Vota questo articolo
(1 Vota)

Gallo forcello: tutti in arena ad ascoltarlo!

Un paio di settimane fa sono riuscito finalmente a convincere l'amico Tirapacchi ad organizzare una escursione sui pendii della Panarotta per ascoltare ed ammirare il Gallo Forcello durante le sue esibizioni canore eseguite per impressionare le femmine. Nonostante la levataccia alle 4.00 del mattino ero piuttosto sveglio e pronto ad affrontare la giornata. In poco più di mezz'ora ci siamo trovati ai margini di un'arena ad ascoltare i caratteristici versi dell'animale e nonostante la penombra abbiamo potuto ammirare il volatile ben distintamente prima che si spostasse più in basso al di fuori della nostra visione. Altri dieci minuti di camminata e ci siamo ritrovati ad ascoltare un altro maschio senza però poterlo scorgere tra le piante. Sulla strada del ritorno, mentre eravamo in ammirazione ad osservare il sole sorgere all'orizzonte, il canto è riapparso e su un costone poco distante abbiamo localizzato l'animale. Con le dovute cautele ci siamo avvicinati ma è stato impossibile fotografare l'animale che restava "impallato" da alcune rocce e arbusti. Un ultimo passo ed abbiamo visto una grossa sagoma sfrecciare davanti ai nostri occhi e nascondersi tra la vegetazione.
 
 

Non ho portato a casa alcun trofeo fotografico dell'escursione ma ammirare ed ascoltare gli animali è stato molto piacevole anche grazie alla compagnia. Sperando che l'esperienza si ripeta, nel frattempo vi rimandp ad una breve descrizione dell'animale presa dal sito www.bormio3.it.
In altre uscite fotografiche nella Natura abbiamo avuto a che fare con il gallo cedrone, con l'orso e con il capriolo... vi siete mai dedicati alla fotografia naturalistica?! Se la risposta è negativa, vi consigliamo di provarci almeno una volta magari seguendo i consigli della nostra piccola guida su come fotografare gli animali!
 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    piergiuseppe · 11 anni fa
    magari l'anno prossimo andiamo a vedere l'urogallo -o cedrone che dir si voglia- così anticipiamo la levataccia di un'oretta!!!
    • Questo commento non è pubblicato.
      Leonardo Corradini · 11 anni fa
      Ma come, mi tocca aspettare fino all'anno prossimo... ed io che speravo mi portassi ad avvistare orsi e lupi quest'estate! :cry:
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

 

             

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
 

Contenuti recenti

 
 
Torna su