Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte

Vota questo articolo
(3 Voti)

Eurovelo 13: in bici lungo la Cortina di Ferro

Per quasi mezzo secolo l'Europa è stata divisa con la forza in Est e Ovest. Il percorso Eurovelo 13 in bicicletta ripercorre la famosa Cortina di ferro, una linea che si estende dal mare di Barents al mar Nero. Seguire questo itinerario per quasi 10000 km è una lezione di storia vivente, ma fornisce anche un gradito promemoria della pace e della riconciliazione che hanno seguito la caduta della cortina. Essendo un tracciato molto lungo, il Sentiero della cortina di ferro ha qualcosa da offrire a ogni tipo di cicloturista, dai vigneti nella Repubblica Ceca meridionale e nel nord dell'Austria fino al confine montuoso tra Bulgaria e Grecia; dai vivaci porti degli Stati baltici alla bellezza sconfinata della Lapponia. Anche denominato Iron Curtain Trail, il percorso ciclabile ha ricevuto negli anni un sostegno significativo dalle istituzioni europee. Già nel 2005, il Parlamento Europeo ha riconosciuto il "Sentiero della cortina di ferro" come un progetto modello per il turismo sostenibile e ha invitato gli Stati membri a sostenerlo.

logo ECFLa rete di itinerari europei Eurovelo è un progetto co-finanziato dall'Unione Europea e sviluppato dall'ECF (European Cyclists' Federation). Attualmente consta di 17 percorsi ciclabili di lunga percorrenza che uniscono tutta l'Europa. La rete Eurovelo, quando verrà completata, comprenderà oltre 70000 km di itinerari ciclabili in 42 paesi differenti.  

Mappa

 

L'itinerario ciclabile Eurovelo 13 in bicicletta, la "Ciclabile della Cortina di Ferro", attraversa 20 nazioni europee partendo da Grense Jakobselv, in Norvegia e raggiungendo Rezovo, in Bulgaria, dopo aver compiuto un tracciato di quasi 10000 km circa. Questo percorso europeo è singolare tra gli Eurovelo poiché in alcuni tratti ricalca quasi alla perfezione le linee dei confini attuali lungo quella che, nello scorso secolo, fu la nota Cortina di Ferro, la linea di demarcazione tra Europa dell'est e Europa dell'ovest, su itinerari ciclabili già esistenti e strade secondarie.

Di seguito alcune informazioni nazione per nazione. 

Norvegia - da Grense Jakobselv a Neiden

Lunghezza nella nazione111 km |Città attraversate1 |Parchi nazionali1 |Siti UNESCO0 |Piatto tipicoRøkt laks

Il piccolo villaggio di pescatori di Grense Jakobselv sul mare di Barents segna l'inizio del percorso ciclabile Eurovelo 13 della Cortina di Ferro. Il grande insediamento più vicino è Kirkenes, una città con una popolazione di 3.500 abitanti. Qui puoi trovare il Museo Sør-Varanger Kirkenes: suddiviso in diverse località, si trova sulla E6, la strada principale che porta a Kirkenes, e presenta la storia dell'insediamento e dello sviluppo della regione, dalla sua origine come territorio comune tra Russia, Finlandia e Norvegia, a un comune norvegese di confine con una cultura complessa. Durante la seconda guerra mondiale, la fortezza di Kirkenes è stata la base principale delle forze tedesche e la città divenne un obiettivo per i bombardieri alleati.

cosa vedere in norvegia Finlandia - da Näätämö a Vaalimaa

Lunghezza nella nazione1672 km |Città attraversate5 |Parchi nazionali4 |Siti UNESCO0 |Piatto tipicoKalakukko

