In piedi sui pedali dell'e-bike verso la Francia!

Pubblicato in Francia
Vota questo articolo
(1 Vota)
Etichettato sotto
Scende la pioggia: fina, costante, pungente. Martigny, nella Svizzera francese, appare stanca e grigia sotto il velo avvolgente del temporale in arrivo.
Le e-bikes cavalcano l'asfalto schizzandoci acqua e fango in faccia, bastano pochi minuti per ritrovarci completamente inzuppati. Martigny è deserta a quest'ora del mattino, l'unico suono costante è quello dell'acqua del fiume Rodano che attraversa la valle e accarezza la periferia della cittadina svizzera...
 

Dati tecnici

 Martigny - Chàtel in E-MTB

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo  Martigny - Chatel
Tempo 4-5 h
Dislivello 1000 m circa
Lunghezza 45 km circa
Bici consigliata
e-mtb
VALUTAZIONE
Difficoltà Alto
Panorama Molto bello
QUANDO ANDARE
MaggioGiugnoGiugnoLuglioAgostoSettembreOttobreNovembre
 

 

 

La pista ciclabile del Rodano

 
e-mtbL'itinerario ciclabile svizzero n° 1 segue il corso del Rodano da Andermatt a Ginevra sfiorando anche Martigny e il suo castello.
La pista ciclabile è ben curata e piacevole da percorrere anche con una citybike; incastonata tra acqua, campi coltivati e frutteti corre sinuosa tra le albicocche mature, pronte per essere raccolte.
Sotto la pioggia si pedala con convinzione e anche speranza di poter vedere il resto del tragitto all'asciutto, ma per oggi, ahimè, non sarà così.
Il percorso ciclabile attraversa paesi caratteristici con cattedrali gotiche imponenti, edifici che riescono a mettere in soggezione in una giornata come questa. Uno di questi è Saint Maurice, un posto dove preventivare una visita di almeno una giornata.
La pioggia si ferma, poi riprende a scendere con più energia e convinzione. Oltrepassiamo Saint Maurice  e, all'altezza di Monthey, siamo costretti a tagliare per i campi: la pista ciclabile è interrotta per lavori e l'alternativa per proseguire nella stessa direzione è quella di pedalare sui binari del treno... un'operazione un po' rischiosa direi.
Avete mai pedalato sull'erba bagnata? Le gomme tassellate delle mountain bike a pedalata assistita usate nel viaggio permettono di affrontare in sella anche brevi ma ripide discese sul manto erboso così, senza alcun timore di allontanarci dalla pista ciclabile interrotta, deviamo per i campi per poi incrociare nuovamente il nostro itinerario qualche chilometro più avanti.
 

Pedalando in salita verso la Francia

 
rete-ciclabili-svizzeraA Massongex il tracciato si allontana drasticamente dal Rodano salutando le verdi pianure ed iniziando ad arrampicarsi sulle ripide vie che tagliano la strada principale accorciando il chilometraggio finale ma mettendo anche a dura prova la performace dell'e-mtb.
Mentre si guadagna quota, il paesaggio si manifesta in tutta la sua naturalezza con picchi rocciosi coperti da nevi perenni, paeselli abbarbicati su speroni di pietra, prati e pascoli verde brillante. La pioggia concede una tregua, il percorso alterna tratti asfaltati a divertenti forestali, superiamo molte case di legno tipiche delle montagne svizzere, ordinate e decorate e mi viene spontaneo pensare a come sarebbe vivere per un po' da queste parti fra roccia e cielo!
Morgins si trova a due passi dal confine con la Francia e oggi è animata da un gran via vai di ragazzi sporchi dalla testa a i piedi. Gli appassionati di downhill corsi qui per la manifestazione in corso scendono lungo il pendio della montagna driblando ostacoli, saltando radici e pietre prima di raggiungere la seggiovia carichi di adrenalina e ritornare a monte per concedersi un'altra folla discesa.
A guardarli sono impressionanti: sotto una spessa coltre di fanghiglia si intravedono due puntini accesi di passione ed energia, gli occhi di questi bikers estremi che in sella a mountain bike adeguate affrontano terreni pericolosi e passaggi tecnici.
Anche noi stiamo per iniziare l'ultima nostra "folle" discesa ma per stavolta non sarà nè fuoristrada nè tecnicamente impegnativa, a Chàtel finalmente ci cambieremo i vestiti bagnati che ad ogni pedalata fanno sempre più rabbrividire!
Il cartello di Chàtel appare fra le nuvole basse: siamo in Francia, benvenue.
Questa area dell'Alta Savoia è terra di outdoor e grandi eventi legati allo sport e non potrebbe essere davvero altrimenti.
Le E-MTB sono riuscite ad accompagnarci in questo particolare viaggio in bici tra Valle d'Aosta, Svizzera e Francia sostenendoci nelle salite più ardue, supportandoci con la forcella durante i tratti in discesa, incuriosendoci con la loro efficienza.
Negli ultimi anni l'ingresso delle e-bikes nel mercato delle due ruote ha aperto importanti orizzonti per chi non ha mai scelto la bicicletta come mezzo di viaggio, trasporto e lavoro. La e-bike ha il potere di avvicinare alle due ruote chi non ha le possibilità fisiche, la voglia o la volontà di pedalare e il tutto in modo spontaneo e graduale. Qualcosa mi dice che progetti come ITER incentiveranno giorno dopo giorno l'utilizzo delle biciclette a pedalata assistita portando sui pedali milioni di persone, chissà se il tempo mi darà ragione... voi la pensate come me?
Se vi siete persi la prima tappa del viaggio in e-bike da Introd a Saint-Oyen o la seconda tappa da Saint-Oyen fino a Martigny, in Svizzera potete raggiungerle attraverso i link e leggerle, buon divertimento!
In piedi sui pedali dell'e-bike verso la Francia! - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 
 
 

Salta in sella con noi

Ciao, siamo Leo e Vero, se vuoi ricevere tanti suggerimenti, informazioni e itinerari per viaggiare in bici e in MTB, iscriviti qui per restare sempre aggiornato
Privacy e Termini di Utilizzo

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito