fbpx

Abbonati alla LiT Family 

Abbonati alla Life in Travel Family - aiutaci a diffondere la cultura cicloturistica in Italia


Vota questo articolo
(9 Voti)

Gravel bikes: le 10 migliori del 2022 sotto i 1500€

Ti sei mai chiesto se esistano davvero delle gravel bikes economiche, cioè che si inseriscano in una fascia di prezzo accessibile al grande pubblico? Chiaramente questa domanda è rivolta sia agli appassionati sia a coloro che stanno scoprendo questo nuovo mondo gravel fatto di percorsi sterrati tecnicamente facili e percorribili senza le sospensioni tipiche di una MTB. La risposta è affermativa! Infatti tante aziende produttrici, da quelle più gettonate a quelle meno conosciute, ampliano costantemente la loro gamma offrendo prodotti concorrenziali a prezzi differenti, per venire incontro alle esigenze di tutti senza però snaturare la funzionalità e le caratteristiche principali della bicicletta gravel. In questo articolo descriverò i migliori dieci modelli di bici gravel economiche del 2022.

Il significato di gravel bike

Le biciclette gravel, detto in modo grossolano ma veritiero, non sono altro che una via di mezzo tra le classiche bici da strada (le bici da corsa per intenderci) e le mountain bike, nel senso che abbinano le capacità di fluidità e scorrevolezza su terreni lisci come asfalto e cemento alla comodità su percorsi sterrati non aggressivi. Le geometrie tipiche di una gravel sono vicine a quelle di una bici da strada, ma le differenze tra le due sono sostanziali; infatti anche un occhio poco esperto può accorgersi di alcune particolarità come il passo più allungato, la forcella meno verticale, la posizione in sella più rilassata, la presenza di copertoni gravel più abbondanti, gli occhielli per il montaggio di portapacchi o cage per il bikepacking. Poi ci sono anche altre evidenze ma che sono più intuibili solo ad un occhio più esperto, come i dettagli sulle modalità di assorbimento delle vibrazioni, tipiche di una casa produttrice rispetto all’altra. Un’analogia con la bici da strada è la presenza del manubrio drop; anche se, a differenza delle cugine da corsa, in alcuni casi i manubri gravel sono scampanati, ovvero le loro appendici inferiori sono rivolte verso l’esterno, con il beneficio della migliore guidabilità sui terreni sterrati. Per avere una visione d’insieme sulle diverse tipologie di bici presenti sul mercato, ti consiglio di leggere l’articolo che parla di differenze tra bici gravel, adventure e da cicloturismo

01 GRAVEL BIKES

Perché una gravel bike economica?

Come detto in precedenza, non tutti gli appassionati hanno disponibilità economiche illimitate, né tantomeno coloro che si stanno affacciando a questo bellissimo modo di interpretare il ciclismo e che vorrebbero iniziare a provare una bicicletta di gamma medio-bassa per capire se poi vorranno continuare a praticare questo sport. Per fortuna, oltre ai modelli top di gamma, si stanno affacciando anche altri modelli più a buon mercato, che assolvono comunque alle stesse funzioni, certo con meno tecnologia all’avanguardia ma con un pacchetto telaio – componentistica che può assolvere alle funzioni principali per chi inizia. L’ acquisto di gravel bikes deve essere dettata da esigenze specifiche: ad esempio, se vai alla ricerca della reattività e della performance su percorsi giornalieri, puoi orientarti su un tipo di mezzo che sicuramente andrà a sacrificare un po’ la comodità, e probabilmente non avrà abbastanza occhielli per il montaggio delle borse o portapacchi. Se invece prediligi viaggi plurigiornalieri con la possibilità di montare portapacchi, borse bikepacking o quant’altro, è giusto orientarsi verso prodotti più comodi. Nel caso di bici economiche non si potrà pretendere di avere un telaio in carbonio, ma alluminio o acciaio, che sono materiali più confortevoli, duraturi e meno reattivi. Non è detto che su alcuni di questi modelli sia montata di serie una forcella in carbonio. Per quanto riguarda la componentistica: gruppi meccanici di medio livello con due corone e freni a disco anch’essi di medio livello sono più che sufficienti per iniziare. L’aspetto molto importante è determinato dalla possibilità di montare copertoni più larghi di 32 mm, adatti allo sterrato; non ultimo, il manubrio drop, comodo in fuoristrada anche con una leggera scampanatura.

02 GRAVEL BIKES

Le migliori gravel bikes sotto i 1500€

Dopo aver descritto i principali aspetti di una gravel bike economica, è giunto il momento di stilare un elenco (soggettivo) delle 10 migliori gravel bikes del 2022 sotto i 1500€.

