fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(4 Voti)

Valchiavenna in bici: itinerario ciclabile dal lago di Como alla Svizzera

L’itinerario ciclabile della Valchiavenna collega la lunga vallata al Sentiero Valtellina e al lago di Como in bicicletta. La Valchiavenna, proprio all’altezza della sua città principale, Chiavenna, si divide in due ramificazioni: la Val Spluga che abbiamo visitato in MTB e la Val Bregaglia dove corre l’itinerario ciclabile lungo il fiume Mera fino al confine con la Svizzera.

vecchie ferrovie in bici
È uscito il nostro e-book sulle vecchie ferrovie: 33 itinerari in bici dalle Alpi alle Isole. Informazioni, tracce GPS, curiosità e descrizioni accurate per scoprire l'Italia in sellaLo voglio subito

Dati tecnici

Valchiavenna in bicicletta

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo Colico/Dogana (confine Svizzera)
Tempo 1 giorno
Dislivello
700 m circa
Lunghezza 38 km circa (+ 4,5 km da Colico centro)
Tipologia di strada
Asfalto 93%
Sterrato 7
Bici consigliata
Mountain Bike  
Gravel
Bici da viaggio
VALUTAZIONE
Difficoltà media
Panorama Splendido
QUANDO ANDARE
AprileMaggioGiugnoLuglio
AgostoSettembreOttobre
Partendo da Colico, punto di arrivo (o di partenza!) del Sentiero Valtellina, si percorre a ritroso una parte di percorso cicloturistico raggiungendo il ponte sull’Adda. Dopo averlo attraversato su strada condivisa, le indicazioni sono presenti e chiare, si inizia a costeggiare la riserva naturale di Pian di Spagna, una pianura ricca di biodiversità e facili sterrati da scoprire in bicicletta.

Il lago di Mezzola

La prima parte di avvicinamento alla pista ciclabile zigzaga tra i paesini che dividono il lago di Como, la Valtellina e il lago di Mezzola. Questo bacino lacustre, separato  dal lago di Como solo dal corso del fiume Mera, non è balneabile ma vanta comunque una ricca biodiversità sia ittica che ornitologica. lago di mezzolaAppena oltre Nuova Olonio, il paese di Olonio fu sommerso dal fiume Adda nell’alluvione del 1520, si entra sulla piacevole pista ciclabile lungo il lago passando dalle località di Verceia (ideale punto di partenza per l’escursione sul tracciato del Tracciolino), Campo Mezzola e Novate Mezzola, dalla cui spiaggia si hanno alcuni tra i più bei panorami sul lago.

La ciclabile verso Chiavenna

L’itinerario della Valchiavenna in bici, dopo Novate Mezzola, lambisce i centri di Giumello e Giumellasco per poi inoltrarsi tra i campi coltivati. I panorami cambiano rapidamente e dopo i bei scorci sul Sasso Manduino (2888 m) che sovrasta Verceia, cominciano ad apparire gli alti picchi dell’alta valle, della Val Spluga e della Svizzera. verso chiavennaPresto ci si immette su un lungo rettilineo ciclabile che ci avvicina rapidamente alla bella città di Chiavenna, il principale centro della vallata.

Visitare Chiavenna: 5 cose da non perdere

Scoprire la Valchiavenna in bicicletta significa anche dedicare un po’ di tempo a Chiavenna, centro da cui si diramano le due valli di confine: la Val Spluga e la Val Bregaglia. Chiavenna, poco più di 7000 abitanti, ha origini romane e può vantare davvero tanti luoghi caratteristici che la contraddistinguono.
  1. La Collegiata di San Lorenzo – Fondata diversi secoli fa, divenne basilica nel 1098. L’accesso avviene da un porticato realizzato nel XVII secolo da maestri ticinesi in pietra ollare. La costruzione dell’imponente campanile fu invece terminata nel 1603. Nel battistero è ancora conservata una fonte battesimale del periodo romanico mentre nel Museo del Tesoro si può vedere La Pace di Chiavenna, un manufatto medievale in argento tra i più prestigiosi d’Europa.colleggiata di san lorenzo
  2. Portone Vecchio e Piazza Rodolfo Pestalozzi – Dalla località Reguscio si accede al centro storico di Chiavenna attraverso il suggestivo Portone Vecchio. Pedalando verso il cuore cttadino si arriva presto alla piazza Rodolfo Pestalozzi dove una suggestiva fontana ottagonale realizzata in pietra ollare attira subito l’attenzione. Questa è una delle piazze principali della città con case color pastello, locali e una vivace presenza di locali.centro storico chiavenna
  3. Parco archeologico botanico del Paradiso - Situato su due colli, adiacente a Palazzo Balbani, questo parco permette di avere scorci unici sulla città oltre alla possibilità di percorrere diversi sentieri e attraversare la spaccatura, chiamata Caurga, che divide i due colli su una pittoresca passerella.
  4. Le case sul fiume Mera – Con i numerosi loggiati e uno degli ultimi tratti di antiche mura ancora conservate eretto direttamente sulle rocce, questo pittoresco scorcio cittadino èuna delle cartoline indimenticabili di Chiavennapiazza chiavenna
  5. Marmitte dei giganti – Uscendo da Chiavenna, lungo la pista ciclabile che segue il Mera verso il cuore della Val Bregaglia, si scorgono le indicazioni per questa riserva naturale. Le formazioni rocciose modellate dall’azione del ghiaccio durante l’ultima glaciazione sono incredibili: alcune sembrano grandi scodelle, altri prendono sembianze di enormi animali. Sulle numerose rocce del sito sono presenti anche incisioni rupestri che evidenziano la frequentazione dell’area. Ah, quasi dimenticavo:dalla riserva si hanno anche panorami di notevole bellezza sulle montagne della zona e sulla città di Chiavennavia bregaglia chiavenna

