fbpx

Unisciti alla LiT Family

 


La Via Francigena per tutti: in bici con Girumin e Pietro

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
 
 
Si parte lunedì!
Io, Pietro (FreeWheels Onlus), Bartolomeo, Roberto e Pino. Pietro ha già percorso il Cammino di Santiago, esperienza incredibile che l'ha portato a redarre il libro Santiago per tutti.
Da un paio di anni Pietro mi diceva: "Mi costruisci il portapacchi per la bici? Vorrei provare la Francigena...".
"Pietro... non puoi viaggiare da solo...".
A un certo punto ha cambiato domanda: "Vieni con me a fare la Francigena?".
"Va bene, vengo a fare la Francigena".
"E quindi mi costruisci il portapacchi?!?".
"Eggià... mi tocca anche costruirti il portapacchi"... Comincia un po' così questo cammino.
ritorno a occidente indice Georgia
Sono arrivati i 2 volumi di Ritorno a Occidente, libri fotografici dedicati al nostro viaggio in bici attraverso la Georgia e la Turchia, tra le alte vette del Caucaso e le lande anatoliche. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 
Non mi attirava molto l'idea di realizzare un portapacchi da applicare a una bici piuttosto rara, che se subisce danni non è facile da riparare e che essendo un po' speciale costa anche un po' di soldini. Per cui la paura di fare dei danni c'era, ma ci ho provato e lunedì vedremo se funziona e se il portapacchi regge senza distruggere la bici.
E la carrozzina? Bisogna rifare il carrello della Goat, dovrà essere più largo e dovrà alloggiare la carrozzina senza correre il rischio di rovinarla.
Sarà una carovana, due trike, la Goat con un carrello largo 80 centimetri e due bici normali.giru e pietro
Da Somma Lombardo, dove vivono Pietro e Bartolomeo, a Roma. Passeremo lungo i canali per arrivare a Pavia per poi proseguire lungo la Via Francigena, seguiremo la Ciclovia Francigena e l'Eurovelo 5.
La speranza è di arrivare a Roma il 10 aprile. Pietro pedalerà con un Trike a pedalata assistita, Roberto con un trike che può gestire con una sola mano, Bartolomeo e Pino con le moutanin bike e io con la Goat e il carrello. So già che sarò il più lento di tutti... visto il carico stavolta ho messo un rapporto 42/20 che dovrebbe consentirmi di arrivare da qualche parte, lentamente, direi molto lentamente, ma dovrei farcela.
Percorrere la via Francigena in bici, dare un'occhiata in giro, provare a percorrela anche se si hanno difficoltà in più, che in questo viaggio chiameremo "esigenze speciali", questi sono alcuni obiettivi del viaggio.giru pietro via francigena
Non mancheranno gli ostacoli, oggi il sindaco di Orio Litta mi ha detto che appena dopo il ponte sul Lambro ci sono dei lavori in corso, valuteremo sul momento se riusciremo a passare sull'argine maestro oppure dovremo stare sulla strada asfaltata. Danilo Parisi, il traghettatore del Transitum Padi, dice che c'è poca acqua e dovremo sentirci lunedì per capire se si riesce a guadare il fiume oppure no.
Ci saranno poi gli incroci, i passaggi stretti, le sbarre sulle strade sterrate, le buche... Normali incognite di viaggio, problemi che cercheremo di affrontare.
Lunedì si parte e sarà una vera avventura...via francigena in trike

 

 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Girumin

La mia voglia di camminare parte dall’esigenza di vivere il rapporto con la natura. Ho avuto la fortuna di camminare su lunghi percorsi e di viaggiare in diversi paesi, anche meno conosciuti dal turismo tradizionale e ho vissuto alcune esperienze internazionali.
Sono forse stato inesorabilmente spinto dall’istinto naturale che porta a muoversi, a esplorare e a conoscere. Attratto dal bisogno di esserci in prima persona, di arrivare da qualche parte con le mie gambe. Qualche volta ho cercato di giocare con idee meno consuete e magari non sempre garantite.
Penso che il viaggio non sia solo andare lontano geograficamente, ma sia l’occasione per provare ad affrontare le cose in maniera diversa. Spesso per trovare il nuovo basta guardare le cose da un altro punto di vista.

Apprezzo la tecnologia più recente, ma anche le tecniche tradizionali e credo più nella voglia di fare che nella strumentazione più sofisticata.

Partendo da questa idea mi piace preparare un viaggio anche con le mani, per i lunghi cammini ho realizzato dei carrelli per portare il bagaglio e ho fatto qualche giretto con una Graziella e un carrello, ho poi sistemato una vecchia bici da uomo e ho costruito un altro carrello. Cerco idee nuove, ma esploro tecniche del passato come i bastoni di legno.

Nel corso del tempo ho raccolto molti appunti su equipaggiamento, abbigliamento, abitudini, tecniche ed esperienze varie che ho inserito in un libro scritto per la casa editrice “Terre di mezzo”.