Cube Nuroad Pro

Questa gravel bike Cube è uno dei modelli entry level del noto marchio tedesco. Si tratta di una bicicletta nata dal connubio tra bici da corsa e ciclocross con un’anima votata allo sterrato non aggressivo. Il telaio è in alluminio 6061 T6 Superlite con la forcella full carbon in grado di assorbire le vibrazioni del terreno, freni meccanici TRP Spyre con sistema Flat Mount e dischi da 160 mm. La trasmissione è Shimano GRX RD-RX400 a 10 velocità (11-36T) con guarnitura a doppia corona 46x30T: un ampio spettro di rapporti che può coprire la maggior parte delle situazioni sul campo. Il telaio ospita copertoni Schwalbe G-One Allround 40-622, con passaggio fino a 45 mm di larghezza, decisamente ottimo! Altro aspetto positivo è la predisposizione degli attacchi per portapacchi anteriore e posteriore, oltre a parafanghi e cavalletto. Decisamente una bicicletta molto versatile, dal peso contenuto (10,5 kg), adatta al divertimento e ai viaggi.

Costo: 1149 €

Per più info visita il sito Cube

03 gravel bikes Cube Nuroad Pro

Scott Speedster Gravel 50

Questa bici Scott è una delle gravel bikes dal costo contenuto e monta componentistica di qualità inferiore rispetto alla precedente. Sia il telaio che la forcella sono in lega di alluminio 6061, l’impianto frenante Tektro è meccanico con rotori da 160 mm e il gruppo è Shimano Claris RD-R2000 a sole 8 velocità (11-32T) con guarnitura a doppia corona del tipo Compact 50x34T. Il suo peso è di 11,5 kg circa ed è in grado di alloggiare copertoni da 40 mm di larghezza (di serie monta gli Schwalbe G-One Bite Performance 700x40C). Quello che si evince è che la bicicletta è un po’ limitante per vari aspetti: innanzitutto i rapporti sono più da bici da corsa che da bici gravel, con un pacco pignoni da soli 8 rapporti; inoltre non ha occhielli se non quelli per i portaborraccia, quindi inadatta ad ospitare cage sulla forcella o portapacchi; è più indicata per giri, anche giornalieri, in modalità bikepacking, e per persone con una discreta gamba.

Costo: 1199 €

Per più info visita il sito Scott

04 gravel bikes Scott Speedster Gravel 50

Cannondale Topstone 3

Questa bici gravel Cannondale presenta un telaio con struttura SmartForm C2 in alluminio e una forcella full carbon, con caratteristiche di leggerezza e reattività con guida fluida, comoda e con sterzata precisa. La trasmissione è Shimano Sora GS a 9 velocità con guarnitura FSA 46x30T e pacco pignoni Sunrace 11-34T. I freni meccanici, con rotori da 160 mm posteriore e anteriore, sono della Promax modello Decoder R.

Monta pneumatici WTB Riddler Comp con dimensioni 700x37c e il manubrio drop ha un flare di 16°, garantendo una posizione delle mani comoda negli sterrati guidabili, con sconnessioni del terreno. Essendo il modello basico della Topstone di alta gamma, ha una componentistica altrettanto basica, ma tutto sommato le dimensioni massime dei copertoni possono essere sufficienti per ogni utilizzo, purché non estremo. Da sottolineare la predisposizione per il reggisella telescopico con passaggio interno dei cavi.

Costo: 1399 €

Per più info visita il sito Cannondale

05 Cannondale Topstone 3

Fuji Jari 2.1

Bici gravel con telaio in lega di alluminio  A6-SL, spessorato, rigido e resistente ma al contempo leggero. Per garantire un assorbimento delle vibrazioni su sterrato, è montata una forcella monoscocca in carbonio C10. La trasmissione è Shimano Tiagra a 10 velocità con cassetta 11-34T e guarnitura a due corone FSA 46x30T. La frenata viene garantita da un sistema meccanico Tektro Lyra con dischi da 160 mm posteriore e anteriore, con passaggio cavi interno. I copertoni di serie sono WTB Riddler 700x37c, ancora una volta un buon compromesso di larghezza per affrontare terreni di varia natura. Il vantaggio di questa bici è rappresentato dal passo lungo del suo telaio, che fornisce stabilità e comodità nella maggior parte delle condizioni. I forcellini posteriori e la forcella anteriore sono dotati di occhielli per il montaggio dei parafanghi. Questa bici risulta comoda per il manubrio drop con flare di 25°, versatile per i viaggi in bikepacking ma anche con le borse laterali in quanto sono presenti occhielli per il montaggio del portapacchi e delle cage sulla forcella.

