo di Nibbiaia.

1 MTB LIVORNO

La strada prosegue seguendo il fondovalle per un po' ma a un certo punto si impenna, con tratti misti cemento-sterrato; saliamo lasciando alle spalle la sorgente del torrente Chioma e il Poggio Ginepraia (345 m), fino a raggiungere un bel balcone panoramico, luogo di sosta meritata.

Qui ci stacchiamo dallo sterrato per affrontare in discesa un sentierino scorrevole e divertente, da guidare schivando le fronde degli alberi che tendono ad avvolgerlo. 

Raggiungiamo in breve il piccolo laghetto Fonte all’Amore e successivamente, dopo aver dato uno sguardo al soprastante Poggio Lecceta su cui spicca una stazione radar di forma sferica, ci immettiamo sull’asfalto fino a Livorno, lasciando per un paio d’ore questi ambienti rilassanti.

2 MTB LIVORNO

Visita della città di Livorno

Seguendo il corso del Rio Ardenza in discesa arriviamo ben presto a Livorno, città sviluppatasi nel corso dei secoli mantenendo una forte vocazione multiculturale e una frequentazione di numerosi mercanti stranieri. Attraverso la sua ciclabile costiera si possono apprezzare le architetture dei suoi edifici e la Terrazza dell’Ardenza attorno alla rotonda dedicata a Carlo Azeglio Ciampi.

3 LIVORNO

Dopo uno spuntino, riprendiamo la marcia pedalando in mountain bike Livorno, tra il porto, l’accademia navale, il borgo vecchio e la Fortezza Nuova circondata dall’acqua. Ben presto usciamo dal traffico cittadino per inoltrarci nuovamente nella natura. Arriviamo ai Bagnetti della Puzzolente, vecchia struttura termale del diciannovesimo secolo che ora versa in stato di abbandono e il cui toponimo evoca le maleodoranti acque di origine sulfurea. Dopo una breve digressione su sentiero sul limitare dei campi, ci tuffiamo sull’asfalto per pochissimi chilometri, fino ad intercettare la deviazione per via del Corbolone, che affrontiamo in salita. Con una breve deviazione a piedi raggiungiamo l’appartata cascata dell’Infernaccio, una vera chicca.

4 MTB LIVORNO

Tra parchi, storia e foreste

Ritornati sui nostri passi e inforcate di nuovo le biciclette, saliamo sullo sterrato tra scorci panoramici sul mare e la città, attraversando il Parco Provinciale dei Monti Livornesi, area protetta istituita nel 1999 e che copre una superficie di circa 1300 ettari. Procedendo su un buon sterrato dalle pendenze costanti e quasi mai ostiche, facciamo due deviazioni su sentiero: la prima per vedere le ghiacciaie settecentesche, dei veri frigoriferi naturali utilizzati nei tempi passati dalle genti del luogo; la seconda verso il piccolo Eremo della Sambuca, risalente al 1100 e attualmente bene del Fondo Ambiente Italiano.

5 EREMO

Lasciati questi luoghi dimenticati e immersi nel fitto bosco, saliamo fino a Valle Benedetta (320 m), piccolo nucleo del comune di Livorno dove è installata la postazione radar già avvistata qualche ora prima lungo il percorso. Aggiriamo il Poggio Lecceta (457 m, massima elevazione delle colline livornesi) e ci immergiamo nella foresta della Valle Benedetta lungo uno sterrato in discesa vicino ad un allevamento di maiali.

Nei pressi delle sorgenti del settecentesco acquedotto Leopoldino, altro bene del Fai che servì Livorno tra il 1816 e il 1912, ci immettiamo su uno sterrato in discesa fino agli “Specchi”, punto panoramico sul mare. Dopo il divertentissimo single trail “Trombino”, torniamo sulla strada e  raggiungiamo Le Palazzine, prima di imboccare la Valle del Chioma fatta in mattinata al contrario fino all’agriturismo.

6 MTB LIVORNO

MTB Livorno: colline livornesi sud

 

Dati tecnici

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Agriturismo La Mignola
Tempo 3-4 h
Dislivello 580 metri circa
Lunghezza 29 km
Tipologia di fondo
Asfalto 25%
Sterrato 50%
Single Trail 25%
VALUTAZIONE
Difficoltà Medio
Panorama Molto Bello
QUANDO ANDARE
MarzoAprileMaggioSettembreOttobreNovembre

Anello a sud della città

Dopo una cena a base di prodotti tipici locali e una colazione abbondante, ci aspetta un’altra giornata di esplorazione sulle colline attorno a Livorno in MTB, tra mare, colline e single trail tecnici.

