Vota questo articolo
(1 Vota)

Monte Resegone: camminando sopra le nuvole

Quella sorta di sega rocciosa che sovrasta la città di Lecco come un'enorme scultura rocciosa modellata da chi sà quale Dio è conosciuta, non a caso, con il nome di Monte Resegone. Considerata la montagna della città, è possibile raggiungerne la vetta in qualsiasi stagione dell'anno con gli scialpinismo, con le ciaspole o semplicemente con gli scarponi da escursionismo. I sentieri che salgono verso questa formazione naturale del tutto particolare sono molteplici ed iniziano da diverse località e differenti valli. La salita classica al Monte Resegone inizia dal parcheggio della funivia dei piani d'Erna coprendo un dislivello di quasi 1300 metri. In questa occasione abbiamo deciso di affrontare un'alternativa valida ma più corta partendo dalla galleria della forcella di Olino, sulla strada per Morterone raggiungibile seguendo le indicazioni per la Valle Imagna. Il sentiero attraversa boschi di caducifoglie e pianori fin sulla cima a 1875 metri poco sotto la quale si può trovare ristoro presso il Rifugio Azzoni.

Mappa

Dai 1148 metri della Forcella di Olino sulla destra, subito prima della galleria, si imbocca un'ampia mulattiera che sale dolcemente, la cosidetta dorsale orobica lecchese (D.O.L.). I boschi di caducifoglie che circondano la forestale vi appariranno sotto diverse spoglie in base alla stagione in cui affronterete questa escursione. In poco più di 20 minuti si raggiunge una baita nel bosco dalla quale si ha la possibilità di scendere verso Monterone, uno dei comuni più piccoli d'Italia e d'Europa con soli 33 abitanti e nessuna scuola. salendoPer proseguire in direzione del monte Resegone continuiamo lungo la dorsale orobica lecchese sulla destra. Camminiamo senza far rumore, i suoni attutiti dal manto di foglie che ad ottobre ha già in parte ricoperto il sentiero. In inverno gli alberi si mostrerebbero completamente spogli ricoperti solo dalla nuova veste bianca data dalla neve appena caduta. Le ciaspole lascerebbero segni chiari lungo il cammino, mentre noi camminiamo senza segnare il terreno. In circa un'ora di escursione giungiamo in prossimità della sorgente di Forbesette, una delle pochissime fonti di questo versante del monte, a quota 1378 metri. paesaggi Prealpi lombardeLa cima del Monte Resegone si trova a 1875 metri e la strada è ancora lunga. Il sentiero continua inesorabile a salire ma senza strappi ripidi o troppo impegnativi. I cartelli del Cai indicano 1 ora e 15 minuti di tempo necessario per raggiungere la vetta e, poco prima, il Rifugio Azzoni: non ci facciamo assolutamente scoraggiare visto che abbiamo già superato la prima metà del tracciato e siamo ancora carichi di energia. Il crinale del Monte Resegone che stiamo percorrendo finalmente ci permette di avere le prime panoramiche sulla Natura circostante. camminando nel boscoUscendo dal bosco però, oltre alle prime vedute sulle Prealpi lombarde, il sentiero inizia ad impennarsi ed, in poche centinaia di metri, superiamo diversi metri di dislivello arrancando sui tornanti: l'ultima ora di cammino è senza dubbi la più impegnativa. I paesaggi della Valle Imagna alla nostra sinistra, qualche scorcio della Val Taleggio alle nostre spalle e i picchi delle Prealpi lombarde che appaiono simili a colline, ci fanno apprezzare ancora di più il sentiero 2 verso il Resegone.img 8273In breve tempo, davanti a noi, appare il crocione metallico posto sulla vetta più alta della montagna di Lecco che raggiungeremo in meno di un'ora dopo esserci lasciati il bosco alle spalle. Con le ciaspole avremmo impiegato una mezzoretta di tempo in più, ma in 3 ore avremmo comunque gioito dinanzi alle pareti rosse del rifugio Azzoni e, 15 metri più in alto, alla vetta del Monte Resegone. La cima è decorata da spuntoni di roccia che si alternano a lembi di erba ed offre panorami davvero piacevoli sulle Prealpi Lombarde, la città di Lecco, parte del lago di Como ed i laghetti nei dintorni del Monte Barro e del suo parco naturale. Presso la cima più alta del Monte Resegone, conosciuta con il nome di Punta Cermenati, ci si può sbizzarrire nell'osservare una meridiana e scoprire le altre cime del circondario.autunno
Escursione piuttosto semplice da effettuare tutto l'anno. Panorami che lasciano a bocca aperta!
 
Il Monte Resegone, perchi ha studiato Alessandro Manzoni a scuola, non suonerà di certo nuovo. Soprattutto nella parte iniziale dei Promessi Sposi Manzoni fà più volte riferimento alla montagna che domina Lecco "...l'altro, con voce lombarda, il Resegone, dai molti suoi cocuzzoli in fila, che in vero lo fanno somigliare a una sega: talché non è chi, al primo vederlo, purché sia di fronte, come per esempio di su le mura di Milano che guardano a settentrione...". Manzoni, con queste parole, anticipa quindi una particolarità di questa montagna: dal capoluogo lombardo, da Milano, nelle giornate più limpide e terse il Monte Resegone appare all'orizzonte e la fisionomia è davvero inconfondibile!
Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Veronica

Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
 Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
Carpediem e buone pedalate!

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
Torna su