Menu
VenMag02

Cristo con il fucile in spalla di Ryszard Kapuscinski

Un altro grandissimo libro di uno dei miei autori preferiti, Ryszard Kapuscinski.
Sarò poco obiettivo nella valutazione dei suoi lavori, ma a mio parere anche Cristo con il fucile in spalla dimostra quanto Kapuscinski sia stato forse il più grande reporter del novecento. Racconti mai banali, lineari, semplici ma allo stesso tempo profondi, ricercati, studiati. Si parla di ribelli, di giovani, come sempre nei suoi libri... si parla di oppressi ed oppressori.
E' un libro di viaggio, questo. Si parte dal Libano per finire in Mozambico, passando per i martoriati stati dell'america latina. Ma è anche un libro che non c'entra nulla con i viaggi: i suoi personaggi, anzi, lottano per poter sopravvivere a casa propria, nei confini del proprio paese, nelle mura della propria casa. E' un reportage sulla lotta impari combattuta dai ribelli in molti paesi del sud del mondo. Un reportage che narra con gli occhi degli oppressi la storia di una decina di paesi a cavallo tra gli anni sessanta e settanta.
Lo leggi tutto d'un fiato, condividendo le sofferenze, la speranza, la vita e la morte con i suoi personaggi, mai banali e mai scontati. Insomma, il solito Kapuscinski che ti conquista raccontando la semplice e nuda verità. Cristo con il fucile in spalla è un libro che ha quasi quarant'anni e nonostante questo, in alcuni suoi aspetti è un libro attualissimo. Tradotto in italiano soltanto di recente, tocca argomenti e paesi di rado trattati in altri libri dello stesso autore polacco (mi viene in mente La prima guerra del football..) e questo, almeno ai miei occhi, lo ha reso ancor più interessante. Consigliatissimo!


Vota questo articolo
(0 Voti)
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito
        Registrati