Vota questo articolo
(1 Vota)

In bici nella giungla cambogiana: da Stung Treng tra templi e animali

Duemila riel sono bloccati a terra da una piccola pietra sistemata sull'asfalto; i giocatori troneggiano all'orizzonte come toreri pronti ad entrare nell'arena: si studiano, si stuzzicano, si osservano nell'attesa che il primo scenda in postazione. Uno dei tre si fà avanti lentamente, le gocce di sudore che gli colano lungo il viso...e si toglie un'infradito che aveva ai piedi lanciandola in direzione delle banconote: bersaglio mancato, sotto al secondo e poi al terzo. Il sasso è ancora al suo posto e così i giovani squattrinati si avvicinano finchè uno non lo colpisce. Tra grasse risate, il vincitore raccoglie il bottino e si ricomincia.
Siamo seduti a goderci lo spettacolo di questi ragazzi, probabilmente disoccupati, che giocano tra il traffico di una strada secondaria della cittadina di Stung Treng. Attendiamo una barca proveniente dall'altra sponda che ci faccia attraversare il Mekong, trasportandoci alle porte della giungla più selvaggia ed isolata. La barca ed il suo timoniere giungono dopo mezz'ora ma scopriamo che la sua destinazione non è quella che ci aspettavamo e così lasciamo i tiratori di ciabatte a disputarsi mezzo dollaro, andando in cerca del punto d'imbarco corretto che scopriamo essere di fronte alla Riverside guesthouse dove abbiamo trascorso la notte.dsc 0133
In attesa che il traghetto venga svuotato del suo carico di rape, ci gustiamo il panorama sul fiume che ci ha accompagnato per lungo tempo e che oggi abbandoneremo. Il viaggio in battello che parte da Stung Treng è già un'avventura: stipati tra decine di motorini ed affiancati a numerose massaie venute al mercato mattutino della città per fare spese, assistiamo ad una manovra a dir poco azzardata. Il giovane che alle nostre spalle controlla il mezzo (e che fino a poco prima era indaffarato a svuotare la chiglia da dieci centimetri d'acqua con una pompa ed un tubo infilato sotto il pavimento) si dirige rapido e deciso verso una barca della stessa taglia proveniente in senso opposto... la collisione sembra ormai inevitabile quando entrambe rallentano fino a fermarsi a pochi centimetri l'una dall'altra: a prua una donna salta dall'altra imbarcazione sulla nostra e subito i due natanti riprendono le loro rotte. dsc 0001Capiamo l'azzardo solo quando la misteriosa passeggera si presenta chiedendoci i soldi del biglietto: cosa non si fà per risparmiare sul personale!
Thalla è un piccolo villaggio punto di partenza del nostro percorso verso il nulla. La polvere già si insinua nei nostri polmoni ed è sufficiente percorrere un paio di chilometri per essere i soli nel silenzio animato della foresta. La strada rossa è ampia e ben battuta, quasi esclusivamente a nostra disposizione; sull'enorme carreggiata ogni tanto passa un motorino ed il pilota ci guarda esterrefatto. dsc 0019Suoni di uccelli misteriosi giungono alle nostre orecchie dal profondo della boscaglia, impenetrabile più a causa delle migliaia di mine presenti ancora sul terreno che non per la densità della vegetazione. Sono passati venti chilometri e tre motorini quando un bivio ci coglie di sorpresa e decidiamo di fare una sosta nella speranza che passi qualcuno. Abbiamo l'onore di vedere un'upupa posarsi su un ramo poco distante ma nessun essere umano ad indicarci la retta via. Teniamo la destra, ma fortunatamente un trattore in lontananza si avvicina e noi ci appostiamo sulla traiettoria onde evitare di lasciarcelo sfuggire: com'è logico che sia, la strada da noi scelta è quella sbagliata e siamo costretti a girarci per imboccare il percorso corretto che si fà stretto e vallonato. Un villaggio spunta all'improvviso nel nulla più assoluto e muore poche centinaia di metri più avanti così com'era iniziato. Sui volti degli abitanti il mento scende incontrollato lasciando le loro bocche spalancate al nostro passaggio. Il tracciato ondulato ed il sole a picco ci fiaccano mentre sabbia e polvere esplorano ogni singolo angolo del nostro viso. Gli occhi ci si infiammano a causa della cenere e del fumo proveniente dalla sterpaglia bruciata per creare pascolo per le vacche. Il panorama è desolante, tronchi neri si ergono a morti custodi di una foresta che nulla può contro l'ignoranza umana.  Chep è un avamposto senza alcun servizio per i viaggiatori e solo chiedendo qua e là troviamo una famiglia disposta ad ospitarci per qualche dollaro. La doccia consiste in un'enorme giara stracolma da cui attingere con un pentolino l'acqua che ci si versa addosso all'aria aperta, rinfrescandosi. Cuciniamo un piatto di riso e ci corichiamo su un letto di una tipica casa khmer aperta al cielo stellato su due lati.dsc 0064
Un frastuono indescrivibile di galli e galline ci sveglia verso le cinque e trenta ed un'ora più tardi, quando siamo pronti a ripartire, il nostro oste ci blocca invitandoci a sedere e mangiare un'abbondante ciotola di riso con del pesce fritto che ha cucinato appositamente per noi. Commossi ci sediamo e divoriamo tutto ringraziando di cuore. Non appena saltiamo in bici decine di pappagalli verdi ci sorvolano ed ogni cinque minuti siamo fermi per fotografare qualche rapace. La strada, sempre rosso sangue, torna a farsi larga ed il traffico aumenta leggermente: ora si vede qualche sporadica auto.dsc 0087 Poco prima di entrare nella cittadina di Tbeng Mencheay un lampo azzurro attira la nostra attenzione: un martin pescatore comune riposa su un ramo e noi lo veniamo a trovare poco prima del tramonto dopo aver scaricato i bagagli in città.dsc 0111
Falliamo il tentativo di trovare un'escursione di birdwatching economica nella riserva di Tmatboey per ammirare gli ibis (gigante e spallebianche) e spostiamo le nostre attenzioni sull'antica capitale khmer immersa nella giungla cambogiana. Dopo una giornata a pedali di nuovo sull'asfalto, trascorriamo un po' di ore fra le rovine di Koh Ker dove picchi e gruccioni conquistano il nostro interesse come la piramide ed i templi nascosti.ld 0017
Il nostro ritorno alla civiltà nella più turistica e convulsa delle città cambogiane: Siem Reap è un piccolo agglomerato congestionato da occidentali giunti fin qui per ammirare il tempio di Angkor Wat e la città di Angkor Thom, distanti solo una decina di chilometri.

Questo articolo fa parte del diario di viaggio tenuto in diretta riguardante il progetto Downwind. Se volete leggere le altre puntate, ecco qui tutti gli articoli dei nostri dieci mesi in bicicletta nel sud est asiatico

Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    tirapacchi · 9 anni fa
    bell'articolo, era ora. anche le foto splendide, tramonto infuocato migliore di tutte le foto poste a sondaggio fino ad ora..
    manca solo la foto dell'upupa
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
Torna su