Il percorso in Finlandia inizia a Näätämö sul confine norvegese-finlandese e scende, prima sovrapponendosi all'Eurovelo 11 dell'Europa dell'Est (tra Kaamanen e Sodankyla) e poi raggiungendo a sud Virolahti e Vaalimaa, dove incontra l'Eurovelo 10 del Mar Baltico. Da qui fino a Lubecca, in Germania (quindi per almeno molti chilometri) segue quasi pedissequamente il percorso ciclabile Eurovelo 10. Per gran parte del viaggio in bici il tracciato attraversa boschi isolati e brughiere dove si ha davvero un'idea della vastità della Finlandia. Lungo la strada visiterai molte città e villaggi interessanti, come Kuhmo, dove si trova un Museo della Guerra d'Inverno. Più a sud, vicino alla città di Imatra, si trova il Museo del confine a Immola Garrison, che si concentra sulla storia della difesa dei confini della Finlandia. È decisamente molto più facile visitare questa sezione di Eurovelo 13 in bicicletta in estate, quando le lunghe ore diurne ti consentono di andare in bicicletta tutto il giorno! Il vanto di questo tratto dell'Eurovelo 13 in bicicletta è quello di attraversare numerosi pachi naturali, tra cui Oulanka, con i suoi 270 kmq di fiumi, laghi, boschi e canyon.

Eurovelo 13 Finland 

Russia - da Torfjanovka a Ivangorod (e una parentesi a Kaliningrad)

Lunghezza nella nazione654 km  |Città attraversate3 |Parchi nazionali1 |Siti UNESCO: 2 |Piatto tipicoBliny

Come per l'Eurovelo 10, i 654 km di Russia che l'Eurovelo 13 ha in progetto di realizzare passano due volte in questo Paese: per la prima parte, dal confine con la terra dei sami si prosegue nella parte più stretta del golfo di Finlandia, sino a toccare prima la cittadina di Vyborg molto vicina alla Carelia, poi la seconda città russa, San Pietroburgo. Fondata nel 1703 da Pietro I alla foce del fiume Neva e costruita seguendo i canoni architettonici europei con uno stuolo di architetti italiani, la città fu capitale dell'Impero Russo, poi chiamata Pietrogrado e Leningrado per ritornare, dal 1991, a chiamarsi San Pietroburgo. Capitale culturale della Russia, vale sicuramente la pena fermarsi qualche giorno nella pedalata dell'Eurovelo 13 in bici per camminare sull'infinito Nevskij Prospekt, visitare il Palazzo d'Inverno o la coloratissima Cattedrale di Spas' na Krovi, gustare le specialità del luogo o perdersi tra i canali e i lunghi viali dalle proporzioni perfette che caratterizzano questa città. Proseguendo nella sezione russa della ciclovia del Mar Baltico, una volta usciti dalla città, toccheremo Petergof con la sua maestosa reggia e raggiungeremo, dopo poche centinaia di chilometri, il confine con l'Estonia, a Ivangorod.Eurovelo 10 in bici SPB

La seconda parte di Russia toccata dall'Eurovelo 13 in bicicletta è l'exclave di Kaliningrad, tra la Lituania e la Polonia. Questo curioso territorio, che dalla Lettonia prosegue sull'Istmo di Curlandia, ti permette di pedalare 98 km su una lingua di terra poco più larga di 380 metri "rientrando" di fatto in terra russa. Inizialmente capitale della Prussia orientale col nome di Königsberg, venne prima pesantemente danneggiata da un bombardamento britannico e poi conquistata dall'Armata Rossa sovietica. Pedalando sull'Euro Velo 13 si raggiunge anche la città stessa, che merita una visita alla tomba del filosofo Immanuel Kant e ai numerosi edifici (ricostruiti) come le Porte di Königsberg.Eurovelo 10 in bici Kaliningrad

Estonia - da Narva a Ikla

Lunghezza nella nazione1030 km |Città attraversate1 |Parchi nazionali2 |Siti UNESCO1 |Piatto tipicoSilgusoust

Con l'Estonia inizia la sezione baltica dell'Eurovelo13. Ci si muove su un percorso non solo in sede, ma anche ben segnalato (cartelli blu con il numero 1) poiché segue principalmente il percorso nazionale ciclabile 1. Muovendosi sulla costa settentrionale, in poco tempo si raggiunge forse la maggiore attrazione nazionale, il Parco Naturale Lahemaa, tra fitti boschi e dune di sabbia, dove trovano alberghi e tante differenti specie di flora e fauna. Poco oltre, passato l'affascinante Hara Port con tanto di sottomarino sovietico ritrasformato in museo, si approda nella capitale del paese, Tallinn, il cui centro storico ti affascinerà (patrimonio UNESCO) e ti farà perdere tra le sue viuzze di ciottoli, tra le mura e le torri difensive di questa pittoresca città dallo stile inconfondibile.Eurovelo 10 in bici LahemaaEstonia

Usciti dalla capitale, si prosegue sulla costa frastagliata fino a inoltrarsi nelle tre isole di Muhu, Saaremaa e Hiiumaa, esplorandole su strade secondarie, circondati da betulle. Rientrati sulla terraferma, si prosegue verso sud toccando la maggior località estiva di villeggiatura, Pärnu, per poi terminare la sezione estone dell'EV13 al confine con la Lettonia.Eurovelo 10 in bici Parnu

Eurovelo 13 in Lettonia - da Ainazi a Rucava

Lunghezza nella nazione570 km |Città attraversate 4 |Parchi nazionali 3 |Siti UNESCO1 |Piatto tipico Skabputra

Al termine del tratto estone dell'Eurovelo 13 finisce anche la segnaletica blu a cui ci si era abituati, ma non disperare! Le strade secondarie e le ciclabili che ci porteranno alla scoperta della Lettonia in bici sono poco trafficate. Pedalando a lungo sulla costa, si raggiunge la capitale Riga e i suoi coloratissimi palazzi, i musei e le chiese, nonché l'ingombrante e altissima torre radio o l'elegante biblioteca nazionale. Un tempo importante centro della Lega Anseatica, il tessuto urbano del centro medievale di Riga riflette l'antica prosperità, sebbene la maggior parte dei primi edifici siano stati distrutti dal fuoco o dalla guerra. Riga divenne un importante centro economico nel XIX secolo, quando i sobborghi che circondano la città medievale sono stati disposti, prima con imponenti edifici in legno in stile neoclassico e poi in Jugendstil. È generalmente riconosciuto che Riga abbia la più bella collezione di edifici art nouveau in Europa.Eurovelo 10 in bici Riga

Usciti dalla città si raggiunge quasi subito Jurmala, nota località balneare per lettoni e russi, e poi Capo Kolka, o Kolkasrags, la punta più settentrionale del paese, da cui ci si muoverà a occidente per ridiscendere verso la Lettonia, non senza attraversare i centri di Ventspils, la pittoresca Kuldiga e Liepaja, dove poco più a sud termina il segmento lettone dell'Eurovelo 13 in bici. Eurovelo 13 in bici campeggio

Lituania: da Butinge a Nida

Lunghezza nella nazione105 km |Città attraversate 1 |Parchi nazionali 1 |Siti UNESCO 1 |Piatto tipicoCepelinai

Con il breve tratto costiero della Lituania si conclude la triade dei paesi baltici attraversati quasi interamente durante questo Eurovelo 13 in bicicletta. Nonostante la distanza di questo tratto di itinerario eurovelo13 sia insignificante, questo segmento ci dà l'opportunità di toccare Klaipeda, seconda città lituana, sicuramente da visitare. Dall'inconfondibile contorno periferico sovietico e dal centro che ricorda Inghilterra, Germania e Danimarca, le colorate vie del centro sono molto piacevoli da scoprire lentamente.Eurovelo 10 Klaipeda

La seconda attrazione di questo breve segmento dell'EV13 è l'Istmo di Curlandia, penisola patrimonio UNESCOrisalente alla preistoria, con dune di sabbia, lunga 98 km e larga 0,4/4 km. Durante tutto questo periodo è stata minacciata dalle forze naturali di vento e dalle onde. La sua sopravvivenza fino a oggi è stata resa possibile solo a seguito di incessanti sforzi umani per combattere l'erosione di questo istmo, drammaticamente illustrato da continui progetti di stabilizzazione e di riforestazione. A metà di questo tratto entriamo nuovamente in Russia, nella sua exclave di Kaliningrad, che inizia sull'Istmo. Il percorso ci porta ad attraversare la città di Kant e termina al confine con la Polonia, a Gronowo.

