Vota questo articolo
(0 Voti)

Castel Corona: trekking all'antica fortezza della Val di Non

    Castel Corona in Val di Non
    Alzando gli occhi verso le pareti rocciose che separano la bassa Val di Non dal cuore del Parco naturale Adamello Brenta e dalle sue Dolomiti, con un po' di attenzione, si può riuscire a scorgere qualcosa di inaspettato: una piccola fortezza, conosciuta con il nome di Castel Corona, è incastonata nella pietra come un gioiello prezioso. Domina la valle dal luogo più impervio ed incredibile che si potrebbe immaginare e, nel silenzio della Natura e del passato, è ormai quasi dimenticata...

    Mappa

    Castel Corona, costruito nella montagna che lo ospita come una teca farebbe con un prezioso diamante, è quasi invisibile all'occhio umano se non si conosce il punto esatto dove si staglia. Si dice che i primi insediamenti in questa area risalgono addirittura all'Età del Bronzo e che la fortezza fu abbandonata già dal 1500... chissà perchè! La posizione scomoda, ma estremamente favorevole per scorgere nemici in avvicinamento e per iniziare a difendere la valle, resero Castel Corona, una fortificazione di tutto rispetto senza che però fosse mai frequentata nè abitata regolarmente per scopi militari.castel corona
    Salendo oltre il centro storico di Cunevo, si raggiunge la strada forestale che, addentrandosi nel bosco, sale poi verso Malga d'Arza. Il nostro trekking in Val di Non inizia proprio dalla strada sopra i meli e sopra il paese. Nel bosco, ogni passo è attutito dalla neve ancora ben presente sul sentiero ed è per questo che, in pieno inverno o dopo un'abbondante nevicata, è necessario usare le ciaspole. Osservando con attenzione le impronte sul manto bianco si riconosce il passaggio di diversi animali delle nostre Alpi come il capriolo, la volpe e la lepre. Dopo i primi due tornanti su ampia strada innevata, incontriamo il bivio sulla destra per il Sentiero Margherita che permette di costeggiare la montagna sopra Cunevo e Flavon fino a raggiungere la galleria di Terres ed attraversare la montagna fino alla Val di Tovel. camminando tra i meliQuesto cunicolo lungo più di 2 km è aperto solo nella stagione più calda a partire dal mese di maggio. Proseguiamo sulla strada principale fino alla località Sas Dele Vace e, invece che seguire la forestale sulla sinistra, continuiamo a camminare verso destra, fin oltre una sbarra. La strada verso Castel Corona svolta veloce verso sinistra diventando sentiero e raggiune La via Zona. In pochi passi ci ritroviamo davanti ad un cartello che raccomanda di non proseguire verso la fortezza perchè potrebbe essere pericoloso. Nelle vicinanze di Castel Corona infatti, la parete rocciosa della montagna sporge verso la valle con orgoglio e, con il peso della neve invernale, si potrebbero verificare frane improvvise. Il pericolo reale è presente nell'arco di una ventina di metri di trekking ma, se avete intenzione di andare avanti lo stesso come dopotutto abbiamo fatto anche noi, munitevi almeno di un caschetto da alpinismo/arrampicata e prestate attenzione. neve in val di nonDa La via Zona in poi il tracciato è più erto ed impegnativo ma con un po' di pazienza e perseveranza è percorribile da tutti. Dopo To della Bancia, si supera To dal'Or dove la vista può iniziare a spaziare sulla parte bassa della Val di Non. Il sentiero continua a salire nella neve ed in lontananza, poco sopra Vigo di Ton, si riesce a scorgere anche Castel Thun. Ancora poche centinaia di metri e sulla destra appare finalmente Castel Corona e ciò che resta dell'antica fortezza. Un muro  di venti metri di altezza per trenta di lunghezza costeggia la parete rossastra della montagna: ecco come appare la mitica rocca difensiva di questa parte del Trentino.segnaleticaFacilmente riconoscibili nella struttura sono alcune feritorie e due finestrelle. A sinistra dell'imponente fortezza una lunga scala verticale permette a chi è coraggioso e fornito di imbrago ed attrezzatura da ferrata di salire al livello di Castel Corona per una visita ravvicinata (fate sempre attenzione alla possibilità di frane e caduta massi!). Al cospetto di questa incredibile fortezza difensiva, mi domando quale genio umano abbia avuto per primo l'idea di costruire quassù un edificio di questo genere, una struttura interamente mimetizzata  con la roccia!castel corona
    Per tornare al paese di Cunevo bisogna percorrere a ritroso il tragitto dell'andata.
    Escursione piuttosto facile ed adatta a chiunque abbia un minimo di allenamento, ami le ciaspole o le passeggiate nelle altre stagioni dell'anno. nevePrima di partire assicuratevi sempre di percorrere il trekking in sicurezza!
    Avete già fatto escursioni in Val di Non?!? Fateci sapere quali nei commenti!
    Veronica

    Correva l'anno 1983: anch'io vidi per la prima volta la luce del sole estivo e sorrisi. 
    Da sempre col pallino per l'avventura (nessun albero poteva resistermi!) ho avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i miei genitori e poi, per la maturità, mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare, senza gravi conseguenze, su una strada slovacca).
    Ho vissuto 6 anni in Trentino lavorando in tanti luoghi diversi, scoprendo la bellezza della Natura, delle sue montagne e, devo ammetterlo, della MTB! Al momento che ritenevo giusto, ho mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ho provato per la prima volta l'esperienza di un'avventura a due ruote e, da quel momento, non ne ho potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 sono partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la nostra prima vera grande avventura insieme! Da 3 anni scorrazziamo in MTB sui sentieri del Lago di Iseo, ma la prossima partenza per il #noplansjourney è alle porte...:) 
     Su lifeintravel.it trovi tutti i nostri grandi viaggi insieme (e non)!
    Carpediem e buone pedalate!

    Aggiungi commento

    Codice di sicurezza
    Aggiorna

    Torna su