Libano: narghilè ed arak tra Beirut e Byblos

Pubblicato in Libano
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Potrei dilungarmi per giorni a parlare della insolita, ma quanto mai stimolante esperienza in Libano: narghilè tra amici, viaggi su taxi collettivi sgangherati con autisti pazzi, moschee con il ritratto di Khomeini, pietanze deliziose, l'agghiacciante visione del confine con Israele... Certo, il Libano non è il Medio Oriente, ma solo una piccola fettina di territorio affacciata sul mar Mediterraneo. Nonostante questo, il Libano racchiude comunque in sè gran parte dei disagi e delle contraddizioni comuni a quest'area: ecco perchè talvolta ti senti proprio come a casa mentre in altri istanti ti chiedi cosa diavolo tu stia facendo in un paese così...
Il nostro viaggio è durato 12 giorni che abbiamo vissuto in maniera davvero intensa riuscendo a toccare la maggior parte delle zone libanesi più interessanti (anche se non tutte!). Beirut è stato sempre il perno dei nostri viaggi che, a parte un paio, hanno preso vita grazie ai principali trasporti del Libano: autobus e taxi collettivi, una vera manna dal cielo per il viaggiatore indipendente!
La prima visita fuori dalla capitale è stata quella alla città fenicia di Byblos, ubicata circa 40 km a nord di Beirut. Byblos è considerata l'agglomerato urbano più antico del mondo ad essere stato abitato continuativamente nel corso dei secoli e di questo e della loro origine fenicia gli abitanti sono più che orgogliosi! Il piccolo porticciolo è la zona più turistica insieme al sito archeologico romano dentro il quale si trova anche un castello crociato risalente al XII secolo. Qui l'atmosfera sembra più rilassata di quella di Beirut: i soldati presenti sono in minor numero (anche se si vedono comunque) e riconosciamo, finalmente, qualche visitatore. Anna ha in mente un grande progetto fotografico, quello di comparare i vari aspetti della mediterraneità presente in ogni paese dell'area degli ulivi e dei vigneti. Con occhio vigile scorge una famiglia che stà pranzando nel cortile di casa e con una grande faccia tosta che stimo immensamente (forse perchè a me manca) si avvicina per chiedere il permesso di scattare qualche immagine. L'ospitalità libanese è sorprendente e la simpatica famiglia ci invita a pranzo. Mentre conversiamo allegramente in inglese e francese gustando le varie leccornie che occupano la grande tavolata, scopriamo vari aspetti della cosidetta (o così da me inventata!!!) libanesità (non comune a tutti ma in particolar modo alla fascia cristiana della popolazione): molte pietanze sono a base di olio di oliva proprio come da noi, i tratti somatici sono del tutto simili a noi italiani (soprattutto a chi popola l'area meridionale della nostra penisola con carnagione più scura e sguardo profondo!), sono fieri della loro origine ma non origine araba quanto piuttosto francese, molti infatti si sentono figli del colonialismo della Francia e prediligono la lingua francese a quella araba, cosa quanto mai inaspettata! Insomma la situazione non è così facile da spiegare ma ci lascia quanto mai perplesse.
Un conoscente di Anna, conosciuto anni fa a Ginevra, è, caso vuole, libanese ed in questo periodo si trova in patria così, dopo una serata a chiacchierare, ci invita a fare un giro verso sud-est, nella regione dello Chouf, non troppo distante dalla Siria, dove osano ancora i leggendari cedri libanesi. Dall'alto di una gigantesca Madonna posta su una collina che guarda il mare, all'altezza di Sidone (Saida in arabo), scorgiamo uno fra i tanti campi palestinesi che punteggiano il territorio libanese: è impressionante quanti edifici, ammassati l'uno sull'altro, possano essere costruiti. Lo Chouf è una regione piuttosto montuosa e la strada che seguiamo si alterna in continui saliscendi, il panorama è straordinario con cascate, valli desolate e paesi sperduti. I cedri, ormai occupano solo il 5% del territorio del Libano, sono lì, padroni indiscussi di questa regione... ma ancora per quanto?!? Giungiamo a Beit ed- Dine giusto in tempo per vedere i cancelli del palazzo, che ogni anno in estate ospita il Beit ed Dine Festival, chiudersi davanti alla nostra delusione. L'emiro Bashir Chehab II lo fece costruire a partire dal 1788 e ci vollero ben trent'anni per completarlo. Roccaforte dei drusi durante gli scorsi decenni, è ora una località piuttosto tranquilla, adagiata sui colli che anticipano i colossi dei Monti del Libano.
Proseguiamo in direzione di Deir El Qamar che raggiungiamo appena in tempo per gustarci un bel tramonto sullo Chouf. Con la sua architettura e i suoi edifici come la sinagoga di Deir el Qamar, la moschea Fakhreddine e la piazza principale, questa cittadina merita una visita meditata...proprio come la nostra... no scherzo, il tempo corre troppo veloce e noi siamo costrette ad adeguarci! Salutiamo lo Chouf che forse riusciremo a rivedere durante la prossima vita e torniamo verso Beirut, la nostra nuova casa per questi dodici giorni!
L'idea di andare nella valle del Qadisha mi allettava non poco visto che avevo appena terminato la lettura del capitolo riguardante il Libano e quell'area in particolare, nel libro dello storico Dalrymple Dalla Montagna sacra! Ultimamente però ha piovuto molto su questa zona del Mediterraneo e la valle del Qadisha è sicuramente ricoperta da una candida coltre di neve, le parole di George ed Elias ci convincono a cambiare destinazione per l'indomani... Tripoli? E Tripoli sia!!! Questo Medio Oriente mi piace sempre di più...
 