La Val Bregaglia in bici

L’itinerario della Valchiavenna in bici, che da qui coincide con il percorso numero 6 della rete ciclabile svizzera, si lascia la città alle spalle passando ai piedi del parco archeologico botanico del Paradiso, davanti al suggestivo Palazzo Balbani che ricorda un castello e in prossimità del Museo Mulino di Bottonera. L’area è stata di recente recuperata e tra le opere che ne risaltano la bellezza è assolutamente da citare la fontana del Viandante. Dalla città quindi ci si avvicina al sentiero di accesso alle Marmitte dei giganti pedalando tra grandi rocce e passaggi stretti lungo il corso del fiume Mera.indicazioni ciclovia Appena fuori Chiavenna si costeggiano alcuni crotti, in origine cavità rocciose dove le infiltrazioni di aria dal sottosuolo mantengono la temperatura costante a 8° C , ora divenuti ristoranti o luoghi dove degustare i prodotti tipici della tradizione chiavennasca. All’altezza della chiesetta della Beata Vergine Assunta si attraversa il ponte e si continua in bici sempre a ridosso del fiume in direzione del bivio ciclabile per raggiungere la cascata di Acquafraggia.

Acquafraggia e San Martino, due gioielli da non perdere

Il torrente Acquafraggia nasce a Cima di Lago a 3050 m di quota e sfocia nel fiume Mera con un salto maestoso, quello delle cascate di Acquafraggia. Pensa che anche Leonardo Da Vinci intorno al 1495 citò la cascata all’interno del suo Codice Atlantico. cascata acquafraggiaLe cascate si può facilmente raggiungere in bicicletta lungo il bivio ciclabile che si dirama dall’itinerario principale. Superato il tratto panoramico sul salto d’acqua, la Val Bregaglia e il suo itinerario ciclabile si inoltrano nel fitto di un bosco silenzioso che termina in prossimità di un’azienda agricola. La vallata cinta da cime innevate per buona parte dell’anno è punteggiata da case con i tetti in pietra e i camini fumanti. Dopo una breve, ma impegnativa salita su strada promiscua (ma non passa quasi mai nessuno se non i residenti) si entra nel borgo di Aurogo dove si erge fiera la più antica chiesa della Valchiavenna, quella di San Martino.chiesa di san martino All’interno del sito religioso risalente all’XI secolo sono ancora presenti alcuni affreschi coevi.

Verso il confine con la Svizzera

Da Aurogo la strada continua dolcemente la sua ascesa avvicinandosi al confine con la Svizzera. Si passa da Giavera, luogo in cui la ciclabile si trasforma in una sterrata divertente ma piuttosto scivolosa durante la stagione fredda. 600 m di salita bastano a giungere al lago artificiale di Villa di Chiavenna.lungolago villa di chiavenna Dal bacino manca solo un chilometro a Dogana, il confine con il territorio svizzero. Se si volesse continuare il viaggio in bici si potrebbe proseguire tra le montagne svizzere fino al passo del Maloja dove nasce l’Inn o anche oltre.

Crotti e piatti tipici

Non si può visitare la Valchiavenna in bicicletta senza concedersi almeno un pranzo in un caratteristico crotto. I crotti, come spiegato sopra, sono vecchie cavità rocciose dove la temperatura resta sempre costante e quindi sono luoghi ottimali per la conservazione di molti prodotti come anche il vino. In Valchiavenna devi assolutamente assaggiare: la brisaola, il violino della Valchiavenna, gli gnocchetti chiavennaschi, la torta fioretto e i biscottini di Prosto. C'è molto altro da assaggiare ma te lo lascio scoprire durante il tuo viaggio in bici in Valchiavenna!

Bici + Treno in Valchiavenna

La Valchiavenna, e in particolar modo Chiavenna, è raggiungibile in treno da Milano, Lecco o altre città italiane. Prendedo come riferimento la stazione di Milano Centrale considera circa 2 ore per raggiungere Chiavenna con un cambio treno a Colico, all'incontro del lago di Como con la Valtellina. riflessi nell addaUn'alternativa è anche quella di viaggiare in treno fino a Colico e iniziare l'itinerario dalla cittadina lacustre.

 

Viaggia con noi

Viaggia con noi

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!

Viaggia con noi

Viaggia con Life in TravelParti per le tue vacanze in bicicletta e i tuoi tour gravel su percorsi studiati da cicloviaggiatori per cicloviaggiatori.

Viaggia con noi

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su