• English (UK)
Bike Jamming - Bici da viaggio

Vota questo articolo
(4 Voti)

Manubrio bici | Quando il manubrio ha una strana piega...

    Manubrio bici: quale e come scegliere
    Qual è la caratteristica estetica che ti fa riconoscere subito una BdC (bici da corsa) rispetto una qualsiasi altra bici?
    Penso che anche il più profano risponda il manubrio, non per la conoscenza del componente in se ma, più che altro per quella strana forma che ha… quella strana piega che lo differenzia dagli altri.
    Ebbene, oggi parleremo del… MANUBRIO, uno dei componenti la cui funzione è data per scontata ma che dietro nasconde innumerevoli studi di BIOMECCANICA.

    A cosa serve?

    Bhe dai anche se i più bravi lo sanno fare senza mani, la presa sul manubrio della bici ci consente di dare direzionalità al nostro mezzo, serve quindi a dire alla nostra bici dove andare. “Presa sul manubrio”… si, noi lo tocchiamo, come tocchiamo la sella col sedere e i pedali con i piedi. Questi sono i tre punti di contatto tra il ciclista e la sua bici, importantissimi per avere una corretta postura in bicifoto1 leo e i tre punti di appoggio Si si hai letto giusto… una corretta postura, perché anche se molti pensano che basti salire sulla bici e pedalare per andare forte, solo una corretta posizione sulla bici ci può consentire elevate prestazioni atletiche protratte nel tempo. Mi spiego meglio: hai mai provato formicolio alle mani dopo un lungo periodo di pedalata? È il nostro corpo che ci parla, tenta di comunicare un malessere, dovuto all' 80% a problemi posturali che portano ad un sovraccarico delle articolazioni polso e mano (es. telaio lungo, distanza sella-manubrio non corretta, leveraggi in posizioni non corrette,… ). Ecco il perché degli studi della Biomeccanica.
    Come ogni cosa nella bici, ha il suo perché!
    Ma quale scegliere se voglio cambiare manubrio alla bici? Bhe iniziamo col dire che deve essere una scelta personale, deve si piacerti ma deve anche consentirti sempre di avere una PRESA SALDA anche su fondi sconnessi (per aumentare il grip è prassi utilizzare rivestimenti come manopole o nastri di vari materiali… pelle o gomma o neoprene). foto2 manubrio bici  www.cinelli.itfoto3 manopole www.cube.eu Un’altra cosa che accomuna tutti i manubri è la larghezza che deve esser proporzionata alla larghezza delle spalle del ciclista… spalla/braccia/mani/comandi devono esser ben allineati (è consentito un leggero angolo per chi pratica MT). Per larghezza delle spalle s’intende la distanza delle sporgenze superiori delle spalle (Acromion).paragone posizioni manubrio In commercio esiste una grande varietà di manubri da bici… diciamo che la disciplina che pratichiamo deve indirizzarci sul materiale (leggi anche “L'eleganza ha un suo peso...”) e forma per noi più appagante.

    Manubri MTB

    Chi pratica MTB avrà bisogno di una guida più reattiva, per rispondere tempestivamente ai terreni disconnessi … - se i percorsi affrontati hanno salite, il ciclista sarà più indirizzato ad un manubrio FLAT, un tubo orizzontale la cui parte centrale può avere un diametro più grande. - Se si praticano solo discese, come nel DH (downhill), allora manubri RIDEfoto7 manubrio flat www.santacruzbicycles.com foto8 manubrio  ride  www.santacruzbicycles.com

    Manubri city o fixed

    Con una City bike o una fixed il tuo unico limite è la fantasia: old cruiser, moustache, moon bar, apehanger, sono alcuni dei modelli che puoi montare. foto9 old cruiser o touring barfoto10 moustache

    Manubri cicloturismo

    Leo ha realizzato una guida in cui trovi la panoramica completa sulle diverse tipologie di manubrio da cicloturismo... affidati a quella se il tipo di manubrio che cerchi dev'essere per una bici da viaggio
    Con il cicloturismo avrei bisogno di molto confort e di poter passare alla postura più comoda il più velocemente possibile: manubrio humpert, batterfly, ergotec ed e-bike trekking regolabile. foto12 humpertFOTO13 Butterfly foto14 ergotec bike trekking regolabile