Eurovelo 13 IstmoCurlandia

Polonia - da Gronowo a Swinoujscie

Lunghezza nella nazione583 km |Città attraversate 2 |Parchi nazionali 2 |Siti UNESCO 0 |Piatto tipicoPierogi

In Polonia il percorso dell'Eurovelo 13 della Cortina di Ferro attraversa le regioni di Warmia-Masuria e Pomorskie, dove si collega con il percorso GreenVelo, il percorso ciclabile più lungo della nazione. La Warmia e la Masuria offrono panorami della foresta e numerosi sentieri sterrati che si snodano attraverso i laghi. L'Eurovelo 13 in bici conduce attraverso questa regione fino a Elblag, dove si entra nella regione Pomorskie. La principale città di questa area è Danzica, la vivace città portuale della libertà e della solidarietà. La strada per Danzica passa da Żuławy e Mierzeja Wiślana, una regione con speciali valori culturali e paesaggistici, dove ci si avvicina a Malbork, uno dei castelli medievali d'Europa patrimonio UNESCO. Danzica, con la sua gru medievale, le allegre vie del centro e la lunga pista ciclabile per Sopot e Gdynia, ti affascinerà.Eurovelo 10 in bici Danzica

Proseguendo sulla costa, si passa dal Parco Nazionale di Słowiński, un luogo dove convivono la foresta costiera, i grandi laghi costieri, le paludi e le torbiere, una montagna sacra, un faro, un villaggio storico, un campo di test missilistico tedesco e principalmente "il deserto della Pomerania" - le dune mutevoli. Prima di entrare ufficialmente in Germania attraversiamo quella che a tutti gli effetti è un'isola, l'isola di Wolin, che separa la laguna di Stettino dal mar Baltico. Oltre a questa particolarità l'isola ospita il parco nazionale dedicato al bisonte europeo.

Germania - da Ahlbeck a Regnitzlosau

Lunghezza nella nazione1901 km |Città attraversate 2 |Parchi nazionali 2 |Siti UNESCO 4 |Piatto tipicoCurrywurst

Il tratto tedesco lungo un migliaio di chilometri della Ciclovia della Cortina di Ferro segue in parte il percorso della Ostsee-Radweg, la ciclabile D2 meticolosamente segnata, che passa su tracciato dedicato, strade secondarie o sterrati molto semplici e che percorre tutta la costa settentrionale tedesca fino a raggiungere Lubecca. Dalla città abbandona anche l'Eurovelo 10 che aveva ripercorso dal confine tra Finlandia e Russia.L'eurovelo, da qui, iniziando un piacevole saliscendi fino al termine del sentiero della cortina di ferro, taglia la nazione lungo l'ex confine interno tedesco fino alla Cechia, proprio dove passava la linea che delimitava la Germania Ovest (BRD – Bundesrepublik Deutschland) dalla Germania dell’Est (DDR – Deutsche Demokratische Republik). Oggi la sezione tedesca è al centro della spinta a trasformare l'ex regione di confine in un'importante cintura verde nel centro dell'Europa. Lo spopolamento dell'area guidato dai problemi di sicurezza legati al confine ha avuto l'effetto collaterale non intenzionale di preservare il patrimonio faunistico dell'area. Oggi il territorio vanta una catena di zone che ospitano alcuni paesaggi mozzafiato, abbastanza inaspettati in una parte del mondo così densamente popolata: questo progetto prende il nome di European Green Belt. Raggiunto il punto di confine con la Repubblica Ceca, i 396 km che percorrono il tratto a ridosso della linea nazionale Repubblica Ceca-Germania sono interamente completati e segnalati. Eurovelo 10 in bici Ostesee Radweg

Repubblica Ceca e Austria - da Regnitzlosau a Reinthal

Lunghezza nella nazione498 km |Città attraversate 1 |Parchi nazionali 6 |Siti UNESCO 1 |Piatto tipico Veprova

