Menu
GioSet21

Come illuminare le piste ciclabili di notte: un’idea tutta trentina

In Italia vengono progettate e poi realizzate sempre più piste ciclabili: lunghe, brevi, a volte brevissime, non importa, esse facilitano gli spostamenti in bicicletta in sicurezza dei locali e dei cicloviaggiatori sul territorio. Quasi la totalità di queste piste ciclabili è però sprovvista di illuminazione notturna e questa mancanza rende difficile la fruizione delle stesse dopo il tramonto, ma forse qualcosa presto cambierà…
Gli studenti dell’università di Trento hanno ideato un prototipo di illuminazione per piste ciclabili attraverso l’utilizzo di vernici fotoluminiscenti, un’idea che verrà presentata il 22 settembre alle ore 20 presso il bicigrill in località Masetto (Faedo), lungo la pista ciclabile dell’Adige.
Ma come funziona questa vernice?
Questa tipologia di vernice, già usata in hobbistica, è quasi totalmente trasparente nelle ore diurne. Durante il giorno i granuli di pigmenti contenuti nella vernice assorbono la luce, in particolar modo i raggi UV.
Di notte, in base alla quantità di luce assorbita, la vernice rilascia in autonomia una fluorescenza di forte o debole intensità.
Il sistema di illuminazione, se valutato efficace, non avrà solo il compito di rendere visibile il tracciato di notte ma anche di comunicare delle informazioni importanti attraverso la segnaletica che verrà disposta con un’angolazione di 45° sulla pista in modo da essere leggibile in entrambi i sensi di marcia.
Il progetto che è stato proposto all’associazione studentesca Agropoli, nata nel 2016 e composta da studenti di ingegneria edile e architettura, verrà quindi presentato nei prossimi giorni e ci auguriamo possa essere un’ idea davvero innovativa e funzionale per sviluppare ulteriormente il sistema di ciclabili in Italia.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...

Aggiungi commento

Codice di sicurezza Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito
        Registrati