fbpx

Unisciti alla LiT Family



Meglio tubeless o camera d'aria per viaggiare?

Scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)

Quali copertoni è meglio usare in un viaggio in bici? Tubeless o camera d'aria? La domanda è tra le più diffuse e, se nell'ambito della mountain bike ormai il primo sistema ha preso decisamente e giustamente il sopravvento, nel cicloturismo c'è ancora un dibattito aperto che ha un senso. Di seguito aggiungo la mia voce alle mille già circolanti per dare un giudizio dopo i primi 3000 km di viaggio senza camera d'aria durante #backtothewest.

Life in Travel Diaries
Sono disponibili i Life in Travel diaries, libri fotografici con tanti racconti di viaggio scritti dai cicloviaggiatori per i cicloviaggiatori. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 

Pneumatici per viaggiare in bici

Se stai cercando un articolo esaustivo e completo, puoi leggere quello che Vero ha scritto qualche anno fa per aiutarti nella scelta dei copertoni per bici da viaggio, mentre trovi i migliori copertoni da viaggio nell'elenco che aggiorniamo costantemente.

Di seguito invece, cerco di infilarmi in un argomento piuttosto dibattuto e sempre interessante. È meglio viaggiare in bici con copertoni tubeless o con pneumatici e camera d'aria? Leggerai delle riflessioni personali e quindi opinabili, come sempre qui su Life in Travel. Ognuno deve fare le proprie valutazioni sulla base della propria esperienza e questo è quanto ho deciso di condividere con te.Meglio tubelss o camera d'aria per viaggiare?

Tubeless e camera d'aria: le differenze

Partiamo da alcune considerazioni oggettive per chi non sapesse bene di cosa sto parlando. Se sai già quale sia la differenza tra uno pneumatico tubeless e uno con camera d'aria, puoi tranquillamente scorrere verso il basso e leggere le note più soggettive sulle due diverse tecnologie per viaggiare.

Copertone con camera d'aria: la tradizione

Il copertone con camera d'aria è quello che chiamerei "tradizionale", anche se i meno giovani sicuramente avrebbero da dissentire e ricordarmi che Coppi e Bartali (e anche mio padre) usavano i tubolari incollati al cerchio senza camera d'aria. Ma questa è un'altra storia... Da quando viaggio in bici - e la barba bianca mi ricorda che ormai sono passati parecchi anni da quella trekking bike caricata con borse in tela a solcare le strade del Chianti - il sistema classico è costituito dalla ruota (cerchio, raggi, mozzo) e da un copertone all'interno del quale è presente una camera d'aria sigillata che va gonfiata attraverso la valvola e svolge il ruolo di contenitore dell'aria.Copertoni tubeless vs camera d'aria

Tubeless: innovazione o ritorno di fiamma?

Nel sistema tubeless viene meno la presenza della camera d'aria, come dice il nome stesso. In questo caso il contenitore d'aria è il copertone stesso, solidale al cerchio. Grazie alla pressione dell'aria e alla presenza di un lattice specifico che svolge il ruolo di sigillante, diviene ermetico.

Quest'ultima tecnologia ha preso piede prima nell'ambito delle mountain bike, derivata dalle auto e dalle moto. Come dicevo prima comunque, già in passato si è utilizzato il sistema tubeless, sia nei tubolari sia nella versione con copertoncini ermetici e quindi più di innovazione parlerei di un ritorno di fiamma! Oggi ormai è il sistema più usato per chi si dedica all'offroad e sta diffondendosi anche in ambiti meno estremi, tra cui il cicloturismo. copertoni con camera d'aria

Prima di addentrarmi nello specifico nel discorso legato ai viaggi e al cicloturismo, cerchiamo di capire quali sono i vantaggi e gli svantaggi oggettivi dei due sistemi.

Vantaggi e svantaggi dei tubeless

Il tubeless ha molto appeal perché uno dei maggiori vantaggi è la riduzione del rischio di forature: non essendo presente una camera d'aria, per avere una perdita consistente e percettibile di pressione il foro sul copertone dovrà essere di notevoli dimensioni. Inoltre, togliendo un elemento, il peso totale in generale si ridurrà, migliorando quindi anche la resistenza al rotolamento della ruota. Inoltre gli pneumatici senza camera d'aria vanno gonfiati a minor pressione e questo aumenta notevolmente il grip e la trazione degli stessi sui terreni sconnessi. Riassumendo quindi i vantaggi dei tubeless sono i seguenti:

  • minor rischio di forature;
  • minor peso.
  • utilizzo di pressioni minori con miglioramento di trazione e grip
  • le forature spesso si possono riparare facilmente tramite i vermicelli.

valvola tubelessDall'altro lato gli svantaggi dei tubeless sono pochi e facilmente superabili in un ambiente "protetto" come quello di casa propria. Il montaggio e lo smontaggio richiede un minimo di dimestichezza e a volte i cerchi tubeless ready risultano un po' più "rognosi", ma con un po' di pratica si può superare l'ostacolo. Il principale soggetto terzo di questa configurazione è il lattice che, oltre a sporcare un po' e risultare difficile da pulire, può seccarsi e va rabboccato di tanto in tanto. Gli pneumatici tubeless infine sono meno diffusi e quindi si ha meno scelta, anche se sempre più spesso le case produttrici si stanno adeguando all'aumento della richiesta del mercato. In definitva ecco gli svantaggi dei tubeless:

  • sostituzione dello pneumatico un po' più complessa;
  • il lattice sporca un po' e va rabboccato di tanto in tanto richiedendo una manutenzione costante;
  • la scelta di pneumatici, soprattutto da viaggio, è ancora limitata.
  • se viaggi in paesi dove questa tecnologia è poco diffusa, rischi di non trovare pneumatici tubeless o lattice per eventuali sostituzioni/rabbocchi

Vantaggi e svantaggi della camera d'aria

La configurazione con camera d'aria è sicuramente più diffusa e più semplice da utilizzare. Chiunque con un minimo di senso pratico può sostituire una camera d'aria e riparare una gomma forata. Inoltre la camera d'aria non richiede una cura costante nel tempo. Se si usa la bici raramente per qualche uscita domenicale basta una rapida pompata prima di saltare in sella e si può partire senza problemi. Infine esistono molte più tipologie e configurazioni di pneumatici per camera d'aria, soprattutto specifici per il cicloturismo, e in ogni caso qualsiasi negozio di bici in qualsiasi parte del mondo avrà a disposizione uno o più pneumatici di quetso tipo. Riassumendo i vantaggi di copertoni con camera d'aria sono i seguenti:

  • semplicità d’uso;
  • minor manutenzione richiesta;
  • maggior scelta e disponibilità ovunque.

Dal punto di vista strettamente tecnico direi che gli svantaggi della camera d'aria superano quelli dei tubeless e anche per un viaggiatore il maggior rischio di forature è la pecca più evidente. Per il resto, i vantaggi dei tubeless diventano gli svantaggi della camera d'aria che pesando di più oppone anche una maggior resistenza al rotolamento. Dovendo poi essere gonfiata a maggiori pressioni implica un minor grip e una trazione più scadente su terreni sconnessi anche se questo può voler dire maggior scorrevolezza su asfalto. In defintiva gli svantaggi della camera d'aria sono i seguenti:

  • Molto soggetta a pizzicature e forature.
  • Peso.
  • Resistenza al rotolamento.
  • Il copertone deve essere gonfiato a pressioni maggiori rispetto al tubeless, condizionando in negativo la trazione ed il grip.

ruote 27 5 vittoria

Considerazioni personali

Negli ultimi 25 anni di viaggio ho sempre utilizzato copertoni con camera d'aria e ho avuto esperienze contrastanti a seconda della tipologia di coperture montate. Quando mi sono affidato a copertoni specifici per il viaggio come gli Schwalbe Marathon (Tour Plus o Mondial per esempio) o i Vittoria Revolution Tech non ho avuto alcun problema e ho pedalato ben oltre la soglia d'allarme. Con i primi abbiamo viaggiato (io e Vero) in Asia per 8000 km e al rientro ne abbiamo fatti altrettanti prima di sostituirli. Con i secondi abbiamo viaggiato in Sudafrica e in Europa per circa 18000 km prima di cambiarli! In totale, più o meno (non ricordo il numero esatto), in due avremo forato 3 o 4 volte! 

L'esperienza è stata completamente diversa quando ci siamo affidati agli pneumatici presenti di serie sulle bici. Sempre in Asia, prima di sostituirli, sulle nostre MTB avevamo dei copertoni Kenda a mescola morbida e in poco più di 2000 km abbiamo forato 16 o 17 volte! L'anno scorso con gli pneumatici Bontrager montati di serie sulla Trek 920 siamo stati in Sicilia e in un viaggio di 2 settimane abbiamo subito diverse forature.

