fbpx

Abbonati alla LiT Family 

Abbonati alla Life in Travel Family - aiutaci a diffondere la cultura cicloturistica in Italia

Vota questo articolo
(0 Voti)

Brinke Overland Di2: il nostro viaggio da Desenzano a Misano Adriatico

A settembre, nella nuova e particolare cornice del circuito di Misano Adriatico, si è tenuto l'Italian Bike Festival e anche noi abbiamo voluto andarci, a modo nostro, raggiungendo gli stand in bicicletta. Per l'occasione abbiamo provato le Brinke Overland Di2, bici elettriche che ci sembravano perfette per viaggiare su questa tipologia di tracciato. Ma alla fine come è andato questo nostro viaggio in ebike da Desenzano a Misano Adriatico?

Dati tecnici

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo  Desenzano del Garda
Misano Adriatico 
Tempo 4 giorni
Dislivello 1100 m circa 
Lunghezza 357 km
Tipologia di fondo
95% Asfalto
5% Sterrato
VALUTAZIONE
Difficoltà Medio
Panorama Molto Bello
QUANDO ANDARE
MarzoAprileMaggioSettembreOttobreNovembre

Settembre è un mese intenso, infinito per noi amanti delle due ruote. Le temperature si abbassano, il cielo si satura d'aria tersa e la voglia di inforcare la bici cresce a dismisura. Così, quando i ragazzi di Brinke Bike ci hanno proposto di provare la loro Overland Di2 con cambio automatico, ci è venuta un'idea: perché non raggiungere l'Italian Bike Festival sulle sponde dell'Adriatico in bici?

Allora è deciso: si parte dalla sede di Brinke a Desenzano dove inforcheremo le Overland Di2 (finora avevamo utilizzato le Overland XT con cambio manuale... vai in fondo all'articolo se vuoi scoprire qual è la più adatta a te) e cercheremo di raggiungere in quattro giorni Misano per partecipare all'IBF e scoprire le novità del settore.

Da Desenzano alla ciclabile del Mincio

Facciamo un po' di conoscenza con le bici e soprattutto con il cambio al mozzo automatico prima di iniziare a pedalare seriamente verso la pianura. In questo percorso di oltre 300 chilometri il dislivello è irrisorio e quasi tutto si affronta nella prima parte di viaggio che scavalca le colline moreniche a sud del lago di Garda. Decidamo di evitare il lungolago per gettarci nell'entroterra meno noto verso Monzambano e il fiume Mincio.

La segnaletica di itinerari ciclabili è vasta, ma confusionaria quindi ci affidiamo alla traccia pianificata su Komoot e troviamo un po' di sterrato per far correre Nala. Poco oltre un pertugio e un ponticello pedonale ci permettono di accedere alla ciclabile che unisce Mantova a Peschiera.nala a borghetto

Poche rapide pedalate e ci ritroviamo nella colorata Borghetto: è sempre un luogo speciale da visitare e anche a Settembre il numero di turisti che popola le sue viuzze sul fiume è impressionante. 

Persi nelle campagne tra Verona e Mantova

Lasciamo le sponde del Mincio con una rapida salita verso Valeggio e dopo una pausa per bere litri di limonata fresca, riprendiamo la nostra pedalata. Viste le numerose volte che abbiamo solcato il percorso della ciclabile del Mincio, in questo viaggio abbiamo deciso di provare un itinerario alternativo che ci faccia raggiungere gli argini del Po. 

La scelta si rivela non troppo azzeccata poiché le pianure veneto-lombarde di questa terra di confine sono noiose e sovrappopolate. Riusciamo a trovare qualche strada secondaria per evitare il traffico delle arterie principali e addirittura imbocchiamo uno sterrato piacevole e divertente tra infinite distese di granturco e kiwi. Peccato che a un certo punto si scontri con un cancello chiuso😕!ciclovia del po

Una deviazione ci permette di tornare sulla strada verso la periferia sud-orientale di Mantova, seguendo in parte il canale Acque Basse. Il tramonto all'orizzonte è oscurato da basse nubi minacciose che ci inseguono mentre raggiungiamo le sponde dell'ultimo tratto di Mincio, nei pressi di Formigosa. Gli ultimi chilometri fino a Governolo scorrono veloci sull'argine, tra moscerini famelici e brontolii di stomaco inquietanti.

Una pizza nell'unico locale aperto del paese ci rimette in sesto e quando ormai le tenebre hanno avvolto ogni cosa, troviamo un posto appartato dove accamparci. Il caldo e l'umidità sono ancora asfissianti e per metà della notte dormiamo all'addiaccio. Nala boccheggia, ma quando la luna ha ormai passato la mediana del suo percorso nel firmamento una lieve brezza ci accarezza facendoci godere di qualche ora di riposo.porticati emilia romagna in bici

Il Po e la ciclovia del Sole

Il risveglio ci regala un'altra giornata di sole che inauguriamo con una pedalata sulle sponde del Mincio, fino alla sua foce nel Po. A Ostiglia ci concediamo una lauta colazione prima di attraversare il Grande Fiume e deviare decisi la nostra rotta verso Sud

Oggi viaggeremo verso l'Emilia-Romagna, seguendo su un itinerario ex-ferroviario che non abbiamo mai seguito: la Verona-Bologna. L'inizio però è un po' titubante, tra strade con un po' di traffico e bivi non sempre facili da interpretare. Raggiungiamo il punto di partenza della ciclovia vera e propria e iniziamo a pedalare a fianco della tratta ferroviaria attuale. Il percorso della ciclovia del Sole è un percorso che fa parte dell'Eurovelo 7, itinerario europeo di lunga percorrenza che unisce Capo Nord a Malta. ciclovia del po

La ciclabile è in ottimo stato, ben segnalata e sono state realizzate numerose pensiline con panche, tavoli, prese per la ricarica ebike e una pompa a colonna. Oggi siamo, purtroppo, praticamente gli unici a seguire questo itinerario che di tanto in tanto regala la vista di qualche ex-stazione in disuso. Raggiungiamo Mirandola e la superiamo di slancio, fermandoci per uno spuntino a San Felice sul Panaro. Sempre su ciclabile, passiamo Crevalcore e raggiungiamo San Giovanni in Persiceto. Ormai in odore di città, proseguiamo la nostra avanzata fino a Osteria Nuova dove il percorso protetto muore e si getta nel traffico.

L'entrata a Bologna è traumatica: veniamo gettati sulla via Emilia per raggiungere Borgo Panigale con i tir che ci passano a dieci centimetri dalle orecchie. Deve essere il pegno da pagare per raggiungere il meraviglioso centro storico della città che da anni non visitavamo. Le vie cittadine sono piene di mezzi, ma riusciamo a destreggiarci tra semafori, auto in sosta sulle ciclabili e pedoni al telefono, aiutati anche dal cambio Shimano Di2 della nostra Brinke che ci permette soste e ripartenze senza pensieri: sceglie lui il rapporto corretto per pedalare, a noi non altro da fare se non spingere forte sui pedali.verso bologna ciclovia del sole

Ormai è tardi e abbiamo prenotato un alloggio fuori dalla città, sulla via Emilia, quindi possiamo dedicare poco tempo alla visita. L'uscita da Bologna in bici è più tranquilla dell'ingresso e in men che non si dica siamo con le gambe sotto al tavolo per una cena a base di piatti tipici prima del meritato riposo: le batterie sono già in carica, dopo averci condotto fin qui da Desenzano.  

Da Bologna al mare

La via Emilia non è il massimo da pedalare, ma per fortuna da Castel San Pietro Terme in poi è affiancata da una ciclabile che ci tiene fuori pericolo fino a Imola. La città famosa soprattutto per il Gran Premio è una piacevole scoperta. La maestosa rocca sforzesca fa da preludio a un centro storico curato, chiuso all'interno di antiche mura. 

Per evitare di reimmetterci sulla via Emilia ci facciamo convincere dalla segnaletica della ciclovia del Santerno e deviamo ancora una volta la nostra marcia per dirigerci verso nord-est. Il percorso ciclabile lungo il fiume è lungo 44 km e parte più a valle, da Castel del Rio. Noi ne pedaliamo gli ultimi chilometri fino a Mordano dove superiamo il fiume e visitiamo il piccolo ma bel borgo di Bagnara di Romagna. castello di forli

L'obiettivo di oggi è il mare, ma per evitare di allungare troppo l'itinerario, torniamo a volgere i nostri manubri verso sud-est, puntando dritti dritti a Cervia. Le strade secondarie di pianura ci consentono di tenere un buon ritmo e accelerare restando comunque conservativi con la batteria fino a quando il vento contro non ci spinge a utilizzare un livello intermedio di potenza per poter raggiungere le saline di Cervia al tramonto.

Il sol calante alle spalle gioca un po' a nascondino dietro a nuvolaglia sparsa ma alla fine ci concede qualche riflesso degno di un luogo magico come questo. I fenicotteri disinteressati continuano la loro ricerca di cibo mentre noi ci divertiamo a scorgere nuovi riflessi sullo specchio d'acqua sottile. saline di cervia

Lasciamo le saline per raggiungere la cittadina balneare dove ci aspetta l'amico Andrea, incontrato in Sudafrica ormai molti anni fa: per questa notte saremo suoi ospiti e abbiamo un sacco di racconti da condividere a vicenda. 

Italian Bike Festival con Brinke e Shimano

Salutato Andrea, siamo pronti a riprendere la via verso Misano Adriatico per raggiungere il festival che inizierà quest'oggi. Mancano una quarantina di chilometri e seguiremo in questo tratto la ciclovia adriatica che al momento è una bella idea ma senza riscontri sui territori, almeno in questo tratto di costa. cesenatico

Passati Cesenatico e Bellaria, raggiungiamo presto Rimini e ci fermiamo per un rapido pranzo. A Misano, per raggiungere il circuito, copriamo più dislivello che non quello fatto negli ultimi due giorni e all'ingresso in fiera siamo travolti dalla fiumana umana che si sta riversando tra gli stand. emilia romagna in bici

Siamo accolti dagli amici di Brinke che ci dissetano e ci chiedono le prime impressioni su queste bici che in parte già conoscevamo.

Brinke Overland XT vs Overland Di2: quale è meglio per te?

Come già detto quest'anno ci siamo dedicati alla pedalata sulle bici elettriche di Brinke, usando i modelli della gamma Overland, bici con caratteristiche ottimali per viaggiare. I modelli Overland, oltre che differenziarsi tra Sport e Comfort (la prima con un telaio "classico" con tubo orizzontale e la seconda con un telaio "da donna" senza), si distinguono tra XT e Di2 a seconda del tipo di cambio Shimano montato. 

In particolare le Brinke Overland XT montano un cambio normale con deragliatore e pacco pignoni da 10V mentre le Brinke Overland Di2 montano un cambio al mozzo Shimano Nexus 5 Di2.

Ti chiederai allora qual sia la migliore per viaggiare tra le due. Come sempre non esiste la risposta adatta a tutte le situazioni ma un bel "dipende" è d'obbligo. Vediamo perché.

La scelta di utilizzare le prime (XT) su percorsi più avventurosi e mossi e le seconde (Di2) su percorsi ciclabili più semplici e meno affaticanti non è stata un caso. Oltre al cambio le Overland XT montano un motore E7000 più performante dello Shinano E6100 montato sulle Di2.desenzano misano in ebike

Il ragionamento di Brinke non fa una piega perché le Overland XT sono l'ideale per chi voglia una bici elettrica da trekking comoda ma allo stesso tempo performante se dovesse effettuare qualche bella salita in viaggio. Le dieci velocità garantiscono uno sviluppo metrico sufficientemente basso con il pignone più grande e un range rapporti più ampio. Il motore E7000 permette, soprattutto in fase di spunto, un aiuto che è una garanzia anche su salite belle impegnative come quelle che abbiamo affrontato nel percorso sul lago di Garda a inizio anno. 

Dall'altro lato le Overland Di2 sono perfette per chi voglia una bici da trekking su cui sedersi e staccare la spina completamente. Sono l'ideale per affrontare viaggi e percorsi facili, magari che uniscano città e affianchino alla pedalata la visita di qualche attrazione culturale. Il cambio integrato al mozzo Nexus 5 Di2 è stata una vera scoperta per noi. È ideale se si deve pedalare in città o su itinerari con frequenti soste e ripartenze: basta effettuare una rapida regolazione iniziale sulla propria cadenza e poi ci si può dimenticare di dover passare da un rapporto a un altro.

I cinque rapporti sarebbero forse pochi se si dovesse affrontare salite toste, ma sulle colline e in pianura sono più che sufficienti e lo stesso si può dire per il motore E6100, meno grintoso dell'E7000 ma oer questo più conservatvo: siamo arrivati, utilizzandolo con parsimonia, a pedalare quasi 200 km carichi come eravamo.

Insomma, piccoli differenze e dettagli che dimostrano però come in casa Brinke e Shimano si sia pensato a tutti i viaggiatori per venire incontro alle loro esigenze e diversità. Tutto ciò in attesa delle grandi novità del sistema EP per il 2023.

Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Sante71 · 2 mesi fa
    ..e ormai credo che in prospettiva la e-bike prenderà il posto della muscolare costretta a soddisfare un mercato di nicchia. un pò come telefono fisso - cellulare negli anni '90..
    eppure dell'impatto ambientale di tutte queste batterie nessuno ne parla🤐
    • Questo commento non è pubblicato.
      Sante71 · 2 mesi fa
      @Leo Da uno studio fatto (dovrei ritrovarlo) si è visto che l'uso dei monopattini (vista da qualcuno come mobilità sostenibile) ha coinvolto principalmente le persone che si muovevano a piedi. Non ha minimamente scalfito il numero di utenti che usano mezzi motorizzati. Da questo punto di vista ha fatto solo danni perchè se prima si era costretti a fare due passi (quindi movimento fisico giornaliero) ora neanche più quello (fatto gravissimo tra gli adolescenti). La ebike è diversa sotto questo punto di vista ma non sufficientemente "forte" da spodestare la mobilità passiva. Comunque sempre buono un confronto
    • Questo commento non è pubblicato.
      Leo · 2 mesi fa
      @Sante71 Sono d'accordo solo in parte.
      Con politiche d'incentivazione e informazione serie e corrette (non solo distribuire milioni a caso...) la conversione verso una mobilità più sostenibile che includa ebike e bici muscolari è possibile. Inoltre più gente pedala e più può essere fatta pressione politica da questo punto di vista. 
      Certamente l'impatto delle batterie è notevole, non c'è dubbio, ma come già detto, va considerato il punto di partenza. 
      Inoltre a mio parere le bici elettriche possono avere un ottimo impatto anche sulla salute delle persone che sono incentivate al movimento senza troppo sforzo e questo porta anche ad un alleggerimento del nostro sistema sanitario nazionale che non se la passa così bene. 
      Insomma, a mio parere mettendo tutto sul piatto della bilancia, vedo positivamente l'utilizzo della bici elettrica (altrimenti non l'avrei usata 😁) e la sua diffusione... 
    • Questo commento non è pubblicato.
      Sante71 · 2 mesi fa
      @Leo sullo switch auto-ebike non ci conterei molto perchè sono due forme di mobilità molo diverse mentre l'impatto delle batterie non è solo nello smaltmento ma soprattuto nella loro produzione (vedi estrazione del litio e altre terre rare). Solo una diversa tipologia di batteria potrà rappresentare la vera svolta. Oggi è soltanto  l'ennesima trovata per movimentare un mercato maturo (sia quello delle auto che quello delle bici).
    • Questo commento non è pubblicato.
      Leo · 2 mesi fa
      @Sante71 Ormai le ebike sono una realtà del presente e non del futuro e continueranno a crescere. 🤙
      Il problema delle batterie esiste e andrà affrontato, ma secondo me se solo una piccola percentuale permetterà di convertire l'utilizzo di veicoli con il motore a scoppio l'impatto verrà abbattuto. Va sempre considerato il punto di partenza per queste valutazioni. 👍

    • Questo commento non è pubblicato.
      Leo · 2 mesi fa
      @Sante71 Sì, decisamente non paragonerei monopattino e bici. In ogni caso in Italia purtroppo questo rischio c'è ed è reale anche per le ebike.
      Per questo dicevo che è necessaria una forte e seria campagna di incentivazione e informazione (e aggiungerei disincentivazione dei mezzi motorizzati).
      Un giro, ad esempio, a Bolzano, da parte di molti nostri amministratori locali, potrebbe essere utile da questo punto di vista 😉

      Grazie comunque per le tue risposte che, come dici, sono ottimi spunti di riflessione e confronto 👍
4 giorni in viaggio in bici dal Garda all'Adriatico lifeintravel.it
Leo

ITA - Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita. Sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato e dedica gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Europa, Asia, Sud America e Africa con Vero, compagna di viaggio e di vita e Nala.

EN - Slow cycle traveler with a passion for writing and photography. If he is not traveling, he loves to get lost along the thousands of paths that cross the splendid mountains of his Trentino and the surroundings of Lake Iseo where he lives. Both on foot and by mountain bike. Eternal Peter Pan who loves realizing his dreams without leaving them in the drawer for too long, has dedicated and dedicates a large part of his life to bicycle touring in Europe, Asia, South America and Africa with Vero, travel and life partner and Nala.

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su