Menu
LunMag13

MTB da Arco a malga Campo e malga Vallestrè

Torniamo a percorrere i sentieri e le strade nella conca del Garda in MTB da Arco: è sempre un piacere solcare i sentieri nella zona dell'Alto Garda Trentino anche se in questo caso il lago di Garda è rimasto a debita distanza. Il percorso scelto parte poco lontano da Arco per raggiungere Drena ed il suo bel castello passando per strade secondarie nella splendida cornice della valle dei Laghi, per poi salire verso malga Campo sulle pendici del monte Velo e ridiscendere ad Arco lungo un sentiero davvero tosto, il 668 dalla malga Vallestrè.

Mappa

 
 

Seguendo i 60 km del Gardum

Il percorso di quest'oggi prende avvio da Bolognano d'Arco, paesino ai piedi della salita della Maza che conduce a Nago. Lasciamo l'auto nel parcheggio di fianco della chiesa del borgo e saltiamo in sella, pronti ad una nuova avventura sulle strade e sui sentieri alle pendici del monte Velo. Inizialmente il percorso segue l'itinerario dei "60 km del Gardum", ben segnalato. Seguendo le frecce bianco rosse, raggiungiamo la località di Massone, piccolo borgo con le graziose vie lastricate da cui si raggiunge la nota falesia Policromuro (seguite la segnaletica in legno indicante la falesia), celebre tra gli amanti dell'arrampicata. Ammiriamo i climbers come ragni sulla roccia mentre ci affanniamo in salita tra gli ulivi nell'unico tratto di strada di oggi che offre un piacevole panorama sul lago di Garda ma, soprattutto, sulla rocca di Arco che si erge proprio di fronte a noi.
Saliamo ancora fino a raggiungere quota 400m ed in località Pianura, su un tornante immerso tra i castagni, svoltiamo a sinistra per dirigerci verso Braila e Drena. Dopo aver superato altri 100 m di dislivello, scolliniamo proprio sotto a località Braila e ci gettiamo in picchiata verso Drena, con ampi panorami sulle dantesche Marocche di Dro. Giunti nel centro paese, con una panoramica splendida su Castel Drena (peccato per la presenza di cavi dell'alta tensione a rovinare l'inquadratura) possiamo riempire le borracce alla fontana prima dell'inizio dell'asperità più ardua di giornata: la salita verso malga Campo.
castel drena

Salita tosta a malga Campo

Ci teniamo sulla destra e tra le vigne raggiungiamo l'imbocco della salita che fortunatamente si mantiene piuttosto ombreggiata. Ogni tornante è segnalato ed ha un suo nome: noi scegliamo quello del Gino per una sosta prima di raggiungere i prati antistanti malga Campo (1380m), dopo sedici tornanti e tanto sudore. La splendida visione dei prati ricoperti di crocchi appena fioriti ci permette di avere una scusa per una sosta fotografica.
La strada diventa sterrata e dopo una breve ed illusoria discesina, si impenna da malga Pedrini verso malga Vallestrè. Prima di scollinare la strada diventa cementata (e questo è sempre un chiaro segno di pendenze abbondantemente in doppia cifra!) e finalmente, a quota 1530m, raggiungiamo il punto più alto dell'itinerario.
panorama malga campo

Sentiero 668 o The Maxx, per gente "con il manico"

Una sosta sulla provvidenziale panchina presente ci fa riprendere forza per la discesa che si preannuncia impegnativa quasi quanto la salita. Il primo tratto però è facile e veloce su tratturo fino a raggiungere malga Vallestrè (teniamo la destra al tornante). Dopo la malga il sentiero diventa prima single track su terra per poi inizare ad inasprirsi e diventare roccioso. I primi chilometri del sentiero 668, soprannominato anche sentiero The Maxx, sono forse i più complicati ed infatti siamo costretti a scendere di sella spesso (soprattutto io: devo ammetterlo... in discesa non sono uno con un gran manico).
Il percorso è sempre tosto e facciamo fatica a prendere il ritmo anche perchè nel frattempo qualche goccia d'acqua ha bagnato le rocce che diventano scivolose come il sapone e per non negarci alcuna emozione mi concedo anche una scivolata senza conseguenze fisiche.
Dopo la serie di tornantini iniziali, il sentiero verso il Arco in MTB si fa meno complicato ma non lascia comunque respiro ed è necessario tenere alta la concentrazione. Solo quando ormai sono stremato e ho le pastiglie dei freni completamente consumate, raggiungiamo località Pianura incrociando la strada fatta in salita. La percorriamo in discesa per qualche centinaio di metri fino a raggiungere un bivio sulla destra (stanga) verso Bosco Caproni.
La strada, prima cementata, scende bruscamente per poi diventare single track immerso in un largo canyon scavato da un torrente. Il passaggio è suggestivo ma al successivo attraversamento della strada rinuncio a percorrere l'ultimo tratto di sentiero, sfinito dalle rocce e dall'impegno richiesto da questa discesa. Al parcheggio per la falesia del Policromuro teniamo ancora la destra tra gli ulivi per un ultimo tratto di sentiero in single track prima di raggiungere Massone. Qui si può ripercorrere la strada dell'andata per raggiungere l'auto oppure allungare (è il nostro caso) il percorso fino ad Arco per concederci un buon gelato e reintegrare gli zuccheri persi!
Erano anni che volevo raggiungere malga Campo in MTB e finalmente ce l'ho fatta ma devo dire che la discesa da noi affrontata in questo percorso MTB da Arco è davvero impegnativa: vi consiglio di percorrerla se avete una buona tecnica e preferibilmente con una full.  
Per scoprire altri itinerari in MTB sulle Alpi ed in Italia consultate la mappa dei percorsi MTB di Life in Travel mentre se cercate altri itinerari MTB sul Garda, il sito Trentino GPS Tracks è sicuramente un'ottima fonte d'ispirazione.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito
        Registrati