fbpx

Unisciti alla LiT Family

 


Gravel Val Seriana: in bici lungo l'anello Presolana - Pora

Scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)

Scoprire il territorio della Val Seriana in bici non è cosa scontata, soprattutto se lo si vuole fare seguendo strade gravel e con una bici per viaggiare. Area prealpina da sempre votata alla mountain bike o alla bici da strada per la scalata dei passi che la caratterizzano, negli ultimi tempi è diventata una meta ambita anche da chi cerca quel fuoristrada più facile,ma non meno divertente, quell'offroad chiamato gravel.

ritorno a occidente indice Georgia
Sono arrivati i 2 volumi di Ritorno a Occidente, libri fotografici dedicati al nostro viaggio in bici attraverso la Georgia e la Turchia, tra le alte vette del Caucaso e le lande anatoliche. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 

Clusone e la sua danza macabra 

Il punto di partenza di questo itinerario ad anello - parte del più lungo Gravel Val di Scalve - potrebbe essere una qualsiasi località lungo il loop gravel che seguiremo ma, per comodità, partiremo dalla vivace Clusone, la cittadina sormontata dalla basilica di Santa Maria Assunta e dal vicino Oratorio dei Disciplini dove è affrescata una danza macabra. Giacomo Borlone de Buschis, tra il 1484 e il 1485, dipinse questo suggestivo affresco volto in sintesi a ricordarci che, prima o poi, la morte verrà a prenderci quindi perché non provare a vivere al meglio? oratorio dei disciplini clusoneDalla bella cittadina iniziamo a pedalare verso il passo della Presolana seguendo strade secondarie, sterrate e non.clusone val seriana gravel I primi chilometri scorrono veloci in divertente falsopiano passando anche per la graziosa Rovetta, la patria del mais rostrato rosso con cui vengono preparate tante leccornie. mais rosso rostrato rovetta

 

Verso il passo della Presolana

Dopo Rovetta il tracciato inizia a salire con più decisione raggiungendo Onore e poi arrampicandosi, in parte su sterrato, verso Castione. pedalando val serianaSi pedala in luoghi inaspettati e verdi dove respirare a pieni polmoni. Anche questo borgo, come tutta la provincia di Bergamo, fu dominio della Serenissima e un leone alato di San Marco ricorda il periodo storico. La strada sale ancora verso il cielo e la regina delle Orobie, il massiccio della Presolana sotto al quale l'asfalto giunge all'omonimo passo. val seriana gravel scorciAl valico si può bere una birra o rilassarsi in uno dei ristoranti e bar presenti (a me piace molto il Bar Piccolo Museo che in estate ha anche un ampio spazio all'aperto) prima di riprendere la percorrenza del nostro gravel Val Seriana!

La traversa dal Salto degli Sposi

Una leggenda narra la storia di due innamorati e le vicissitudini che li portarono a saltare da un dirupo panoramico tra l'altopiano della Presolana, la val di Scalve e la Val Camonica. Il viewpoint chiamato Salto degli Sposi è un must a due colpi di pedale dal passo della Presolana. La vista da quassù può davvero spaziare raggiungendo anche le propaggini del Pizzo Camino e la riserva naturale Boschi del Giovetto di Palline. panorama salto degli sposiEd è proprio dal Salto degli Sposi che ha inizio la suggestiva traversa sterrata che conduce al monte Pora. Nei quasi 6 km di comodo sterrato, ci si mantiene a una quota più o meno costante, attraverso boschi rigogliosi e i pendii ambiti dagli sciatori del monte Pora. La percorrenza di questo tratto è davvero facile e adatta anche famiglie con bambini.strada panoramica pora val seriana gravel

Giunti in vista dell'ambita meta sciistica bergamasca, imbocchiamo l'asfalto per tornare verso Castione della Presolana. Prima di ripassare dal centro, entriamo nel borgo di Rusio, una piccola frazione che ha mantenuto l'aspetto agricolo di un tempo. val seriana gravel rusioA Rusio tappa obbligata è il Fiocco di Neve dove assaggiare il buonissimo gelato al latte di capra di Elena e Andrea. Il nostro tracciato scivola veloce verso Rovetta passando davanti al parco Vilafant e ai piedi di Cima Crapet.

La chiusura del cerchio

A Ombregno lasciamo la statale (affrontata solo per un breve tratto e in discesa!) per proseguire su vie secondarie di campagna fino a Clusone. Nella piacevole cittadina è d'obbligo un passaggio all'orologio planetario Fanzago, risalente al 1583 e ancora funzionante. L'orologio si trova sulla facciata sud dell'edificio comunale. La piazza è animata da negozi di artigianato locale, bar e ristoranti ed è davvero curioso fermarsi a osservare i movimenti dell'orologio da uno dei tavolini presenti. Clusone è una delle località principali della Val Seriana e proprio da qui partono numerosi altri itinerari gravity gravel o MTB, ma anche la divertente ciclabile della vallata che scende verso Alzano Lombardo e Bergamo seguendo, a tratti, la vecchia ferrovia. orologio fanzago clusone

 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!