Costo: 1599,99 $

Per più info visita il sito Fuji

06 gravel bikes  Fuji Jari 2.1

Giant Toughroad GX SLR 2

Una bicicletta dall’anima gravel, con un telaio in alluminio superleggero e una forcella in materiale composito per assorbire le sollecitazioni. Le geometrie del telaio permettono una guida particolarmente confortevole e stabile sia su asfalto che su strade bianche, offrendo manovrabilità sicura su ogni terreno. La trasmissione Shimano Sora a 9 velocità, con doppia corona 32x48T e pacco pignoni 11-34T, è il giusto compromesso tra prezzo finale e agilità dei rapporti, aspetto fondamentale nel viaggio. Le ruote fast rolling sono montate con pneumatici tubeless Giant CrossCut AT 2, 700x50c ad alto volume, consentendo la riduzione della pressione degli pneumatici stessi a favore di comfort e trazione. Il manubrio è un classico drop da corsa, i freni a disco sono idraulici con rotori da 160 mm. L’aspetto fondamentale è la presenza di qualche occhiello predisposto per il montaggio dei portapacchi.

Costo: 1199 €

Per più info visita il sito Giant

07 Giant Toughroad GX SLR 2

Marin Gestalt 2

Marin Bikes, produttore statunitense di biciclette, si è lanciato anche nel mondo gravel proponendo tra i diversi modelli la Gestalt 2, una gravel bikes dalle linee accattivanti e al contempo funzionali. Classico telaio in alluminio con passaggio cavi interno, forcella full carbon, cerchi in doppia parete in alluminio compatibili con il sistema tubeless. La trasmissione è Shimano Tiagra a 10 velocità, con rapporti molto simili alle bici da corsa (guarnitura Compact 50x34T e cassetta 11-34T). Completano l’allestimento i freni meccanici a doppio pistone Tektro MD-C500 con dischi da 160 mm, manubrio drop con flare da 12° e pneumatici WTB 700x35c. Questa bici offre una buona maneggevolezza e stabilità sui terreni naturali, ma bisogna tenere in considerazione l’utilizzo che se ne vuole fare, perché 35 mm di larghezza degli pneumatici sono più che sufficienti sulle strade bianche ma potrebbero non esserlo lungo percorsi più accidentati.

Costo: 1569 $

Per più info visita il sito Marin

08 gravel bikes  Marin Gestalt 2

Specialized Diverge E5

Questa bici gravel Specialized, disponibile in un paio di colorazioni, ha una linea molto pulita e gradevole, di derivazione tipica delle bici da corsa dello stesso marchio. Con un prezzo inferiore ai 1500 € ha il telaio in alluminio, mentre ormai è sempre più consolidata, come negli altri marchi, l’idea di abbinare una forcella full carbon per smorzare le vibrazioni sulle strade bianche e contemporaneamente rendere il mezzo reattivo e stabile. Anche se si tratta di un modello entry level, la Diverge E5 ha una trasmissione a sole 8 velocità (Shimano Claris) che di sicuro la rende poco appetibile rispetto ad altri brand che propongono bici gravel ad un prezzo simile. Il telaio è predisposto per montare i portapacchi grazie alla presenza degli occhielli. Altri attacchi sono posizionati sul tubo orizzontale e sulla forcella, a favore del bikepacking. Altro pregio è rappresentato dall’abbondante spazio che telaio e forcella offrono per l’alloggiamento delle ruote; infatti si possono montare ruote 700x47c e 650b x 2,1”.

Costo: 1350 €

Per più info visita il sito Specialized

09 gravel bikes  Specialized Diverge E5

Decathlon Triban GRVL 520

In questa lista delle migliori gravel bikes sotto i 1500€ non può mancare la regina delle biciclette a basso costo, che si sta facendo largo tra i marchi più blasonati con prodotti discreti e appetibili. Sto parlando della Triban GRVL 520, che suscita sempre interesse, sia da chi storce il naso su questo tipo di mezzo sia da chi, invece, vuole iniziare a pedalare senza svuotare il portafogli. Telaio EvoG in robusto alluminio 6061 T6 abbinato ad una forcella con foderi in carbonio e perno in alluminio, per unire comfort di guida, leggerezza e reattività, sono alla base di questa bici che, tra l’altro, è l’unica in questa fascia di prezzo a montare un monocorona su trasmissione Sram Apex 1 a 11 velocità (per capire se una monocorona 40T è troppo, si può effettuare una simulazione sui range di rapporti). Molto interessante è la presenza di freni meccanici TRP a pistoni idraulici con rotori da 160 mm, oltre alla grande compatibilità con copertoni di sezione fino a 700x42c e 650x47c. Il manubrio drop ha un flare di 16° per una presa più comoda e sia su telaio che su forcella sono presenti occhielli per montare portapacchi, cage e parafanghi. Nel complesso, una buona bici, persino dal peso contenuto (11 kg scarsi per la taglia M).

