Menu

Una scusa, serve solo una scusa, un po' di tempo e forse un pizzico di follia.

Da gennaio mi son trasferito ad Amsterdam, cittá delle bici, ma sentivo "saudade" per la mia bella Cannondale che era rimasta al paese. Quindi ho pensato, la porto in Olanda. Aereo? Bus? Treno? Hahah. Potrei pedalare... Ancora non troppo convinto scrivo un sms ad un grande amico, anche lui ciclista per passione...

La Pacific Coast Route è un itinerario ciclabile di lunga percorrenza che segue la West Coast del continente Nord americano da Vancouver, nello stato del British Columbia ad Imperial Beach, in California. Il tracciato, lungo 1857 miglia ( quasi 3000 km), attraversa diversi stati e paesaggi molto differenti tra loro: dalla sezione più a nord si scende seguendo l'Oceano Pacifico fino alle spiagge della California, meta di numerosi surfisti. Durante l'itinerario si possono visitare riserve naturalistiche, parchi nazionali e alcune tra le più belle città d'America come Seattle e San Francisco.

Oggi proverò a raccontarti un'esperienza incredibile che si può vivere pedalando all'interno del Parco Nazionale dello Stelvio. Mi trovo in alta Valle Camonica, territorio che cela una perla di grande valore – la Val Grande – nota sia per la sua lunghezza che per le rocce rossastre tipiche del parco, ma soprattutto per la folta presenza di cervi, i veri padroni di questo areale! Consiglio di percorrerla durante la stagione autunnale, ricca di contrasti cromatici, tra l'esplosione dei colori del bosco, una piccola spruzzata di neve sulle cime più elevate e il cielo blu intenso.

Val Camonica in MTB: La Val Grande e il Bivacco Saverio Occhi - 5.0 out of 5 based on 1 vote

Dal Protocollo dei Savi della bici/ Convenzione di Anversa, 24 May, 1964.

“ Il ciclista che si avventuri per le contrade italiche o per l’Europa dall’occhio circolare, rammenti che nel suo vagabondare egli rappresenta la dignità dei Savi della Bici, e come tale il suo comportamento, pur ammettendo accidentali devianze e conati creativi, andrà strutturato secondo una vigile prospettiva morale. In particolare vanno evitati come sconvenienti comportamenti quali ruberìe, raggiri, tradimenti, crapule, atteggiamenti viziosi, sodomìe, cene pantagrueliche, eccessi etilici, promiscuità sessuali, e tutto quanto possa alterare il regolare e giusto cammino, che è sempre e comunque un cammino verso la leggerezza dell’espiazione.”

Alzi la mano chi prima di oggi aveva sentito parlare di Terre del Vescovado e Val Cavallina in bici? Sì dai, forse il lago d'Iseo ultimamente l'avrai sentito, soprattutto grazie ai Floating Piers che lo hanno reso celebre l'anno scorso. Allora se ti ho solo un po' incuriosito, ti dirò che nonostante ormai viva sulle sponde del Sebino da un paio d'anni, solo di recente ho avuto la piacevole sorpresa di scoprire angoli segreti e poco noti a due passi da casa.

Piccola, ma estremamente interessante da un punto di vista cicloturistico, la provincia di Bergamo vanta lunghe vallate, picchi che superano i 3000 m (la più alta è il Pizzo Coca, 3050 m), laghi alpini e non, distese pianeggianti attraversate da fiumi del calibro di Adda, Brembo, Serio e Oglio… e qualche borgo annoverato tra i più belli d’Italia. In bicicletta si può esplorare l’area in molti modi: noi l'abbiamo fatto percorrendo le due più importanti ciclovie del territorio, quella della Valle Seriana e quella della Val Brembana.

Giro della Val Seriana e della Val Brembana in bicicletta - 5.0 out of 5 based on 1 vote
Queste sono notizie che non si vorrebbero mai leggere perchè rattristano davvero. Etienne e moglie, due cicloviaggiatori francesi, stanno viaggiando in bicicletta da 11 mesi: 15000 km attraverso la Terra vivendo esperienze e visitando luoghi incredibili. I due giovani sono partiti per questa grande avventura da Hong Kong con l'obiettivo di pedalare fino alla Francia del Nord, ma il loro viaggio si è interrotto in Italia, sulla spiaggia del Lido Costazzurra a Castel Volturno perchè la bici di Etienne, come scrive sul proprio profilo il 1° di ottobre, è stata rubata.

L'area geografica del Lago Maggiore, diviso tra Piemonte e Lombardia, è ricca di itinerari ciclabili e per mountain bike, tracciati poco conosciuti e strade militari.  Abbiamo percorso parte della famosa Linea Cadorna in MTB portandoci fin sulla cima del Monte Morissolo, un incredibile balcone panoramico sul Lago Maggiore.

Fabio voleva visitare tutta l'Italia in bicicletta: da sud a nord, da est a ovest. Ha iniziato questa grande avventura percorrendo 3500 km tra Sardegna, Sicilia, Basilicata, Calabria e Puglia ma poi si è dovuto fermare a causa dell'eccessivo caldo che toglieva il respiro e le energie. 3500 km sono tanti e lungo le strade del paese più bello del mondo ha incontrato sorrisi, meraviglie e ospitalità, ma facciamo raccontare questa storia direttamente a Fabio...
Arrivo un po' frastornato alle 6,30 del mattino a Barcellona (sono partito il giorno prima alla 14,20 dalla stazione di La Spezia). Mi trovo al terminal nord stazione autobus, è ancora buio e appena scendo dal pullman mi rendo conto che la temperatura è decisamente più bassa di quanto pensassi ( 10°C ), ma non importa, sono già vestito per pedalare. Scarico la bici, smontata e accuratamente imballata, e comincio a tirarla fuori. Mi accerto della sua funzionalità e poi svuoto il mega zaino che contiene le borse della bici: la procedura è lunga e non voglio commettere errori...
Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito
        Registrati