Vota questo articolo
(1 Vota)

Capanna Monte Bar in MTB: itinerario nel Canton Ticino

Il Canton Ticino offre molteplici risorse in campo ciclistico, soprattutto nell'ambito dell'off-road sia per quanto riguarda l'utilizzo delle classiche mountain bike che delle più recenti e-bike, ovvero biciclette da montagna a pedalata assistita. Negli ultimi anni gli enti locali hanno sviluppato una fitta rete di trail che permettono di soddisfare le esigenze di qualsiasi tipo di biker, da quello più votato al cicloturismo a quello più propenso all'all-mountain più spinto. Durante un intero weekend ho avuto l'opportunità di percorrere un paio di itinerari in MTB alle porte di Lugano di buon impegno tecnico e fisico, baciato da un clima mite e da panorami di tutto rispetto.
 
 
 

Mappa

Attraverso la Val Colla

Il punto di inizio dell'itinerario è Tesserete, frazione del comune di Capriasca (518 m), paese distante una decina di chilometri dal centro di Lugano. Insieme a Roberto, Max e alla guida mtb Stefano di Bikeport, inforchiamo le e-mtb per affrontare un itinerario ad anello su fondo misto percorrendo buona parte del trailCapriasca bike” (segnalato ottimamente con paline esplicative) e sfruttando delle interessanti varianti sentieristiche. I primi dieci chilometri completamente asfaltati ci permettono di attraversare i vari paeselli di Roveredo, Treggia, Bidogno, Corticiasca, Scareglia e Signora (994 m). Lungo questa prima parte si ha la possibilità di ammirare i Denti della Vecchia e tutta la cresta che racchiude la valle fino alla chiesa di San Lucio e al Monte Gazzirola.

Una salita tosta

Poco sopra Signora deviamo su strada sterrata che, dopo qualche tornante, si trasforma in single trail ripido e tecnico; onestamente ritengo poco proponibile affrontare questa salita con una mountain bike a trazione muscolare in quanto molti tratti sono veramente sconnessi e il terreno cosparso di sassi e radici di conifere. In sostanza bisognerebbe effettuare diverse decine di minuti di portage! Chi decidesse di affrontare l'intero anello di giornata con una mtb muscolare (consiglierei una biammortizzata!), sappia che l'unico impedimento è rappresentato da questa prima salita, mentre le restanti parti risultano completamente pedalabili. 
bosco verso monte bar
Lungo la salita si incontra qualche baita con fontana, mentre gradualmente le latifoglie lasciano spazio alle conifere. Dopo molteplici tornanti stretti e tecnici, per fortuna alternati a tratti più semplici e distensivi, si perviene al limite boschivo, con diversi scorci panoramici sul Monte Bar!02 monte bar

Capanna Monte Bar

In breve tempo, e su facile sentiero pianeggiante e a mezza costa, raggiungiamo uno spiazzo erboso che ospita il Rifugio Piandanazzo (1602 m).
03 piandanazzo
Ora una divertente sterrata a saliscendi permette di raggiungere, dopo circa 2 km, la Capanna Monte Bar (1608 m), posta sotto l'omonima cima (1816 m). Tale rifugio è una struttura moderna in legno, dotata di una vetrata panoramica sul sottostante Lago di Lugano. Inoltre è una struttura bike friendly, dotata di una piccola ciclofficina coperta e di supporti per la ricarica delle batterie delle e-bike.04 capanna monte bar

Il Motto della Croce e l'Alpe Davrosio

Dopo un pranzo a base di prodotti genuini squisitamente locali, decidiamo di tornare a Piandanazzo per affrontare la variante di giornata, ovvero un trail tecnico ma divertente che si sviluppa all'interno del bosco alternando l'attraversamento di diverse vallette a tratti discretamente esposti ma non eccessivamente pericolosi. Ricongiunti ad una bella strada sterrata, da percorrere rigorosamente in discesa, si tocca l'asfalto per un paio di tornanti sino a incrociare nuovamente il Capriasca Trail, che ora percorreremo quasi per intero. Scendiamo su breve tratto sentieristico al Motto della Croce (1393 m), luogo in cui bisogna assolutamente sostare per godere di un panorama a 360° sul Canton Ticino.
05 sentiero monte bar
E non è ancora finita! Infatti da questo punto inizia un bellissimo single trail in discesa che corre a mezzacosta sul Caval Drossa, esposto, filante e divertente, non pericoloso ma dove bisogna porre attenzione ad un brevissimo tratto ripido completamente roccioso. Superate tutte le asperità si giunge all'Alpe Davrosio (1245 m), brulicante di mucche al pascolo.
06 alpe davrosio

La discesa finale

Si scende su una stretta striscia asfaltata per nulla trafficata sino alle torbiere di Gola di Lago (972 m), sede di un ex sbarramento militare ticinese risalente al 1939 costituito da tre fortini di fanteria: fortino Cima di Lago 1 e 2, fortino Cappella di Lago e fortino Davrosio. Procedendo lungo strade sterrate in leggera ascesa alternate a sentieri scorrevoli si giunge a Condra (1008 m), un'oasi di pace al cospetto del Caval Drossa appena domato! Successivamente si entra definitivamente nel bosco e tramite un sentiero accidentato e a prova di bicipiti si giunge finalmente al punto di partenza, a Tesserete.07 condra
Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    matt · 1 anni fa
    Ciao Davide, grazie per il dettagliato racconto, per 4 amici 'biker della domenica' che vorrebbero fare anche una notte fuori
    pensi il percorso sia adatto? In caso dove consiglieresti il pernottamento?
    Continua così
    Matteo
Davide

Appassionato da sempre di attività outdoor con predilezione all'escursionismo esplorativo scandito da ritmi lenti e meditativi, mi sono affacciato al mondo della bicicletta all'età di 13 anni con la medesima predisposizione e da quel momento è stato un crescendo di esperienze che hanno contribuito a far maturare in me una visione romantica di questo bellissimo sport, sempre in contatto e in accordo con la natura.
Adoro pedalare nella mia terra d'origine (le Orobie) e sulle bellissime Alpi Occidentali, senza però  trascurare l'Austria, la Svizzera, etc., e tutti quei luoghi che mi stanno ancora aspettando. Peraltro mi piace alternare il ciclismo su strada a quello su sterrato, terreni diversi che non considero come eterni rivali ma bensì come due red carpets dove far scorrere i miei sogni a due ruote!

{/source}
 

             

Storie a pedali

podcastUn podcast dedicato ai viaggi in bici, una narrazione per raccontare il mondo del cicloturismo anche attraverso la voce

Ascolta il Podcast

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 14.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
 

Contenuti recenti

 
 
Torna su