fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(0 Voti)

Jesolo - Eraclea in bici: idrovore, laguna del Mort e prodotti tipici

Questo itinerario cicloturistico tra Jesolo e Eraclea in bici ci porterà alla scoperta di alcune attrattive particolari del territorio che non ci si aspetta. Inoltre,tra una pedalata e l'altra, avrai la possibilità di visitare alcune significative realtà agricole e ricettive della zona, magari prima di divertirti come un matto su uno dei tanti sentieri sterrati lungo fiume.

vecchie ferrovie in bici
È uscito il nostro e-book sulle vecchie ferrovie: 33 itinerari in bici dalle Alpi alle Isole. Informazioni, tracce GPS, curiosità e descrizioni accurate per scoprire l'Italia in sellaLo voglio subito

Dati tecnici

Jesolo - Eraclea bicicletta

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo  Jesolo
Tempo  6 ore
Dislivello  100 m
Lunghezza  63 km
Terreno 
Asfalto: 50%
Sterrato: 50%
Bici consigliata 

Gravel Bike

Adventure Bike

MTB

VALUTAZIONE
Difficoltà Abbastanza Facile
Panorama Molto Bello
QUANDO ANDARE

MarzoAprileMaggioGiugnoSettembreOttobreNovembre

I pescatori di Cortellazzo

Dal Lido di Jesolo, con le sue caffetterie, i ristoranti, la gigantesca ruota panoramica e le vie del centro già affollate di gente, iniziamo a pedalare verso ovest seguendo una delle piste ciclabili che si incontrano a poca distanza dal mare. Presto raggiungiamo la Cavetta, uno dei tanti canali della laguna, le cui acque provengono dal Piave.reti pescatori cortellazzo

Oltre il ponte, a pochi passi dalla marina di Cortellazzo, alcuni pescatori stanno ripulendo le reti dopo la pesca. Le grandi mani graffiate dal legno e dagli ami, la pelle disegnata dal sole, dal vento e dal sale, i capelli ingrigiti dal tempo, lo sguardo smarrito in un orizzonte sempre diverso... chissà quante avventure hanno vissuto in mare e quante storie potrebbero raccontare. Le barche intanto rollano placide in balia delle correnti e noi ne approfittiamo per una sosta informativa grazie alle conoscenze di Ale, guida di Real Bike Guides.

La foce del Piave un tempo non si trovava in questo luogo, ma a diverse centinaia di metri di distanza. Poi, in modo del tutto naturale, a seguito di una grande alluvione, il fiume spostò parte del proprio alveo creandosi un nuovo sbocco nel mare.segnaletica jesolo eraclea in bici

In bici alla laguna del Mort

In bici attraversiamo la raccolta Cortellazzo ormai intenta a pranzare, al riparo dal sole allo Zenit. Un ponte di barche ci conduce oltre il fiume tanto caro alla patria trasportandoci in mezzo alla natura del canale Revedoli. La sponda più occidentale è asfaltata mentre quella che imboccheremo a breve, l’orientale, si sviluppa su un piacevole sterrato ombreggiato tra ghiaia ed erba.

Divertendoci come bimbi in bici, affrontiamo i brevi tratti di single track avvicinandoci veloci alla laguna del Mort, un’area umida percorsa da passerelle sospese e sentieri scavati nella sabbia nascosti nella silenziosa pineta.passerelle laguna da mort

Eraclea Mare sorge proprio oltre la foresta di aghifogli. Località turistica rinomata, Eraclea mare si affaccia sul blu dell’Alto Adriatico e sulla vicina laguna del Mort. Lasciandoci il borgo alle spalle lungo un divertente sterrato raggiungiamo in un paio di chilometri l’agriturismo Dune, un luogo incantato dove trascorrere giornate tra mare e prodotti tipici. Nell'azienda agrituristica infatti si servono numerose pietanze preparate con ingredienti provenienti dal grande orto stagionale o dai terreni della struttura. Il direttore è Sileno, il presidente dell'associazione Adria Bike Hotels ed è davvero interessante confrontarsi sullo sviluppo e la diffusione del cicloturismo e delle infrastrutture presenti nell'alto Adriatico per chi viaggia in bici.chiusa sui canali alto adriatico in bici

Sterrati e idrovore

Pieni di spunti stimolanti, riprendiamo la strada verso il canale Revedoli e con nostra grande gioia ci ritroviamo quasi immediatamente su una sterrata dorata che taglia due ampi campi coltivati a granoturco. L'argine erboso è percorso da una stretta e sinuosa striscia di terra che cerchiamo di seguire meticolosamente per non arenarci nella macchia verde che ci circonda. Il volo fugace di qualche airone e il profumo di fioritura e acqua trasmette un gran senso di pace e la pedalata è ancora più introspettiva mentre ci soffermiamo a godere della quiete del pomeriggio.lungo canale sterrato

In 5 km raggiungiamo Brian prima di rituffarci nuovamente tra gli appezzamenti di frumento giallo oro. Alcune strane statue attirano la nostra attenzione: in questa proprietà di una delle grandi compagnie assicurative italiane, per non dimenticare i cani e i cavalli che hanno vissuto in queste campagne, sono state ideate delle opere a loro memoria.

