• English (UK)

Vota questo articolo
(1 Vota)

10 cose da vedere in Corsica: giro imperdibile dell'isola

    Cose da vedere in Corsica

    Ti stai chiedendo “Cosa vedere in Corsica”? Ami il mare o la montagna? L’arte o l’aria aperta? I borghi o la natura? Beh, sull’isola francese non dovrai scegliere: troverai tutto questo e molto altro ancora!

    Siamo stati sull’isola in diverse occasioni ed oggi ti vogliamo raccontare le 10 cose da vedere in Corsica che ci hanno entusiasmato di più.

    Come viaggiare in Corsica

    Prima di iniziare a descrivere le cose da vedere in Corsica, vediamo come raggiungere l’isola e come viaggiare in Corsica. Le soluzioni sono principalmente due: il traghetto con un mezzo proprio (se pensi di usare la bici questa è la soluzione più consona) o l’aereo con l’autonoleggio. L'alternativa più allettante però è fare come noi: scendere col traghetto a Bastia e fare il giro della Corsica in bici... io te lo consiglio, davvero imperdibile!cap corse cosa vedere corsica

    Nel primo caso le compagnie di riferimento sono Corsica Ferries e Moby. Nel secondo caso puoi affidarti ad Air-Corsica o a una compagnia lowcost (Ryanair e Easyjet su tutte), facendo scalo in un aeroporto francese (Marsiglia, Parigi o altri) e arrivando in uno dei quattro aeroporti dell’isola (Bastia, Ajaccio, Calvi e Figari).

    10 cose da vedere in Corsica

    Tra queste dieci cose da vedere in Corsica ho deciso di inserire un po’ di tutto, dal mare alla montagna, dai borghi alle città. In base alle tue preferenze potrai decidere tu cosa visitare e cosa no.

    Bastia

    Bastia è il principale porto dell’isola e la seconda città per numero di abitanti. Nonostante ciò rimane raccolta intorno al proprio porto e facile da girare anche a piedi o in bici. Piazza San Nicola, costellata di locali e bar, è il centro commerciale della cittadina (insieme al Boulevard Paoli) e ideale punto di partenza per una passeggiata verso il Porto Vecchio, uno dei luoghi più pittoreschi della città. Più in alto si trova la cittadella fortificata, costruita dai genovesi per la difesa di Bastia, e la cattedrale di San Giovanni Battista, l’edificio religioso più vasto dell’isola. bastia cosa vedere

    Cap Corse

    Bastia sorge all’imbocco del grande “dito” che caratterizza la geometria dell’isola a nord-est. Andando verso settentrione, ci si troverà presto fuori dal traffico in direzione di Cap Corse, l’estremità più a nord dell’isolaErbalunga

    Sicuramente questa è una di quelle cose da non perdere in Corsica. Presto giungerai a Erbalunga, piccolo paesino di pescatori dominato dalla torre genovese del XVI secolo. Dopo Macinaggio, sempre con splendidi panorami costieri, inizierai ad inerpicarti sulle colline. Se hai voglia di sgranchire un po’ le gambe, il sentiero dei Doganieri ti farà passare sul punto più a nord dell’isola mentre sul lato occidentale Centuri e Nonza sono due paesini da vedere prima di raggiungere Saint Florent, affacciata sull’omonimo golfo.

    Deserto des Agriates

    Poco oltre San Fiorenzo, proseguendo nell’itinerario costiero, si entra nella riserva naturale del Deserto di Agriate, un’area dove domina la gariga, vegetazione tipica della macchia mediterranea che secca nel periodo estivo quando per mesi non scende una goccia d’acqua. La zona non è comodamente accessibile in auto ma sono presenti numerose strade sterrate ideali per lunghe escursioni a piedi o in bici mentre da Isola Rossa o da San Fiorenzo si può raggiungere la costa con una barca. deserto di agriates notte

    Le spiagge (Saleccia la più conosciuta) sono delle vere e proprie perle non facilmente accessibili ma, soprattutto nei periodi primaverile e autunnale, ideali da raggiungere con camminate o pedalate in MTB

    Calvi e Isola Rossa

    La Balagne, regione geografica del nord della Corsica, è conosciuta per il suo entroterra selvaggio punteggiato di piccoli borghi e soprattutto per le due cittadine costiere più popolose e conosciute: Calvi e Isola Rossa. 

    Piccole e rilassate fuori stagione, si riempiono di turisti e vacanzieri durante l’estate. La prima è dominata dalla cittadella a picco sul mare mentre la seconda è conosciuta soprattutto per le sue origini: fu infatti fondata da Pascal Paoli, il “padre della patria”, che nel 1758 volle stabilire qui un porto che non fosse sotto il dominio genovese.calvi in corsica

    Tra le dieci cose da non perdere in Corsica, assicurati di passare in Balagne e goderti la sua anima poliedrica.

