fbpx

Unisciti alla LiT Family

 


Giro d'Italia in bicicletta: da Trieste a Ventimiglia lungo la costa

Scritto da
Vota questo articolo
(6 Voti)
 
 
Abbiamo seguito Gaetano per un mese intero nel suo giro d'Italia in bicicletta lungo le coste della penisola più bella del mondo.
Il progetto "Due ruote lungo le coste" è partito più di quaranta giorni fa ed ha condoto il suo protagonista sulle strade costiere d'Italia, da Trieste a Ventimiglia, in solitaria fra incontri, condivisione e solidarietà!
Per saperne di più su questa bella avventura a due ruote, ho chiesto a Gaetano di concederci un po' del suo tempo per rispondere a qualche domanda... ne è nata questa breve e curiosa intervista!!!
ritorno a occidente indice Georgia
Sono arrivati i 2 volumi di Ritorno a Occidente, libri fotografici dedicati al nostro viaggio in bici attraverso la Georgia e la Turchia, tra le alte vette del Caucaso e le lande anatoliche. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 




La tappa più lunga

 
Pescara – Lesina (FG) circa 160 Km con saliscendi iniziale fino a dopo Ortona!
 

La tappa più corta?

 
Brugnato (SP) – Recco (GE) con picco al passo del Bracco a 615 m. Totale circa 75 Km.
 

La tappa più bella?

 
Se devo sceglierne una direi da Recco e Finale Ligure però dopo Genova che è una città infinita da superare, specialmente se c’è il salone nautico….
Però so che sto facendo torto ad almeno altre 4-5 zone attraversate!
 

La tappa più deludente?

 
Da Jesolo a Ravenna, in particolare tutta la statale Romea del delta del Po. Noia, noia, noia……
 

Confine con la Slovenia

Un luogo che non scorderai mai?

 
Altra scelta difficilissima… Dico Le Castella vicino a Capo Rizzuto (KR) perché ci sono arrivato poco prima di un temporalone.
E’ stata una gara di velocità che per fortuna ho vinto io e poi lo spettacolare tramonto è stato meglio di una medaglia.
 

Accoglienza più calorosa?

 
Anche qui faccio un torto se cito qualcuno, per cui dico in quasi tutto il sud (San Giovanni Rotondo, Taranto, Vibo Valentia, Diamante…).
 

L'incontro più interessante?

 
Più che interessante, ti dico l’incontro che mi ha arricchito di più. Un ciclista si è aggregato da Pozzuoli a Formia e con lui ho avuto la possibilità di confrontarmi sugli aspetti che vanno al di la della sola prestazione atletica di un viaggio come il mio. E’ comparso in una tappa in cui sentivo il bisogno di confrontami. Sai quegli incontri casuali al momento giusto?
 

Reggio Calabria in bici

La regione più organizzata a livello ciclistico lungo le coste?

 

 
La Liguria di Ponente soprattutto perché gli automobilisti sono abituati ai ciclisti e vi sono delle ciclabili tracciate lunga la vecchia ferrovia dismessa.
Ci sono i noleggi bici e punti di ristoro. Inoltre molti hotel accettano volentieri i ciclisti, in particolare a Finale Ligure...
 

Qual è stata la giornata faticosa del tuo Giro d'Italia?

 
Da Lesina a San Giovanni Rotondo. Una salita infinita e senza tregua dopo Vieste, salitone da Mattinata a Monte Sant’Angelo e saliscendi finali fino a San Giovanni Rotondo. Meno male che poi ho avuto una grande accoglienza.
 

Hai mai avuto problemi alla bicicletta?

 
Ordinaria amministrazione: una foratura, due pneumatici cambiati e un raggio rotto.
Le viti dei portapacchi che ho dovuto fissare con il nastro fanno parte degli accessori. Tutto sommato la bici ha tenuto egregiamente
 

Quale sarà il tuo prossimo viaggio in bici?

 
Piccoli tratti attorno a Verona. Penso che andrò a fare “un saltino” al Brennero tanto perché ci ho preso gusto con i confini e mi manca quello a Nord. Per l’anno prossimo non dico nulla di definitivo perché è ancora un’idea ma penso che chiuderò il giro partendo da Ventimiglia per arrivare a Trieste passando dai laghi…

 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!