Vota questo articolo
(2 Voti)

Monte Isola, visitare il borgo del lago d'Iseo

E' considerato uno dei borghi più belli d'Italia forse anche perchè il turismo di massa non l'ha ancora raggiunta stravolgendone la natura e le tradizioni. Monte Isola o Montisola è l'isola più grande d'Europa a trovarsi nelle acque di un lago, il lago d'Iseo che è diviso fra le province lombarde di Brescia e Bergamo. Dominata da un santuario, in una giornata è possibile camminare lungo l'intero perimetro di questa terra emersa in acqua dolce.
L'energia elettrica giunse su Monte Isola intorno al 1923-24, prima di quell'anno la popolazione di questa roccaforte del lago d'Iseo, trascorreva gli inverni al buio. La maggior parte dei traghetti per Monte Isola salpa da Sulzano ogni 10-15 minuti per giungere rapidamente a Peschiera. Peschiera Maraglio è una località fuori dal tempo dove ancora oggi vivono famiglie di pescatori. Dominata dal Castel Oldofredi, Peschiera è percorsa da stretti vicoli con balconcini fioriti in primavera ed estate e pesce ad essiccare un po' ovunque. Peschiera Maraglio è una delle località più frequentate dai turisti del fine settimana che si concentrano nei bar e ristoranti sulle rive del lago. Se avete tempo visitate la parrocchia di San Michele che risale al XVI secolo. Lasciandoci il paese alle spalle, proseguiamo verso ovest lungolago in direzione di Sensole, il golfo del sole. Sensole è caratterizzata da un microclima tutto suo che permette la coltivazione di ulivi, limoni e mimose. La piccola località è situata in posizione piuttosto isolata rispetto agli altri paesi, ma questo la rende un luogo ancora più romantico e unico.
Sopra Sensole è possibile visitare la Rocca Martinengo che risale al XIII-XIV secolo. Da Sensole ci sono due strade possibili per proseguire nel giro dell'isola: la prima opzione è quella di tornare indietro fino a Peschiera e risalire il sentiero fino a Senzano, la seconda è quella di proseguire lungo la riva del Sebino verso nord-est fino a Sinchignano e poi iniziare la salita che conduce a Senzano dove visitare la chiesa di San Severino. Ci stiamo avvicinando al bellissimo Santuario della Madonna della Ceriola posto in posizione estremamente panoramica a 600 metri. La strada prosegue verso nord fino a Cure, il paese più alto dell'isola a 500 metri. A Cure viene praticata ancora molta agricoltura ed è sicuramente uno dei luoghi dell'isola più caratteristici. Il Santuario della Ceriola, situato solo poche centinaia di metri sopra Cure, è un luogo di religioso silenzio dove si trattiene il fiato per il panorama incredibile che si presenta al visitatore. Questo edificio candido come la neve spicca come una lampadina nel buio fra i prati verdi. Dal Santuario il percorso non può far altro che scendere verso Masse e le sue case in pietra. Da Masse si può tagliare il percorso scendendo verso Olzano e poi Carzano ( ma ve lo sconsiglio!) o proseguire verso ovest e il paese di Siviano a quota 250 metri. Se optate per visitare almeno Olzano, tenete conto che poi dovrete ritornare fino a Masse. Ad Olzano è curiosa la presenza di un grosso masso di arenaria rossa dove si dice si incontrassero le streghe per i loro sabba. Non dimenticatevi la chiesa di San Rocco prima di lasciare Olzano. A Siviano invece, la torre Martinengo domina la piazza centrale della località. Di epoca medievale, la torre è alta 20 metri ed è parte di un complesso molto più grande che rendeva Siviano una cittadina fortificata. Prima di rimettervi in marcia, date un'occhiata anche alla chiesa parrocchiale. Dal centro il lago attrae chiunque come una potente calamita fino alla frazione Porto ed  alla bella Villa Solitudo che risale al 1500. Il giro riprende verso est lungolago toccando la frazione di Paradiso dalle quale si avvista la piccola isola di Loreto, fino a Carzano che era un feudo dei Martinengo. Per tornare fino a Peschiera e imbarcarvi alla volta della terraferma, potete usufruire del servizio bus o allungare la vostra sgambettata!

Per raggiungere Sulzano, da Brescia o da Rovato dovrete seguire la strada SP510 da Brescia (circa 30 km) e SP49 da Rovato (circa 20 km) per Iseo ed il lago di Sebino e poi risalire la costa bresciana fino a Sulzano. Da Bergamo, se volete evitare l'autostrada ma allungherete la percorrenza, potete seguire la SS42 fino ad Albano Sant'Alessandro e poi la SP89 verso Chiuduno e Grumello. Proseguite poi verso Sarnico ed iniziate a csoteggiare il lago alla vostra destra

Per conoscere gli orari di navigazione ed i costi potete visionare il sito della navigazione sul lago d'Iseo, mentre per avere altre informazioni su eventi e novità a Monte Isola, date un'occhiata al portale!

Il periplo dell'isola è lungo 9 km quindi se non vi interessano le antiche frazioni ed il Santuario della Madonna di Ceriole, ma solo i caratteristici paesi lacustri di Montisola, questa passeggiata è quello che fa per voi! Se amate la bicicletta e volete mettervi alla prova con la salita al Santuario o semplicemente rilassarvi pedalando lungolago, potrete imbarcare il vostro mezzo con voi e vivere Montisola sulle due ruote!

Ricordate che... su Montisola non circolano gli autoveicoli!!!

{phocagallery view=category|categoryid=236|limitstart=0|limitcount=0}
Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Veronica

Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
 Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
Carpediem e buone pedalate!

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
Torna su