Il giro dei tre dialetti: in bici sull'Appennino tra Piacenza, Parma e Genova

Pubblicato in Italia
Vota questo articolo
(0 Voti)
L’Appennino tra Piacenza e la Liguria mi piace moltissimo: per questo appena riesco scappo dalla pianura e mi dirigo verso sud. Oggi ho pensato di fare un anello in bici che passa in un territorio affascinante, in cui si possono ascoltare – a distanza di pochi chilometri – tre dialetti: il Piacentino, il Genovese e il Parmense.

Mappa

 

Dalla Val Trebbia alla Val d'Aveto

Il bello del viaggiare in bicicletta è anche questo: apprezzare le cose che col viaggio motorizzato si perdono; il silenzio, i suoni della natura e – in questo caso – la parlata delle persone che cambia da luogo in luogo.
Il giro parte da Marsaglia, alta Val Trebbia: si va verso Sud percorrendo la strada di fondovalle per una trentina di chilometri, poi si imbocca la salita che sale al passo Fregarolo, a quota 1203 m.passo fregaroloDopo il valico si scende in Val d’Aveto, una valle ricca di castelli (e resti di antiche fortificazioni), flora e fauna, e si va verso Chiavari scollinando il passo della Forcella. La Val d'Aveto venne anche visitata da Ernest Hemingway che passò da queste parti ben due volte e rimase molto colpito dalla bellezza dell'area.
Dopo il passo della Forcella, si lascia la strada principale per scendere dalla bellissima strada secondaria che passa per il paesino di Acero. Arrivati a Borzonasca si torna nuovamente a salire verso il passo Ghiffi. A metà salita si trova “La Taverna del nonno”, agriturismo con piatti buonissimi e in cui si può pernottare nel caso si voglia dividere in due il giro.
agriturismo nonno
Il nostro itinerario cicloturistico prosegue verso il passo del Bocco, a quota 956 m. Il valico fu protagonista di una mitica cronoscalata durante il Giro del 1994. Si pedala poi sulla salita verso il rifugio Monte Penna (altro posto consigliato per ristoro), il passo del Chiodo, il Passo del Tomarlo, e la grande discesa verso Santo Stefano d’Aveto e Marsaglia, punto di inizio del percorso in bicicletta.
Che giro!
Che profumi!
Che piatti deliziosi!
E’ questo il modo di pedalare che preferisco.
Paolo Fedeli

Appassionato di sport da sempre, architetto da 25 anni, meno architetto e più bisognoso di natura da 10 anni. Mi affascina la bici in tutti i suoi aspetti: agosnistico, cicloturistico, ambientale, sociale.
Per questo mi piace fare esperienze in bici di diverso genere che abbiano come comune denominatore il muoversi nella natura rispettandola.

Aggiungi commento

 
 
 

Salta in sella con noi

Ciao, siamo Leo e Vero, se vuoi ricevere tanti suggerimenti, informazioni e itinerari per viaggiare in bici e in MTB, iscriviti qui per restare sempre aggiornato
Privacy e Termini di Utilizzo

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito