fbpx

Unisciti alla LiT Family



MaGio e il giro del mondo in bicicletta

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
Partire verso un orizzonte che non arriva mai perchè il viaggio in bici è un concentrato di emozioni troppo forti per essere interrotte. Partire verso Oriente, verso terre mitiche e misteriose senza pensare ad un ritorno ma solo al presente, giorno dopo giorno, perchè solo così si vive ogni istante al massimo. Marco e Giorgio sono partiti tre anni fa per il giro del mondo in bicicletta e da allora di strada ne hanno pedalata davvero tanta. Dall'Italia all'Oriente e poi Vancouver da dove rispondono alle nostre domande in attesa di riprendere la loro lunga avventura a pedali...
Life in Travel Diaries
Sono disponibili i Life in Travel diaries, libri fotografici con tanti racconti di viaggio scritti dai cicloviaggiatori per i cicloviaggiatori. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 

Ciao, ci raccontate chi siete, dove siete e come ci siete arrivati?

Ciao Amici di Lifeintravel! Noi siamo il MaGio Bike Tour, ovvero Marco e Giovanni. Siamo due amici di Ravenna, da sempre amici, da sempre desiderosi di divertirci. Ora siamo a Vancouver in Canada, per una breve pausa invernale. In questi 3 anni di strada abbiamo pedalato principalmente in Asia e Australia, attraversando 28 diverse nazioni.
 

Qual è stata la scintilla che vi ha fatto decidere di partire?

Eravamo entrambi persone soddisfatte e felici a casa. Un ottimo lavoro, una ragazza, la famiglia disponibile alle spalle a proteggerci. Forse siamo partiti per rompere la bolla di normalità in cui vivevamo. Marco voleva principalmente conoscere, frequentando l’università della strada. Giovanni aveva bisogno di conoscersi meglio, in situazioni diverse.cambogia
 

Dopo tre anni e 40.000 km avete ancora voglia di pedalare?

Purtroppo si’! Il cervello è uno strumento perfetto. Ci siamo detti almeno 5 anni di viaggio quindi forse la stanchezza arriverà improvvisa a poche curve da casa. Ora siamo fermi per rifiatare ma il cuore scalpita, non si sente bene in una vita sedentaria, non è ancora pronto.cina yunnan
 

Qual è stato (o quali sono stati) i momenti più difficili durante il viaggio?

La giornata più difficile è stata sicuramente la partenza. Le lacrime nel salutare tutti. Via via gli imprevisti incontrati per strada hanno preso il sapore di prove da superare per diventare migliori. Siamo caduti, ci siamo ammalati, ci hanno rubato la bici, negato un visto, assalito i tafani in una notte senza troppo cibo. Abbiamo riso, tutto faceva parte del grande gioco.croazia
 

Qual è stato il paese più “bike friendly” incontrato finora e quello più “bike enemy”?

La Corea del Sud è sicuramente facile da viaggiare in sella. Piste ciclabili, gente disponibile, paesaggi interessanti e diversi in uno spazio abbastanza piccolo, pedalabile. Natura e modernità miscelate con armonia. L’India d’estate invece è il paese che ci ha provato maggiormente. Sull’asfalto iper popolato le temperature raggiungevano i 50° e pochi minuti dopo fiumi d’acqua monsonica in un traffico senza regole apparenti. Noi viaggiamo cheap e la diversa igiene indiana ci ha un po’ debilitato. Raggiunto il Nepal ci abbiamo riso su!gio australia
 

Qual è stata la strada o il luogo più pazzesco che avete attraversato in bici?

E’ sempre il deserto a emozionarci maggiormente. Il trovare un tutto dove ti aspettavi il niente. Animali, persone ospitali, pace silenziosa. Cosi’ il deserto in Turkmenistan, il Nullarbor in Australia o il Gobi in Mongolia. In quei luoghi si riesce a meditare senza volerlo.gio india
 

Un paese che vi ha deluso ed uno che vi ha sorpreso?

Vancouver in inverno un po’ ci sta deludendo. I rapporti umani sembrano molto più freddi rispetto ai nostri standard di caldi mediterranei. Ma fa parte della cultura, proviamo a comprendere. La Turchia per tornare vicino a casa è stata una bella sorpresa, così come la Cambogia o l’Indonesia. Sono paesi in cui le relazioni umane hanno ancora la precedenza rispetto allo scambio economico. Lo sguardo di queste genti appare genuino.gio monsoni india
 

Se doveste consigliare un percorso di qualche settimana ai nostri lettori, quale suggerimento dareste?

Vicino all’Italia consiglierei la meravigliosa costa croata, in primavera. Colline, isole e bellissime città. rainbow nullarbor australiaPer andare un po’ più lontano la “Great Ocean Road” in Australia, vicino a Melbourne. Natura allo stato puro e mare. Si’ preferiamo il mare alle montagne, siamo romagnoli d’altronde!giovanni e marco sfuocato
 

Domanda classica... ma con i soldi, come fate?

A casa avevamo una piccola attività in proprio e abbiamo risparmiato per questo progetto per un paio d’anni. Per strada ogni tanto ci fermiamo a riposare e lavorare un po’. Spendiamo poco, 15 $ al giorno. Fornelletto e tenda quasi sempre.marco croazia
 

Vi manca l'Italia e la vita “sedentaria”?

Per nulla.
 marco  fire everywhere

Ed ora? Quali saranno le vostre prossime mete?

Puntiamo a Sud. Costa Ovest degli States, poi Messico e Centro America. Nel 2017 saremo in Sud America e nel 2018 speriamo in Africa.
Gli imprevisti sono ben accetti!marco vulcano java indonesia
 

Dove possiamo continuare a leggere le vostre avventure?

Sicuramente nel nostro Blog www.magiobiketour.com Grazie amici di Life In Travel...Buona strada a Voi sumatra indonesia
 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!