Vota questo articolo
(1 Vota)

Jugo-bike, in bicicletta in Bosnia, Croazia e Serbia di Lorenzo Gambetta

Jugo-bike racconta di tre ragazzi e un viaggio in bici in Bosnia, Croazia e Serbia. Racconta dei Balcani che non ci si aspetta, quelli che non abbiamo mai visto, o forse mai voluto vedere. Il viaggio di Lorenzo e dei suoi due amici non è solo un'esplorazione fisica, ma dell'animo. I tre viaggiatori, attraverso pensieri, riflessioni e un accurato sguardo alla storia contemporanea dei Balcani, riescono a mostrare al lettore l'essenza dei diversi popoli che, in fin dei conti, potrebbero essere uno solo...

 
 

Jugo-bike di Lorenzo Gambetta è un libro pubblicato dalla casa editrice Infinito edizioni, con prefazione di Marco Pastonesi e introduzione di Simone Benazzo. Lorenzo, insieme a due amici, parte alla volta dei Balcani per girarli in bicicletta realizzando un sogno che aveva da tempo. Dalla Croazia alla Bosnia alla Serbia solcando a pedali quel confine invisibile tra Occidente e Oriente. Jugo-bike è la narrazione di un'immersione totale nella poesia balcanica tra incontri densi di spunti e vita vissuta, frontiere spesso impensabili, birre nazionali e un concentrato di  colpi di pedale. Viaggiando attraverso i Balcani è impossibile non ripensare al 1993 e a tutto quello che ne conseguì perchè le ferite sembrano ancora aperte e non solo negli edifici che si incontrano sulla strada. Ma si respira anche speranza, soprattutto in alcuni giovani incontrati sulla strada, giovani che guardano al futuro con il sorriso perchè una convivenza è forse possibile...

Jugo-bike è un libro da leggere assolutamente se si vuole far rapire dalla magia balcanica o, semplicemente, se si vuole affrontare un viaggio tra Croazia, Bosnia e Serbia!

Sinossi dell'opera

Un viaggio lento, polako polako, a scartamento ridotto. Una bicicletta e una sacca, la cui pesantezza non è un fardello ma l'occasione di essere agganciati alla terra attraversata per viverla, scoprirla. Da Zagabria a Sarajevo, a Belgrado, dalla Mitteleuropa verso Oriente tra vallate, cascate, pianure sconfinate, campi di grano, locande antiche, case rurali, ponti in pietra, vecchie in nero, chioschi di fragole e angurie, birra fresca, moschee, chiese, cimiteri turchi, campanili di ogni foggia. Le ruote della bicicletta scorrono lente sulla strada e tracciano una riga immaginaria e clandestina sull'asfalto, un tratto di penna fatto per unire, non per dividere. Popoli, religioni, lingue, alfabeti. Questo viaggio permette di conoscere il volto reale di quei territori e delle persone che li popolano, ascoltare voci, suoni, confessioni e ricordi, magari davanti a una bella rakija a fine giornata.
Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Veronica

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

{/source}
 

             

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
 

Contenuti recenti

 
 
Torna su