    Calanchi di Piana

    I calanchi della costa occidentale della Corsica sono sicuramente tra gli aspetti naturalistici imperdibili dell’isola. In particolare quelli di Piana, piccolo borgo poco a sud di Porto

    Queste spettacolari formazioni rocciose si elevano per oltre 400m dal mare e il granito rosso che le costituisce risplende nella luce del tramonto regalando panorami mozzafiato a chi ha il coraggio di inoltrarsi fin sulla stretta e tortuosa strada panoramica che le attraversa.calanche piana

    Dal 1983 queste formazioni sono entrate a far parte del patrimonio dell’umanità UNESCO, assieme al golfo di Porto, capo Girolata e alla riserva naturale di Scandola. 

    Riserva naturale di Scandola

    Tra i paesini di Galeria e Porto, sulla costa occidentale della Corsica, si trova un angolo di paradiso dove rocce levigate dagli agenti atmosferici si gettano a capofitto in acque cristalline: è la riserva naturale di Scandola, patrimonio UNESCO dal 1983. La riserva è praticamente inaccessibile da terra e quindi, rispettando la Natura e le regolamentazioni presenti, si può visitare con una barca. Grotte, pinnacoli e isolette ti lasceranno senza fiato. riserva scandola

    Sartene

    Abbarbicato sulle colline alle spalle di Propriano, il comune di Sartene fu costruito nell’entroterra per sfuggire alle numerose invasioni barbare del medioevo. Piccola e raccolta, si erge attorno alla piazza della Liberazione dove si affaccia anche la chiesa di Santa Maria. La grande bellezza del borgo, oltre alla sua posizione panoramica, giace nei suoi vicoli stretti e arzigogolati, tutti da scoprire. sartene corisca

    Dal centro del borgo è possibile anche partire per una delle numerosi escursioni possibili, sia in montagna che verso il mare, per esempio nella bella valle del Rizzanese.

    Corte, Calacuccia e il monte Cinto

    Il cuore pulsante della Corsica ruota attorno alla montagna più alta dell’isola: il monte Cinto, con i suoi 2706 m, si erge imponente su Corte e tutta la regione della Corsica Settentrionale. Inutile dire che l’attività outdoor, sia d’estate che d’inverno, è la grande attrazione di questa zona. monte cinto corisca

    Dalla mountain bike al trekking, dallo sci alle ciaspole, qui gli amanti dell’aria aperta troveranno pane per i loro denti… e a fine escursione, un tuffo nelle fresche acque del lago di Calacuccia ritempreranno fisico e spirito.

    Zonza e l’Alta Rocca

    Uno dei comuni più grandi della Corsica è anche uno dei più selvaggi, quello di Zonza. Il borgo è situato nel cuore dell’Alta Rocca, ai piedi del massiccio della Bavella e del monte Incudine. Passeggiare tra le antiche case granitiche di Zonza è di certo una delle cose da fare in Corsica così come lasciare l’auto e esplorare la zona a piedi o in bicicletta, inoltrandosi tra i boschi di pini, larici e castagni. alta rocca corsica

    Se invece ami la storia e la cultura, non ti resta che visitare il museo etnografico e archeologico dell’Alta Rocca a Livia. 

    Bonifacio e dintorni

    Una tra le località imperdibili della Corsica è sicuramente Bonifacio, con le sue scogliere a picco verso la Sardegna. La sua posizione particolare su uno sperone roccioso fece sì che i Genovesi la fecero diventare una fortezza praticamente inespugnabile. 

    Dal tornante sulla strada ai piedi del Bastione non perderti la passeggiata verso oriente che ti porterà ad alcune terrazze panoramiche da dove si può godere la vista più entusiasmante della città. 

    Il Torrione, la scalinata del Re d’Aragona ed in generale tutto il centro cittadino meritano una giornata o due di visita.bonifacio corsica

    Cose da vedere in Corsica? Non ti resta che partire!

    Non ti resta che scegliere la data, prenotare un volo o il traghetto e quindi partire alla scoperta della Corsica on the road.

    Che ne dici? Hai già visitato l’isola del Mediterraneo? Credi che tra le dieci cose da vedere in Corsica manchi qualcosa di imperdibile? Faccelo sapere nei commenti qui sotto o magari la prossima volta ci passeremo anche noi!

    Scrivi qui quel che pensi...
    Log in con ( Registrati ? )
    o pubblica come ospite
    Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

    Commenta per primo.

    Tra le Calanches di Pianalifeintravel.it
    Leonardo

    Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

               

    Visit Rovereto

    Storie a pedali

    podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

    Ascolta il Podcast

    Salta in sella

    Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

    Abilita il javascript per inviare questo modulo

    Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
    Non ti invieremo mai spam!

    Contenuti recenti

    Dal Perù all'Argentina
    Bike the south - Sudafrica e Lesotho in bici
    Marocco in bici
    Transitalia - Italia in bici
    Albania in bici
    Scandibike - Norvegia in bici
    Asia in bici
    Iberiabike - Spagna in bici
    Noplansjourney - Europa in bici
    Torna su