Vota questo articolo
(0 Voti)

Liguria, Toscana e Lazio: il progetto per la ciclovia tirrenica da 700 km

Un progetto che ci voleva e che si unisce agli altri già approvati e in corso d'opera, come la suggestiva pista ciclabile del Garda, di questi ultimi anni. Da Ventimiglia a Latina in bicicletta seguendo la ciclovia tirrenica per 700 km: qualche giorno fa i rappresentanti delle tre regioni italiane interessate, Liguria, Toscana e Lazio, hanno deciso che il protocollo d'intesa inerente al progetto sarà siglato il 10 marzo a Firenze. Lo scopo della ciclovia tirrenica sarà principalmente quello di diventare un itinerario ciclabile di interesse nazionale in modo da poter essere inserito all'interno del sistema delle ciclovie nazionali diventando un asse portante del cicloturismo in Italia.
Per il progetto della ciclovia tirrenica non si parte da zero: molti tratti sono già stati costruiti o, negli ultimi anni, sono già stati riconvertiti in piste ciclabili come per esempio la vecchia ferrovia della Riviera dei Fiori. Anche in Toscana la situazione è affine a quella della Liguria: lungo il litorale tirrenico esistono già brevi o lunghi tratti ciclabili utilizzati dai locali o dai turisti che affollano le aree nelle stagioni più propizie. Tutti i percorsi già presenti sul territorio devono ora essere collegati l'uno all'altro... ma in che modo?ciclovia tirrenica toscana
Una possibilità, sicuramente la più dispendiosa, è quella di trasformare tutti i 700 km da Ventimiglia a Latina in un'unica pista ciclabile; la seconda alternativa, più probabile e più facile da completare, almeno nel breve periodo, è quella di collegare i tratti ciclabili già esistenti attraverso strade secondarie, promiscue ma poco trafficate dando appunto vita ad una ciclovia tirrenica segnalata e fruibile da tutti.
Non ci resta che aspettare gli sviluppi del progetto... incrociando le dita!
Veronica

Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
 Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
Carpediem e buone pedalate!

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
Torna su