All'altezza del campo volo effettuiamo il nostro giro di boa girando gli pneumatici di 180° per raggiungere la grande idrovora di Termine sul canale Ongaro. L'edificio oggi appare in buone condizioni nonostante risalga al primo dopoguerra ed è incredibile pensare all'apporto determinante dato da idrovore come questa per la bonifica ai territori paludosi. Riprendiamo a pedalare verso sud-ovest per oltrepassare ancora una volta Brian e continuare a goderci i territori dell'Alto Adriatico in bici.natura agricoltura Un'altra delle realtà che hanno deciso di investire in queste terre è quella de La Fagiana, l'unica produttrice di riso della provincia di Venezia e di tanti altri prodotti legati al cereale come la birra. Per chi fosse interessato a saperne di più è possibile visitare i grandi spazi della tenuta in sella a una bici e partecipare a una degustazione!pedalando tra i vigneti

Torre di fine e l'idrovora fascista

Torre di Fine, località del comune di Eraclea, sorge dove il canale Ongaro e il Revedoli si incontrano. Il borgo nacque in concomitanza alla realizzazione dell'omonima idrovora, risalente al Periodo Fascista, e più precisamente al 1925. Intorno a questa opera indispensabile si sviluppò un vero e proprio agglomerato urbano con chiesa, asilo infantile e, addirittura, un albergo-osteria... insomma tutti i servizi necessari ai residenti e ai lavoratori provenienti da altre località.

idrovora termine

Da Torre di Fine ci riavviciniamo al fiume Piave per attraversarlo sull'ormai conosciuto ponte di barche e proseguire nella percorrenza del nostro itinerario di rientro attraverso Cortellazzo e la Pineta di Jesolo per ritrovarci al punto di partenza dopo circa 63 km di percorso tra Jesolo e Eraclea in bici.

  • La foce del fiume Piave a Cortellazzo
  • Reti e pescatori: una tradizione marinara ancora ben evidente nell'Alto Adriatico
  • Aperitivo all'azienza agrituristica le Dune
  • Single track e sterrate lungo i canali
  • Le idrovore di Termine e Torre di Fine
  • Visita all'unica azienza produttrice di riso della provincia di Venezia e degustazione birra di riso
  • Come raggiungo Jesolo? Dalle Autostrade A/4 e A/27, le uscite consigliate sono rispettivamente Venezia Mestre e Noventa/San Donà di Piave. Si prosegue quindi in direzione Jesolo.
  • L'itinerario è segnalato? L'itinerario è in parte segnalato, ma ti suggerisco di seguire la traccia GPS che puoi scaricare qui sopra
  • Sono presenti fontane o fonti d'acqua in generale? Lungo l'itinerario ci sono alcune fonti d'acqua, soprattutto nei paesi attraversati
  • Com'è la qualità delle strade dell'itinerario? Il percorso si svolge su sterrati, talvolta erbosi e stretti, tratti sabbiosi e in terra battuta oltre a piste ciclabili in sede propria e strade asfaltate secondarie. Il traffico è, per quasi tutto il percorso, praticamente irrisorio.
  • Abbiamo pernottato all'Hotel Junior Family di Cavallino. In alternativa se cerchi un altro Bike Hotel, puoi controllare tutti gli alloggi nella pagina dedicata del sito Adria Bikes Hotel
  • Cosa mangiare lungo l'itinerario? Trovandoci tra mare e laguna, la cucina tradizionale propone piatti a base di pesce ma anche a base di verdure di stagione coltivate nelle vicine aree di bonifica. Carciofi, branzino e peoci (se non sei veneto, lascio a te scoprire di cosa si tratti)vanno per la maggiore.
  • Dove mangiare lungo l'itinerario? Lungo l'itinerario puoi fermarti all'Agriturismo Le Dune a Eraclea

Viaggia con noi

Viaggia con noi

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Lago Maggiore in bicicletta Life in Travel
Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

Viaggia con noi

Viaggia con Life in TravelParti per le tue vacanze in bicicletta e i tuoi tour gravel su percorsi studiati da cicloviaggiatori per cicloviaggiatori.

Viaggia con noi

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su