fbpx

Unisciti alla LiT Family

 


Giro del Monviso 3° tappa dal Rifugio Granero al Vallanta

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
 
 
In alta montagna è solitamente buona abitudine (in realtà sempre quando si sale a quote elevate) partire presto al mattino: per prima cosa perchè magari non si conosce bene il percorso e non si può rischiare di non giungere a destinazione per sera, secondariamente perchè al mattino il sole non è così forte da ustionare ed infastidire ed è più facile scorgere qualche animale nella vegetazione o sulle pietraie.
ritorno a occidente indice Georgia
Sono arrivati i 2 volumi di Ritorno a Occidente, libri fotografici dedicati al nostro viaggio in bici attraverso la Georgia e la Turchia, tra le alte vette del Caucaso e le lande anatoliche. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 

La sveglia suona sempre tropp presto ed è praticamente ovvio sembrare dei veri e propri zombies che raccoltono le proprie cose prima di mettersi alla ricerca di una nuova destinazione. La colazione del Rifugio Granero ci desta totalmente dal sonno ed in un battibaleno siamo pronti a pedalare... ehm camminare!!! Dal Granero dobbiamo scendere il tratto fino al Lago Lungo, costeggiarlo per un po' fino ad un bivio sulla destra proseguendo obliquamente lungo un pendio. A sinistra si può raggiungere il Monte Granero ma noi lo abbiamo evitato visto che abbiamo già messo in programma Cima Losetta. Continuiamo sempre nella stessa direzione fino all'ingresso in un bel vallone dominato da una cima erta, la Bersajas. La temperatura inizia ad alzarsi e siamo obbligati a toglierci la felpa e a spalmarci di crema... da queste parti il sole scotta parecchio quando si fa vedere!img 7385 Il colle Seilliere si trova appena sopra i 2800 metri ed i panorami sono già incredibili!!! La salita si percorre tutta d'un fiato lungo uno stretto sentiero sassoso che sbuca proprio sulla cima del colle. Dal Piemonte si entra in territorio francese dove si trovail Rifugio Viso (Refuge du Viso). Dal colle di Seilliere e dal bel paesaggio che mostra agli avventori, si inizia a scendere a tornantini fino ad un pianoro erboso dove seguiamo il comodo ed ampio tracciato verso il Rifugio. Non sono moltissimi gli escursionisti a fermarsi qui per la notte perchè il Rifugio Viso si può definire una mezza tappa dove si passa, ma dove non si resta per la sera. Quelle di oggi sono già altre pendenze rispetto a quelle delle nostre prime due tappe al Rifugio Jervis ed al rifugio Granero... ma non ci scoraggiamo, anzi! Una simpatica escursionista di mezza età ci sorride e ne approfitto per chiederle qualcosa del suo trekking in solitaria... a quanto mi dice è spesso in viaggio fra queste montagne e ci invita, per qualche giorno dopo, ad una sagra di paese. Ognuno riprende il proprio cammino: il nostro verso il Lago Lestiò, sotto Punta Roma. Il sentiero ci inganna scendendo dolcemente per poi risalire a quota 2510 metri dove si trova lo specchio d'acqua alpino. Ci fermiamo sulle rive immobili del lago Lestiò, uno degli innumerevoli gioielli delle Alpi. Intorno a noi non c'è ancora nessuno e la sagoma incerta di un ungulato lascia il dubbio sulla sua reale denominazione scientifica. Si riparte: lungo il lago il sentiero ci fa prendere ulteriore fiato per poi ricominciare la propria ascesa verso il Passo di Vallanta a 2815 metri dove sono presenti ancora dei piccoli nevai. Al passo troviamo un po' di persone che scendono nella nostra stessa direzione o che stanno per raggiungere la sella per oltrepassarla. img 7420Con bellissimi panorami sul monte Viso, questo passo è uno dei punti più alti del nostro trekking, ma per oggi dobbiamo ancora vedercela con Cima Losetta. Scendendo in direzione del Rifugio Vallanta si incontra un bivio sulla destra verso il Passo della Losetta. Riflettiamo un attimo ed alla fine optiamo per tentare l'ascesa. Il sentiero sale ancora fino alla sella ma poi, per fortuna, l'ascesa alla Losetta è piuttosto semplice ed offre scorci unici sulle montagne che cingono questo trekking. Il Monviso, una delle montagne più alte d'Italia, è davvero una piramide rocciosa apparentemente inespugnabile! Attimi di contemplazione che paiono lunghissimi e poi siamo di nuovo in piedi anche perchè ormai è pomeriggio inoltrato e dobbiamo incrociare le dita per trovare posto al Rifugio Vallanta che si trova a 2450 metri. La salita a Cima Losetta ci ha portato via quasi due ore fra ascesa, discesa e tempo trascorso in vetta! Il rifugio Vallanta è già affollato ma due posti ci sono ancora! Depositiamo le nostre cose sui letti della camerata in legno dove è ancora vivo il profumo di natura (ancora per poco visto che gli escursionisti iniziano a togliersi le scarpe cof cof!!!). Dall'esterno il rifugio sembra un vero e proprio mostro, ma alla fine ci convinciamo che non è poi così male... In estate, picco turistico, può ospitare fino a 75 persone durante la notte, niente male eh? Il personaggio più simpatico del rifugio è un San Bernardo sornione che aspetta solo di farsi coccolare ed ama l'aria frizzantina della sera. Al Rifugio è presente anche un meteo a corda che fa davvero sorridere!!! Dopo una sana mangiata con la pancia piena e quel senso di piacevole stanchezza data da una giornata intensa e da una doccia, ci corichiamo nei nostri letti ditrutti ma davvero soddisfatti!!!

Il trekking del Monviso si svolge in 6 tappe fra Piemonte e Francia, se vuoi, puoi visualizzarle tutte tornando alla pagina del Giro del Monviso!!!

Il rifugio Viso si trova in territorio francese e, nonostante sia a metà percorso di una nostra tappa, qualcuno ha deciso di sostarci: è aperto da giugno a settembre e dispone di 65 posti letto oltre che di un ristorante. Si trova nell'alta valle francese del torrente Guil. Il rifugio Vallanta è ubicato ad una quota di 2450 metri appena sotto Cima Losetta. Dal rifugio che dispone di 75 posti letto, si scorge il Monviso ed è facile raggiungere il Pian dei Re dove nasce il fiume Po.

 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!