Una volta controllati i nostri mezzi, cominciamo a pedalare, con tranquillità e scioltezza visto che dobbiamo percorrere, di nuovo in salita, la valle del Chioma fino al belvedere panoramico sul paese di Nibbiaia. Le gambe girano ancora bene dopo la sgambata di ieri e questo ci rende felici sul prosieguo della gita.

7 SALITA

Una volta giunti sul punto panoramico, piuttosto che svoltare a destra sul sentiero fatto ieri, procediamo dritti lungo la pista tagliafuoco, tra i pini marittimi, i colori vivaci della macchia mediterranea e le tracce del lupo. La sterrata sale con decisione verso il Poggio alle Vacche e poi digrada verso un bivio.

8 MTB LIVORNO

Dai single trail a Nuvolari

I panorami sulle colline livornesi non mancano lungo tutta la salita e ci permettono di distrarci dalle fatiche per goderci appieno il territorio che stiamo attraversando. Giriamo a sinistra seguendo le indicazioni per Castellaccio; ben presto lasciamo la sterrata per intraprendere un bel single trail tecnico in discesa, con diversi tornanti e tratti con pietre smosse che mettono alla prova le nostre abilità tecniche.

9 MTB LIVORNO

Giunti sul fondo della valletta, risaliamo con fatica sul sentiero, ripido ma discretamente pedalabile, fino a giungere al famoso tornante chiamato “curva Nuvolari”. Un gruppo di appassionati che fanno parte dell’Automobile Club Livorno ha apposto qui una stele e una targa in onore del campione automobilistico del secolo scorso, Nivola figlio del Vento.

10 CURVA NUVOLARI

Il mare e la riserva Calafuria

Le temperature sono sempre gradevoli e stare in maglietta e calzoncini è un lusso, nello stesso periodo in cui in Lombardia ci sono dieci gradi in meno. Scendiamo su strada asfaltata verso il mare ma dopo poco meno di due chilometri, un invitante sentiero sulla destra ci permette di aggirare la collina e affacciarci su un incredibile belvedere.

Avvolti da una vegetazione rigogliosa e profumata non possiamo far altro che goderci lo splendido panorama sulla costa – che si trova 150 metri più in basso – da questo angolo di paradiso che porta il nome di balcone di Poggio delle Monachine. Alla nostra sinistra è ben visibile il castello Sonnino, che si erge su un promontorio a picco sul mare, e tutta la costa oltre Rosignano. Alla nostra destra, invece, la valle incisa dal Rio Calignaia e il monte Telegrafo (188 m). Chiaramente da qui non si vede la Maremma, molto più a sud come l’isola d’Elba.

11 MTB LIVORNO

Torniamo sui nostri passi, abbandonando questo luogo meraviglioso e percorrendo a ritroso il sentiero dell’andata. Di nuovo sull’asfalto procediamo in salita per qualche centinaio di metri fino ad imboccare un single trail nel bosco. Tratti flow si alternano a tratti tecnici ma sempre divertenti fino a lambire i confini meridionali della riserva naturale Calafuria, area protetta di 115 ettari costituita da una lecceta, ginestre e pini marittimi.

Giunti sul fondo della valle, il sentiero, che alla fine diventa un po’ sassoso, termina sulla strada litoranea, la Via Aurelia. Imbocchiamo questa arteria molto trafficata superando il paese di Quercianella, fino ad immetterci sulla bella strada bianca della valle del Chioma. Bastano poche decine di metri per ritrovarci in mezzo alla natura e fuori da ogni contesto antropizzato, nella pace e nell’armonia più completa. Dopo due chilometri e mezzo di percorso pianeggiante affrontiamo l’ultima erta di questa due giorni MTB a Livorno, duecento metri di salita dura prima della meritata birra all’agriturismo che ci ha ospitato.

12 MTB LIVORNO

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Bendo

Appassionato da sempre di attività outdoor con predilezione all'escursionismo esplorativo scandito da ritmi lenti e meditativi, mi sono affacciato al mondo della bicicletta all'età di 13 anni con la medesima predisposizione e da quel momento è stato un crescendo di esperienze che hanno contribuito a far maturare in me una visione romantica di questo bellissimo sport, sempre in contatto e in accordo con la natura.
 
Adoro pedalare nella mia terra d'origine (le Orobie) e sulle bellissime Alpi Occidentali, senza però  trascurare l'Austria, la Svizzera, etc., e tutti quei luoghi che mi stanno ancora aspettando. Peraltro mi piace alternare il ciclismo su strada a quello su sterrato, terreni diversi che non considero come eterni rivali ma bensì come due red carpets dove far scorrere i miei sogni a due ruote!
 

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su