    Manubri per bici da corsa

    Con la Bici da corsa (BdC) il manubrio prende il nome di “Curva” proprio per la sua forma. foto15Cosa sono le scritte che ha sopra? Di norma troveremo: - Produttore - Modello - Caratteristiche manubrio, come diametro per l’attacco pipa manubrio “Ø …”, larghezza o width “W…” , altezza o drop “I …” e lunghezza o reach “- …” foto16 Tutte le distanze sono dal centro del tubo e vengono espresse in [mm]. Il manubrio può avere una sezione uniforme o può avere la zona centrale maggiorata, per questo motivo si indica il diametro. Possiamo trovare diametri da: 20.2, 25.4 o 26, 31.8 e 35.
    La larghezza deve esser il più possibile vicino alla larghezza delle nostre spalle (meglio averlo più largo che stretto).
    Le misure in commercio variano dai 360mm ai 460mm. Quando questa porzione del manubrio non è più tonda, ma assume una forma più ergonomica, è denominato “palmare” o “Wing”.
    foto17 palmare www.cinelli.it L’altezza fa dare il nome “piega compatta” se inferiore a 125mm e “piega alta” se maggiore di 128mm. In commercio possiamo trovare valori che variano da 100mm fino ad un massimo di 144mm Se abbiamo una curva morbida, abbiamo un manubrio Gimondi. Se la curva è secca, abbiamo una parte rettilinea e poi la curva repentina verso il basso, allora abbiamo una curva belga foto18 gimondi www.cinelli.itfoto19 belga www.cinelli.it La lunghezza è detta corta se inferiore a 80mm e lunga se maggiore di 85mm. La lunghezza è importante poiché influenza la posizione dei nostri comandi, utilizzati durante la presa alta. In commercio troviamo dai 70mm ai 104mm. La sua forma consente di avere ben 3 prese.
    Presa alta sulle leve comandi, con braccia leggermente flesse per controllare la bici quando si spinge più forte sui pedali. FOTO20 21Presa alta o orizzontale, direttamente sul tubo centrale, sempre con braccia leggermente flesse per assorbire le imperfezioni dell’asfalto ad andatura tranquillaFOTO30 31Presa bassa, quando si posiziona le mani sulle estremità inferiori… per esser più aerodinamici o in caso di pedalata controvento. Questo tipo di presa è usato soprattutto in pista. FOTO40 41 Esistono poi manubri da BdC studiati apposta per la discipline che si possono praticare. Alcuni esempi sono: il curva da pista che è un manubrio stile “Gimondi” dove però la presa è esclusivamente bassa, la presa orizzontale è scomoda per via dell’elevata inclinazione FOTO50 curva pista www.cinelli.itCurva da crono, a corna di bue o al contrario: accompagnata da sella alta ed altre appendici nella zona centrali del manubrio (come appoggia gomiti) è usato per avere una posizione molto aerodinamica foto60 corna di bue www.cinelli.itWoodchipper: è il manubrio da Gravel, ha la piega orizzontale poco accentuata e la presa bassa non è parallela al telaio ma è rivolta verso l’esterno, ideale per una presa più salda su fondi sconnessi. foto70 woodchopper www.salsacycles.com Che dire ancora?!? Si ha solo l'imbarazzo della scelta.
    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Persone nella conversazione:
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
    • Questo commento non è pubblicato.
      LucaS · 2 anni fa
      Ciao Luigi,
      Articolo chiaro e sintetico, grazie. :-)
      Io sono abituato a un manubrio flat con corna sulla mia mtb, che uso principalmente per escursioni/viaggi di breve durata (da 1 a 8 giorni fino ad ora), su terreni misti privilegiando lo sterrato. Con l'idea di farmi prendere un po' di più dal cicloturismo pensavo di riconsiderare la presa sul manubrio. Mi dovrò abituare a l'idea di un manubrio a curva / woodchipper? Immagino sia comodo e permetta una posizione piuttosto eretta (come la flat) con la presa alta. Ma non so, è un mondo completamente nuovo per me, dovrei provare sul campo.
      • Questo commento non è pubblicato.
        Leo · 2 anni fa
        Ciao Luca,
        non mi reputo un tecnico ma personalmente non trovo il maubrio da corsa o woodcipper una buona soluzione per il cicloturismo o perlomeno per il cicloturismo "classico": meglio un manubrio a farfalla che ti permette una posizione più eretta e meno "corsaiola" dandoti comunque la possibilità di spostare le mani ed assumere diverse posizioni. ;-)
    Luigi

    Ciao io sono Gigi, amante della natura e incuriosito dalla meccanica, ho unito le mie passioni con la bicicletta. Prima con la MtB e dopo con la BdC ho approfondito sempre di più la parte meccanica che sta dietro al nostro mezzo; dopo diversi corsi riconosciuti dal CONI, ho deciso di mettere a disposizione degli altri le mie conoscenze collaborando con Leo e Vero e con la creazione di LBMOTIONS meccanico bici a domicilio Milano Interland e Brianza per non smettere mai d'imparare cose nuove.

               

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su