Costo: 1099,99 €

Per più info visita il sito Decathlon

10 Decathlon Triban GRVL 520

Canyon Grizl 6

Se la Canyon Grail è più adatta a terreni non scassati, la Grizl 6 si mostra adatta ai terreni più aggressivi grazie alle sue particolarità. Questa bici dal telaio in alluminio e dal peso inferiore a 11 kg, si presta ad essere molto versatile ed elegante allo stesso tempo. La trasmissione Shimano GRX RX400 con stabilizzatore (per evitare i salti di catena sui terreni accidentati) è a 10 velocità (cassetta 11-34T) con due corone anteriori 46x30T; praticamente una dentatura in linea con gli standard sul mercato. Oltre ad un impianti frenante idraulico e i cerchi DT Swiss, possono essere montati pneumatici con larghezza massima di 45 mm, ottimo compromesso per la maggior parte delle situazioni che possono capitare. Per concludere, è opportuno ricordare la compatibilità con il portapacchi posteriore e i punti di fissaggio sulla forcella per il bikepacking.

Costo: 1499 €

Per più info visita il sito Canyon

11 gravel bikes  Canyon Grizl 6

Trek Domane AL 3 Disc

Chiaramente non poteva mancare la Trek Domane, una bici scorrevole sull’asfalto e divertente sugli sterrati ghiaiosi. Il telaio in alluminio leggero con una geometria Endurance la rende aerodinamica, ma al contempo stabile. La forcella in carbonio assicura il massimo comfort e sicurezza sugli sterrati grazie all’assorbimento ottimale delle vibrazioni. La trasmissione è Shimano Sora R3000 a 9 velocità, con guarnitura Compact 50x34T e cassetta 11-32T, forse una combinazione troppo vicina al mondo della bici da corsa e poco aderente al gravel, dove le pendenze a due cifre possono appesantire la pedalata. I freni a disco meccanici Tektro C550 con rotori da 160 mm garantiscono una buona frenata, come buono è anche il peso totale del mezzo, pari a circa 10,5 kg. L’inconveniente è di non riuscire a montare coperture con larghezza superiore a 35 mm, mentre il pregio di questa gravel bike è quello di poter montare pèarafanghi e portapacchi, componenti che al giorno d’oggi sono diventati fondamentali per spostamenti di più giorni e viaggi in genere.

Costo: 1179 €

Per più info visita il sito Trek

12 Trek Domane AL 3 Disc

Queste sono, secondo me, tra le migliori bici gravel economiche sul mercato; tu cosa ne pensi? Faccelo sapere nei commenti qui sotto! 

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Bendo · 9 mesi fa
    @Giancarlo Trubbiani Ciao Giancarlo
    Grazie per la tua segnalazione. Potrebbe essere interessante sviluppare l'argomento, visto che l'elettrico sta abbracciando praticamente tutto il settore bike.
    Davide
  • Questo commento non è pubblicato.
    Giancarlo Trubbiani · 9 mesi fa
    mi piacerebbe conoscere qualcosa sulle gravel a pedalata assistita
    lo fate?
    ho 85 anni e non sono troppo allenato.
    ciao
    giancarlo.

  • Questo commento non è pubblicato.
    Leo · 9 mesi fa
    @Eva Ciao Eva e grazie per il suggerimento anche se personalmente non definirei la Easy Travel una gravel ma decisamente più una bici da viaggio viste le geometrie molto più comode (infatti l'abbiamo inserita nella lista delle bici da viaggio insieme alla hobootleg: https://www.lifeintravel.it/bici-da-cicloturismo-le-migliori-dell-anno-per-viaggiare.html)
  • Questo commento non è pubblicato.
    Eva · 10 mesi fa
    Ottimo articolo! Mi permetto di aggiungere anche la Cinelli HOBO Easy Travel che con i suoi 1590,00 euro è una bici estremamente interessante anche in allestimento viaggio. < Ha la possibilità di montare copertoni fino a 44 mm - anche se ho avuto problemi dietro a montare dei 40c:) - ed essendo la prima bici muscolare che ho acquistato, la consiglio entusiasticamente:)
Bendo

Appassionato da sempre di attività outdoor con predilezione all'escursionismo esplorativo scandito da ritmi lenti e meditativi, mi sono affacciato al mondo della bicicletta all'età di 13 anni con la medesima predisposizione e da quel momento è stato un crescendo di esperienze che hanno contribuito a far maturare in me una visione romantica di questo bellissimo sport, sempre in contatto e in accordo con la natura.
 
Adoro pedalare nella mia terra d'origine (le Orobie) e sulle bellissime Alpi Occidentali, senza però  trascurare l'Austria, la Svizzera, etc., e tutti quei luoghi che mi stanno ancora aspettando. Peraltro mi piace alternare il ciclismo su strada a quello su sterrato, terreni diversi che non considero come eterni rivali ma bensì come due red carpets dove far scorrere i miei sogni a due ruote!
 

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su