Vota questo articolo
(0 Voti)

Cicloturismo tra i parchi nazionali dell'Abruzzo | Da Rocca Calascio a San Valentino 14° tappa

    Corvara in Abruzzo in bici
    L'alba alla Rocca di Calascio è fresca; l'aria soffia dal massiccio innevato del Gransasso che si erge imponente e immobile all'orizzonte scompigliandoci i capelli. Le storie dell'Appennino ribelle, dell'Appennino che non molla e continua a resistere a chi prova a soffocarlo vengono raccontate anche nel borgo abbandonato di Rocca Calascio tra turisti che vanno e vengono, abruzzesi e cicloviaggiatori come noi...

    Mappa

    {zhgooglemap:251;;;0}
     

    Ultime pedalate sul Gransasso

    La notte è trascorsa serena tra le braccia di Morfeo mentre lo scricchiolio del legno accompagnava i nostri sogni nel cuore dell'Appennino. In bicicletta ogni tappa ci ha regalato storie e ricordi di queste montagne, racconti di vite ed avventure che si tramandano di padre in figlio conservandone il ricordo. Penso a questo mentre il sole del mattino, caldo e seducente, bacia le rovine della fortezza di Rocca Calascio. Intorno nulla infastidisce la vista e la mente può spaziare fino alle prime propaggini del Parco nazionale della Majella all'orizzonte.alba rocca calascio
    Salutiamo il borgo di Rocca Calascio prima che la folla domenicale di turisti la invada. Le colline che iniziamo a pedalare sono dolci e ancora verdeggianti. Castel del Monte dista solo pochi chilometri, decisamente presto per una sosta, ma non vogliamo privarci di una lauta seconda colazione in un paese famoso in tutto il mondo per essere stato il set cinematografico di capolavori.pedalando gransassoDue parole in dialetto stretto con gli anziani del borgo, un giro spingendo la bicicletta sulle scalinate del centro storico, una cioccolata calda con panna e ripartiamo affrontando senza indugi la lunga discesa fino a Villa Santa Lucia degli Abruzzi. Affacciata sulla valle del Tirino, la località è un ottimo punto di partenza per escursioni nel Parco nazionale del Gransasso Non lontano si stagliano Ofena e Capestrano e oltre l'altopiano di Navelli conosciuto per le sue coltivazioni di zafferano.
    Ci manteniamo a quota 700 metri per qualche centinaio di metri prima di iniziare la breve salita che conduce alla Forca di Penne. E' curioso che l'Appennino sia punteggiato da località, valichi, montagne che richiamano il nome della catena montuosa nel proprio, no?
    panorama castel del monte

    Corvara incastonata nella roccia

    Poco oltre il valico appenninico si scorgono i primi picchi del parco nazionale della Majella e le ruote della bici fremono dalla voglia di scoprirne i segreti. Scendiamo verso la valle veloci, soddisfatti di sentire l'aria fresca in viso, ma improvvisamente qualcosa interrompe la nostra avanzata...
    Corvara appare così, senza preavviso, amena e malinconica. Arroccata al monte Aquileio sembra stia per crollare... da decenni.
    Di origine antica, la triste Corvara (sembra che il nome abbia origine unno-tartara e significhi Paese dei bruni) sorse nel Medioevo per poi essere quasi dimenticata. Idee e progetti offuscano la nostra mente: "Si potrebbe fare un albergo diffuso come a Rocca Calascio", "Io qui ci vivrei da subito, tu no?" e ancora "Chissà quali leggende sono legate a Corvara, forse ci vivevano le streghe?"
    corvara abruzzo

    Il parco nazionale della Majella in bici

    Sapevamo che sarebbe arrivato presto il momento di lasciare il parco nazionale del Gransasso, ma dopo tutte le peripezie vissute, la neve, gli incontri indimenticabili, i luoghi incantati, speravamo arrivasse il più tardi possibile. Pescosansonesco ci distrae da questo pensiero catapultandoci indietro nel tempo, a quel maledetto 1934 quando una frana si staccò dalle pareti rocciose per cadere sul piccolo borgo. Pescosansonesco fu in parte distrutta e in parte abbandonata. Quel che resta oggi è una località pittoresca in rovina sormontata dai ruderi del castello medievale di cui un tempo andava fiera.abruzzo ulivi tramonto
    Scendiamo a valle dove la strada scorre veloce, cinta dai due parchi nazionali che si sfiorano. Poco oltre Piano d'Orta il tracciato del nostro viaggio in bici sugli Appennini riprende nuovamente a salire ripido e deciso. Tra i campi di ulivi avvolti dalla magica aura del tramonto arranchiamo verso San Valentino in Abruzzo Citeriore, il paese italiano con il nome più lungo, la porta d'accesso settentrionale al parco nazionale della Majella, uno dei polmoni verdi d'Abruzzo.

    parco nazionale della maiella

    Per scoprire tutte le tappe di #transitalia e scaricare le tracce GPS dai un'occhiata alla mappa del nostro viaggio in bici oppure continua a viaggiare in bici per l'Italia tornando alla tappa n° 13 da L'Aquila a Rocca Calascio... a breve ti racconteremo anche la quattordicesima tappa da San Valentino in Abruzzo Citeriore a Pescocostanzo nel Parco nazionale della Majella.
    Veronica

    Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
    Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
    Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
     Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
    Carpediem e buone pedalate!

    Aggiungi commento

    Codice di sicurezza
    Aggiorna

    Commenti  

    Tala
    # 0 Tala2015-06-16 21:31
    "Davanti a quel portone" - Rocca Calascio, 2004
    K:\FOTO0404-08-13 ABRUZZO04-08-25 Rocca Calascio_1.jpg
    RispondiRispondi con citazioneCitazione
    Torna su