Gente in fermento, vicoli ingolfati, profumi inebrianti, colori sfarzosi: il souk di Tripoli, la seconda città più grande del Libano, è uno dei luoghi più caotici che abbia mai visitato. In ogni angolo c'è qualcuno che vorresti fotografare, in ogni direzione scorgi un cibo che vorresti assaggiare, la mia testa si muove continuamente da una parte all'altra cercando di farmi rimanere in equilibrio in questa marea umana. Entriamo in un forno dove dei baldi giovani preparano il pane arabo per la clientela: ci salutano divertiti, ci sorridono orgogliosi del loro mestiere e si fanno fotografare in posa!
Nel cuore di questo enorme mercato nella città, gente di ogni età ed estrazione sociale balla e canta sventolando bandiere e manifesti: si stanno preparando alla festa del profeta (di Maometto?!? Questo mica l'ho capito!) che si terrà nei prossimi giorni. Non badano molto a noi se non per invitarci nel mezzo della confusione. Un bimbo si nasconde nel palazzo alle loro spalle: è spaesato ed allo stesso curioso, non capisce cosa stia accadendo ma i suoni lo attirano come una calamita... resta nascosto dietro una parete sporgendosi di tanto in tanto l'indispensabile per catturare con lo sguardo qualche scena, abbastanza per non essere visto! Uno striscione attraversa la strada da un marciapiede all'altro come un ponte di tela plasticata, sulla superficie luccica spuntano i volti di Hariri, il presidente del Libano assassinato nel 2005, Saddam Hussein ed altri due uomini a me sconosciuti. Il cartello dice qualcosa simile a "Martiri per la libertà" se ben ricordo... chi lo avrà appeso?!?
Il padre di George ci attende nella loro casa in collina dove luccicano gli ulivi (con i quali producono un olio buonissimo!) e gli alberi son già tutti fioriti... e ppure siamo solo all'inizio di febbraio, è possibile che qui la primavera sia già arrivata? A tavola si gustano specialità libanesi ai ferri, crude e salsine dal gusto delicato come l'hummus, a base di ceci, limone ed olio d'oliva. Oltre al vino, si beve arak, un alcolico tipico al gusto di anice che viene allungato con acqua ma che, nonostante tutto, brucia lo stesso la gola con i suoi 30°. Il papà di George è un personaggio particolare: tiene al fatto che i suoi figli continuino a portare avanti la tradizione di famiglia lavorando nella stessa azienda. E' stato in Italia anni fa ed in altre parti d'Europa, conosce qualche parola e così ci capiamo meglio.
Il sole si stà preparando a giocare a nascondino con la luna e per noi si è fatto tardi. Mentre ci muoviamo verso Beirut zigzagando fra le auto dei turisti domenicali, mi chiedo come si possa essere più legati alle tradizioni che al desiderio di vedere felici e soddisfatti i propri figli..., ma non trovo risposta. Le stelle punteggiano il cielo e, a bordo dell'automobile sportiva di Elias, mi lascio andare a pensieri più sereni...

Se volete continuare a scoprire con noi il Libano, continuate a leggere  la seconda parte del racconto di viaggio in Libano a sud tra Tiro, Sidone ed oltre

Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

Commenti  

# 0 Enrica 2012-10-05 23:56
Bellissimo racconto , grazie ! Mi piacerebbe molto riuscire ad andare in Libano a breve!
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
# 0 Vero 2012-10-11 15:38
Grazie Enrica, il Libano è un luogo davvero contradditorio ma riesce facilmente a conquistarti anche per le tipicità e gli incontri che poi rendono sempre un viaggio un po' speciale:) in bocca al lupo per la tua avventura!
Rispondi Rispondi con citazione Citazione
 
 
 

Salta in sella con noi

Ciao, siamo Leo e Vero, se vuoi ricevere tanti suggerimenti, informazioni e itinerari per viaggiare in bici e in MTB, iscriviti qui per restare sempre aggiornato
Privacy e Termini di Utilizzo

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito