Menu
MarMar26

Foto HDR: l'Italcementi Trento prima della demolizione

Fotografare è una passione che non mi stanca mai: girare con cavalletto, macchina fotografica reflex, obiettivi ed accessori vari non è certamente come passeggiare senza alcun peso... ma poi le soddisfazioni di sperimentare e provare nuove tecniche come quella delle foto HDR è sempre entusiasmante.
Qualche tempo fa, accompagnati da un caro amico, ci siamo intrufolati nell'ex Italcementi di Trento per un pomeriggio fotografico insolito...
L'ex Italcementi, un mostro ecologico ben visibile dall'autostrada del Brennero, non esiste più. In questi giorni le ruspe lo stanno abbattendo definitivamente... questo era il suo destino da anni e si stà compiendo. L'ampia area dell'Ex Italcementi di Trento non era certamente il luogo più bello del mondo ma come esempio di edificio industriale, posso dire che aveva un suo perchè soprattutto per chi, come noi, ama fotografare il declino e l'abbandono sperimentando la tecnica delle foto HDR.
Bambole, vestiti, ingranaggi, macchinari e tante tante biciclette probabilmente rubate per le vie della città: il cementificio custodiva montagne di oggetti! La tecnica dell'Hdr si realizza unendo più scatti dello stesso soggetto realizzati con esposizioni diverse... il risultato è davvero sorprendente e piacevole. Per fotografare un soggetto e comporre una foto HDR è necessario utilizzare il cavalletto per essere certi di riprendere sempre la stessa immagine.
Ora che l'Italcementi di Trento non c'è più, vi proponiamo qualche fotografia in HDR per rivivere l'ambiente decadente e mastodontico di un ex cementificio!
 
{phocagallery view=category|categoryid=365|limitstart=0|limitcount=0}
Foto HDR: l'Italcementi Trento prima della demolizione - 5.0 out of 5 based on 2 votes
Vota questo articolo
(2 Voti)
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...

Aggiungi commento


Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito
        Registrati