Dopo aver affrontato i primi 400 km tra Germania e Repubblica Ceca, è ora la volta di proseguire nella parte meridionale del paese, nel tratto che separa questa nazione con l'Austria, in un alternarsi di passaggi al di qua e al di là del confine. Il percorso è completamente segnalato e consente ai visitatori di conoscere la ricca cultura della Repubblica Ceca, la natura incontaminata e le diverse lotte di potere che hanno avuto luogo nella storia dell'Europa centrale. In molte sezioni, il Sentiero della cortina di ferro utilizza l'ex strada militare che è stata costruita lungo l'intero confine negli anni '50 e '60 ed è attualmente priva di traffico. Lungo il percorso troverai musei storici, monumenti e altri punti di riferimento legati al periodo della Guerra Fredda.

rep ceca

Austria e Slovacchia - da Reinthal a Bratislava

Lunghezza nella nazione108 km |Città attraversate 1 |Parchi nazionali 0 |Siti UNESCO 1 |Piatto tipico Bryndzové halušky

Verso sud! Nonostante sia lunga solo un centinaio di chilometri, la tappa dell'Eurovelo 13 in bici, che segue il confine austriaco e slovacco, merita un po' di attenzione grazie alle numerose attrazioni e ai pittoreschi sentieri lungo il fiume. Il percorso corre lungo i corsi d'acqua del March e del Danubio e comprende un imponente ponte pedonale e ciclabile - il Ponte della Libertà - costruito per collegare questi due paesi. Il percorso fa una visita alla capitale slovacca di Bratislava e allo storico castello di Devín, monumento nazionale risalente all'epoca romana.

Slovacchia

Austria, Ungheria e Slovenia - da Kittsee a Pince

Lunghezza nella nazione952 km |Città attraversate 1 |Parchi nazionali 1 |Siti UNESCO 2 |Piatto tipico Gulasch

Questo tratto del sentiero della cortina di ferro in bici include Sopron, un luogo che ha svolto un ruolo importante nella Guerra Fredda. Vicino a questa città, i ministri degli esteri austriaco e ungherese hanno tagliato insieme il recinto del confine il 27 giugno 1989. Nell'agosto di quell'anno è stato simbolicamente aperto un cancello tra Austria e Ungheria in occasione del "picnic paneuropeo". Ci sono molti altri siti interessanti situati lungo questa tappa, tra cui il Palazzo di Esterházy, un tempo descritto come la Versailles ungherese e il Parco Nazionale di Őrségi. Proseguendo sull'Eurovelo 13 in bicicletta sul confine ungherese e sloveno si pedala quasi interamente sul lato sloveno: prima si passa vicino alla città ungherese di Kétvölgy, poi il percorso si avvicina al confine nazionale e si fa strada attraverso una tranquilla campagna punteggiata da piccoli insediamenti verso Lendava, la città più significativa dell'area. Successivamente, il sentiero della cortina di ferro continua attraverso i vigneti in direzione sud-est, abbracciando il confine nazionale prima di attraversare nuovamente l'Ungheria subito dopo il villaggio di Pince.

Croazia e Ungheria - da Pince a Barcs

Lunghezza nella nazione163 km |Città attraversate 1 |Parchi nazionali 0 |Siti UNESCO 0 |Piatto tipico Čobanac

La regione di confine tra Ungheria e Croazia non è un centro turistico tradizionale e quindi è un ottimo posto dove andare per avere un'idea più autentica di questi due paesi. Poiché il confine segue in gran parte il corso del fiume Drava, gran parte di questa sezione dell'Eurovelo 13 si trova sulle rive di questo attraente corso d'acqua e attraversa il Parco Nazionale del Danubio-Drava. Da qui, passando sulla sponda Ungherese, è possibile seguire parte della Ciclovia del Danubio, fino a Mohács e al sito delll'omonima battaglia del 1526, che portò all'occupazione del paese da parte delle truppe turche.Ungheria

Ungheria e Serbia - da Pilica a Nakovo (e da Vršac a Dimitrovgrad)