Quest'anno infine, ci siamo decisi a montare degli pneumatici tubeless sulla nostra bici da viaggio, convinti soprattutto dalla natura delle nostre estemporanee avventure estive in terra italica: pochi giorni e tanto sterrato. Sulla base di quella tipologia di escursione abbiamo montato delle coperture mountain bike (WTB Ranger e Maxiss Rambler) che poi abbiamo deciso di lasciare anche per il lungo viaggio invernale che stiamo tuttora pedalando tra Georgia e Turchia.

L'esperienza è stata assolutamente positiva: una foratura risolta semplicemente gonfiando la gomma trovata sgonfia al mattino (il lattice ha fatto il suo dovere) e nessun altro problema sulle sterrate e strade disastrate della Georgia. Man mano che i chilometri avanzavano e l'asfalto turco prendeva il posto dello sterrato georgiano, i copertoni si usuravano velocemente e giungeva il momento di sostituirli. Ecco che qui emergevano i problemi: nessun negoziante aveva coperture tubeless nelle città da noi attraversate.

Il nostro errore più grosso è stato confidare nella resistenza dei copertoni tubeless e procedere con le coperture consumatissime, sperando di arrivare a Gaziantep dove un commerciante sembrava avesse componentistica più evoluta. Dopo un paio di giorni i copertoni - prima il mio e poi quello di Vero - hanno mostrato segni di cedimento. Nel mio abbiamo messo la camera d'aria dopo che si era aperto un piccolo squarcio di qualche millimetro mentre quello di Vero si è sformato con una grossa bolla. Fortunatamente siamo arrivati ad Adiyaman (chiedendo un passaggio per gli ultimi 70 km da Nemrut Dagi), dove alla fine ci siamo decisi a sostituire i tubeless con semplici copertoni con la camera d'aria. 

Tubeless o camera d'aria per viaggiare?

Sulla base delle mie esperienze passate, ti posso dire che i tubeless, dal mero punto di vista tecnico, sono delle coperture migliori e più performanti. Sono l'ideale se viaggi su sterrato fuoristrada. Il rischio inferiore di foratura e la miglior tenuta di strada fanno del tubeless la soluzione ideale e, se riesci a organizzarne la sostituzione, li puoi utilizzare anche in viaggi di lungo raggio. In quest'ultimo caso però assicurati di avere le spalle coperte oppure adattati e sostituisci i tuoi tubeless con copertoni con camera d'aria prima che sia troppo tardi come è successo a noi. 

Se invece viaggi su asfalto o su terreni facili opta per un copertone da viaggio con spessore maggiorato e camera d'aria. Peso e resistenza al rotolamento in fondo non sono un elemento che un viaggiatore tiene molto in considerazione, giusto? Anche se sei uno di quelli che dopo aver fatto il viaggio annuale lascia la bici in cantina fino all'anno successivo, tieni in considerazione la camera d'aria: meno problemi e meno pensieri.georgia in bici

Come viaggeremo noi nei prossimi anni?

Credo che, dopo la positiva esperienza (con l'asterisco) di questo #backtothewest, d'ora in poi monteremo pneumatici tubeless per i viaggi di breve o medio raggio in bikepacking o in mountain bike mentre per i viaggi più lunghi e cicloturistici torneremo ad affidarci a copertoni da viaggio che hanno una durata decisamente più lunga e sono meno complessi da sostituire e riparare. 

 
 
Letto 12069 volte Ultima modifica il Giovedì, 17 Agosto 2023 18:22
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    · 1 anni fa
    In commercio si trovano camere in TPU moooolto più resistenti delle classiche camere d'aria e che occupano un terzo dello spazio.Secondo me ottima alternativa in caso di grosso foro che il lattice non riesce a chiudere.
    • Questo commento non è pubblicato.
      · 1 anni fa
      Mai provate, so che esistono ma costano una fucilata. Però se sono efficaci può valerne la pena ????????
Leo

ITA - Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita. Sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato e dedica gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Europa, Asia, Sud America e Africa con Vero, compagna di viaggio e di vita e Nala.

EN - Slow cycle traveler with a passion for writing and photography. If he is not traveling, he loves to get lost along the thousands of paths that cross the splendid mountains of his Trentino and the surroundings of Lake Iseo where he lives. Both on foot and by mountain bike. Eternal Peter Pan who loves realizing his dreams without leaving them in the drawer for too long, has dedicated and dedicates a large part of his life to bicycle touring in Europe, Asia, South America and Africa with Vero, travel and life partner and Nala.