Menu
MarLug28

Croazia in bici: in viaggio verso sud

Inizio a rendermi conto di essere in viaggio. Me lo fanno capire le operazioni di smontaggio della tenda dopo la notte trascorsa lontana dal letto di casa in un campeggio sulla costa della Croazia. Icici si trova ad una ventina di trafficatissimi chilometri dal centro di Rijeka. Nella cittadina portuale mi fermo giusto il tempo di prelevare qualche Kuna (moneta Croata) dal bancomat: le uniche attrazioni qui sono il porto ricchissimo di imbarcazioni mercantili e le enormi nonchè oscene torri che fanno da panorama sulla collina poco distante, in cui sono stipate centinaia di famiglie proletarie.

 
2° Tappa Icici-Senj
Distanza 84 km
Dislivello 960 m
All'ingresso in città subisco il primo problema meccanico, se così si può definire, del viaggio: le strade tutt'altro che in buone condizioni, mi fanno sobbalzare più volte ed in un viale a 4 corsie leggermente in discesa centro una buca un pò più grande della media. Immediatamente sento la bici alleggerirsi ed un tonfo sull'afalto alle mie spalle. Mi giro e noto che sulla sinistra del portaborse vi è un vuoto inatteso. Dieci metri più indietro la mia borsa giace in mezzo alla corsia e gli automobilisti si affannano in manovre rischiose per evitarla. Accosto velocemente e libero la strada dall'intralcio rischiando di essere investito. Ora sono coscente del fatto che non potrò lanciarmi in discese a rompicollo in questo raid!
Esco dalla città ed oltrepassata una raffineria finalmente il traffico si alleggerisce ed il paesaggio si fa un pò più selvaggio. Tutta la costa croata è, in ogni caso, caratterizzata da una elevata presenza di fabbricati che punteggiano le colline affacciate sul mare. Mi fermo a Cricvenica per pranzo e quasi non mi accorgo di aver già percorso quasi 50km. Questa cittadina turistica raddoppia la sua popolazione durante i mesi estivi ed infatti le sue vie sono sovraffollate. Un salto al supermercato e mi ritrovo a pranzare nel parco antistante la spiaggia, dove i bagnanti iniziano a sfollare a causa di grossi e grigi nuvoloni che si stanno addensando all'orizzonte e che hanno nascosto il sole. Personalmente, felice dell'evento, risalgo in bicicletta per pedalare senza che la canicola si faccia sentire.
Un altro paio d'ore e sono a Senj da dove domani devierò verso est lasciando la costa verso il Northern Velebit National Park, Plitvice e la Bosnia. Ero già passato nel 2005 per questo paese e me lo ricordavo esattamente com'è, ricco di fascino grazie ai suoi viottoli ciottolati che dietro ad ogni angolo nascondono un nuovo scorcio su case color pastello alternate a vecchie abitazioni in pietra il cui intonaco è ormai scrostato da anni di vento ed aria marina. Una fortezza domina il paese e nei prossimi giorni ospiterà delle rivisitazioni medievali. Il vento purtroppo soffia imperterrito e raffredda la temperatura altrimenti piacevole. L'acqua limpida dell'Adriatico è gelida e non mi resta che concedermi un bagno di soli pochi secondi a far compagnia ad alcuni bambini, unici coraggiosi, che da una buona mezz'ora sguazzano felici senza dare l'impressione di subire minimamente la bassa temperatura.
Alla sera passeggio tra turisti e musica popolare, perdendomi ancora una volta nelle viuzze del centro e la cantilena di una giostra dall'apparenza anch'essa medievale, mi conduce fino alla tenda ed oltre, accompagnandomi fino al mondo dei sogni.

Per scoprire il percorso seguito durante il viaggio nei Balcani potete leggere il riassunto del viaggio in bici da Trieste a Sarajevo tra Croazia, Bosnia e Montenegro.

Vai al racconto della prima tappa del viaggio, un percorso di riscaldamento oppure leggi il racconto della terza tappa del viaggio, nell'entroterra croato

{phocagallery view=category|categoryid=59|displayname=1|displaydetail=0|imageshadow=shadow1}
Croazia in bici: in viaggio verso sud - 4.7 out of 5 based on 3 votes
Vota questo articolo
(3 Voti)
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

Aggiungi commento


Commenti  
Patty
0 # Patty 2009-10-09 22:34
=( poverino non hai saputo trascrivere
i luoghi piu'belli del Golfo del Quarnaro,
forse eri fuso???
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Veronica MO
0 # Veronica MO 2009-10-09 22:37
:shy: CREDO TU ABBIA SBAGLIATO A TRASCRIVERE IL TUO DIARIO DI BORDO,
IL GOLFO DEL QUARNARO E' TRA I LUOGHI PIU'BELLI DELLA CROAZIA
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Leo
0 # Leo 2009-10-10 02:00
Non so se sia uno scherzo, se sia la stessa persona a scrivere o se siate tre amici (che scrivono dallo stesso pc!) di icici indignati dalle mie parole.

Siccome non amo le censure non lo farò nemmeno con i vostri commenti (a parte lo s...o del titolo di uno dei suddetti.

Venendo al dunque: io scrivo ciò che vedo e che vivo. Sono arrivato ad icici la sera e dopo aver piazzato la tenda ho fatto una bella passeggiata sul lungomare (di cui scrivo nella prima tappa del viaggio) tra due altrettanto bei porticcioli.
Al mattino quando sono ripartito ho imboccato la strada per Fiume ed era trafficatissima... credo che in estate sia sempre così!
Nel racconto qui sopra è tutto quello che ho scritto riguardo ad icici (perchè è quello che ho visto del paese). Poi proseguo parlando di Rijeka infatti scrivo:
Citazione:
Icici si trova ad una ventina di trafficatissimi chilometri dal centro di Rijeka. Nella cittadina portuale...
...che nel mio stentato italiano significa: sono arrivato a Rijeka e della cittadina di Rijeka vi sto parlando!

Purtroppo non era il golfo del Quarnaro la meta del mio vagabondaggio e per questo non mi sono soffermato a parlarne... sicuramente avrà paesaggi, panorami e sentieri splendidi (sono giunto a Icici da Ucka e lassù il paesaggio era mozzafiato...ed ancora una volta ne ho dato conto nel diario della tappa Lupoglav-Icici!).

Spero di essere stato esauriente nella mia risposta...saluti e buoni viaggi! =)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Franco   Italia
0 # Franco Italia 2009-10-10 01:59
:flame: FORSE CERCAVI BELLE RAGAZZE E NON PANORAMA VERO ??
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
piergiuseppe
0 # piergiuseppe 2010-05-05 19:31
si può fare di più =D
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Patty
0 # Patty 2009-10-09 22:33

DIREI IL TUO DIARIO DI BORDO.... E'
ERRATO!! HAI ESAGERATO E NON SAI APPREZZARE
LA BELLISISMA NATURA, INSENATURE E BAIA DI ICICI. NON ESISTONO FABBRICHE, VI E'SOLO UN ALBERGO...IMMERSO IN UN PARCO SECOLARE, LE FABBRICHE SONO A FIUME ( Raffineria ecc.).
PROBABILMENTE SAI SOLO PEDALARE IN BICICLETTA...... OPPURE CON IL CALDO DELL'ESTATE 2009 IL TUTO CERVELLO E'ANDATO IN TILT! Prima di scrivere, segnalati appunti esatti,oppure gira pe rle mulattiere...' CHE POVERINO SEI !'
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito
        Registrati