Lunghezza nella nazione1003 km |Città attraversate 4 |Parchi nazionali 1 |Siti UNESCO 0 |Piatto tipico Čorba e Ćevapčići

La suddivisione per paesi da considerare a compartimenti stagni qui viene totalmente meno poiché, in un tratto abbastanza breve, entreremo e usciremo da Ungheria e Serbia innumerevoli volte, scavalcando fisicamente e ideologicamente la forte divisione culturale del blocco orientale e quello occidentale che la Cortina di Ferro aveva scritto in Europa. Questa fase di Eurovelo 13 in bicicletta inizia sul lato ungherese del confine e attraversa una serie di piccoli villaggi, molti dei quali, come Bácsalmás, offrono musei o mostre locali. Attraversando il confine con la Serbia, il percorso porta a Subotica, che vanta la più grande collezione di edifici art nouveau della nazione. Attraversando il confine, l'ultimo importante insediamento ungherese sul Sentiero della cortina di ferro è Szeged, la terza città più grande del paese e il centro regionale della Grande Pianura meridionale. Dalla località il viaggio fino al confine con la Romania è relativamente breve. In Serbia rientreremo nuovamente da Vršac per percorrerne il confine da nord a sud fino a toccare la Bulgaria non lontano dalla sua capitale, Sofia.

Iron Gate

Romania - da Lunga a Moravita

Lunghezza nella nazione114 km |Città attraversate 1 |Parchi nazionali 0 |Siti UNESCO 0 |Piatto tipico Musacá

Tra Serbia e Romania il breve tratto del percorso attraversa più volte il confine e si sovrappone parzialmente alla pista ciclabile del Danubio (Eurovelo 6). Il clou è senza dubbio la splendida Porţile de Fier, una gola naturale formata dalla forza del fiume Danubio che si spinge tra i Carpazi meridionali e le pendici nord-occidentali dei Monti Balcani.

strade più belle romania transalpina 1

Bulgaria - da Kalotina a Obel (e da Sadovo a Slaveevo)

Lunghezza nella nazione678 km |Città attraversate 3 |Parchi nazionali 4 |Siti UNESCO 1 |Piatto tipico Tarator

La sezione bulgara dall'Eurovelo 13 in bici è suddivisa in due parti. Nella prima il punto di partenza si trova al confine serbo-bulgaro vicino a Knjaževac, dove si pedala attraverso la campagna tranquilla e uno scenario attraente verso Dimitrovgrad. Passando per la famosa città termale di Kjustendil, ci si dirige verso sud da dove solo 27 chilometri in linea d'aria separano dal punto di confine tra Bulgaria, Serbia e Macedonia del Nord. A ovest, le montagne di Osogovo offrono uno sfondo impressionante, che sale a più di 2.000 metri. Nella seconda parte, invece, seguiamo tutto il confine meridionale della nazione oltrepassando la pianura erbosa tra i monti Belasica e Ograzden. La città bulgara di Petric, situata ai piedi della catena montuosa di Belasica, offre un buon posto per rinfrescarsi e fare rifornimento. Il percorso prosegue poi lungo sentieri fiancheggiati da pinete attraverso la regione dei Pomaks, musulmani di lingua bulgara e il minareto della moschea di Dospat che si erge sopra gli edifici circostanti nel centro amministrativo. Zlatograd è la città più meridionale della Bulgaria, situata sui monti Rodopi, e da qui il sentiero entra in territorio greco, passando per la pittoresca cittadina di Petrotá con i suoi edifici e giardini luminosi e ben tenuti.

11 bulgaria in bici pirin

Macedonia del Nord - da Delchevo a Novo Kon'yarevo

Lunghezza nella nazione127 km |Città attraversate 1 |Parchi nazionali 0 |Siti UNESCO 0 |Piatto tipico Tavče Gravče

La sezione bulgara dell'Eurovelo 13 in bici si concentra sulla città universitaria di Blagoevgrad a cui si accede attraverso lo storico ponte Kadin sul fiume Struma, parti del quale risalgono al 1470. Il sentiero della cortina di ferro attraversa quindi il confine con la Repubblica di Macedonia del Nord, dove il percorso per Strumica supera pittoresche colline e fertili vallate e offre l'opportunità di fare un tuffo nel lago di Berovo. Da Strumica l'Eurovelo 13 prosegue verso Petric dove ritorna in terra bulgara.

macedonia

Grecia - da Promachonas a Exochi (e da Kyprinos a Kastanies)

Lunghezza nella nazione31 km |Città attraversate 0 |Parchi nazionali 0 |Siti UNESCO 0 |Piatto tipico Pita gyros

Il percorso dell'Eurovelo 13 in bicicletta passa anche dalla Grecia, seppure per pochissimi chilometri. Il sentiero entra in territorio greco passando per la pittoresca cittadina di Petrotá con i suoi edifici e giardini luminosi e ben tenuti, per poi oltrepassare la penultima nazione di queste venti che il percorso della Cortina di ferro attraversa.

traversata della grecia in bici

Turchia e Bulgaria - da Edirne a Rezovo

Lunghezza nella nazione219 km |Città attraversate 2 |Parchi nazionali 0 |Siti UNESCO 1 |Piatto tipico Kebap

Dopo aver attraversato il confine con la Grecia in bicicletta, arriverai presto nella città principale di Edirne. Fondata originariamente dai romani, Edirne è stata conquistata molte volte nel corso dei secoli e la città moderna contiene diversi edifici storici d'interesse, in particolare la Moschea Selimiye, che ha il minareto più alto della Turchia (70,9 m). Da Edirne si pedala un tratto attraente del percorso vicino al lago Kayalıköy, sulla strada per Kırklareli. Questo riconduce in Bulgaria dove si seguono le indicazioni per Carevo e la fine del percorso Eurovelo 13 in bici, la ciclabile della cortina di ferro. Come ricompensa per tutti gli sforzi e per festeggiare la fine di questo incredibile viaggio in bicicletta, è d'obbligo un tuffo nel Mar Nero!

14 bulgaria in bici eurovelo 13 

Gli altri itinerari Eurovelo:
Eurovelo 1: lungo la costa atlantica Eurovelo 2: l'itinerario delle Capitali Eurovelo 3: la via dei pellegrini Eurovelo 4: il percorso in Europa centrale Eurovelo 5: la via Francigena RomeaEurovelo 6: dall'Atlantico al mar Nero Eurovelo 7: la ciclovia del Sole Eurovelo 8: la rotta del Mediterraneo Eurovelo 9: dal mar Baltico al mar Adriatico Eurovelo 10: l'anello del mar Baltico Eurovelo 11: il tracciato dell'Est EuropaEurovelo 12: la ciclovia del mare del Nord Eurovelo 13: il percorso della Cortina di Ferro Eurovelo 14: il percorso delle acque dell'Europa centrale Eurovelo 15: la ciclovia del RenoEurovelo 17: il percorso ciclabile del RodanoEurovelo 19: il percorso ciclabile della Mosa

 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Francesco - Life in Travel

ITA - Ho 32 anni e sono piemontese, anche se da qualche anno vivo e lavoro in Lombardia. Dopo un inizio da totale inesperto in questo campo, mi sono avvicinato al mondo dei cicloviaggi e della bicicletta sempre più. Oggi posso definirmi "cicloviaggiatore", e assieme all'altra mia passione - il videomaking - non mi fermerei mai! Cyclo ergo sum, pedalo quindi sono, per cercare di capire perché andare in bici sia così bello, terapeutico, ricco... E ogni volta che provo a capirlo, non ce la faccio, e sono costretto a ripartire sui pedali!

ENG - I'm from Piedmont and I'm 32 years old, I have been living and working in Lombardy for a few years. After a start without any competence in this field, I then approached the bicycle world more and more. Today I can call myself a bicycle traveller and videomaker who would never ever stop. Cyclo ergo sum, I cycle therefore I am. I ride my bike trying to understand why it is so beautiful, rich, therapeutic. And every time I try, I do not understand it. So I must leave again...

               

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su