fbpx

Unisciti alla LiT Family



I borghi della Balagne in Corsica in bicicletta

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
La luce tiepida del sole del mattino illumina L'Ilè Rousse, una delle perle della Corsica del nord. Ho deciso che stamattina esplorerò alcuni borghi della Balagne in bicicletta, la Corsica dopotutto si presta veramente bene a questa attività! Forse scoverò i più suggestivi partendo proprio da Place Pascal Paoli, intitolata all'indipendentista corso, u babbu di a patria..
Dal centro di L'Ilè Rousse, dopo essere passata a salutare Pascal, raggiungo la strada principale per Calvi per poi inerpicarni verso la torretta in rovina.
Complice le indicazioni mancanti e la convinzione di essere sulla retta via, smarrisco la strada dopo meno di un chilometro ritrovandomi a gironzolare su me stessa più e più volte...
Life in Travel Diaries
Sono disponibili i Life in Travel diaries, libri fotografici con tanti racconti di viaggio scritti dai cicloviaggiatori per i cicloviaggiatori. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 
 

L'ascesa a Munticellu

 
Maledizione, ho sbagliato strada. Il miraggio della torre mi ha teso una trappola e, in pochi minuti, ho già macinato un dislivello inutile su sterrato.
La strada per Munticellu sale regolare regalando scorci da mille e una notte. Che l'acqua del mare sia limpida è un dato di fatto, ma che si riesca a vederla anche dall'alto e da una discreta distanza mi colpisce non poco. Si sale e si soffre (un pochino!) per il caldo soffocante, ma Munticellu si avvicina inesorabile. Abbarbicato sulla montagna sopra L'Ilè Rousse, Munticellu è uno dei borghi della Balagne che ha qualcosa da raccontare a chi lo visita... Sapete ascoltarlo? Potrebbe narrarvi di quando Napoleone si fermò in paese per qualche giorno per esempio. Gironzolo un po' senza trovare la Maison Malaspina (o forse trovandola ma senza rendermene conto!) dove soggiornò il condottiero. Alla rotonda del paese non posso sbagliarmi: a sinistra si segue per Spiluncatu!
 

Verso Spiluncatu in bicicletta: che fatica!

 
Da Munticellu un cartello indica una distanza di 15 km a Spiluncatu. Costeggio la vallata tenendomi in quota e godendo dei continui scorci su Isula Rossa e la costa sottostante. Un biker appare all'orizzonte, stà venedo dalla strada che seguirò... la tentazione è di chiedergli qualche informazione ma forse è meglio attendere la sorpresa per... sorprendersi di più!
Passano paio di chilometri e la strada aggira la montagna per poi iniziare a scendere con decisione.L'Ile Rousse dall'alto
Il fondo non è il massimo ma aprendo la forcella i colpi si sentono meno e posso quasi rilassarmi osservando i paesaggi intorno. Il traffico è inesistente fatta eccezione per qualche turista avventuratosi in queste lande ancora poco conosciute per caso. La discesa inizialmente mi diverte, ma dopo qualche chilometro inizia a spaventarmi: se si scende così tanto poi si risalirà, oh no!!! Le previsioni purtroppo si rivelano azzeccate e dopo aver incontrato i binari ferroviari (incredibile che il treno passi anche di qui!) a Regino, la strada ricomincia a salire con pendenze dolci ma decise. Un rapace, forse una poiana, plana sopra di me tenendosi a soli due metri di distanza: non ci posso credere!!! Scatto per cambiare obiettivo alla macchina fotografica, se riuscissi a montare il teleobiettivo, lo immortalerei e sarebbe la prima volta così vicino... ma i miei pensieri sono più lenti del battito d'ali del rapace che si dilegua in pochi secondi fra la folta vegetazione. Ogni tratto della strada si interseca con dei sentieri che portano allo stesso luogo: chissà se in montain bike siano praticabili...Rapaci in volo
All'incrocio con la D71 per Calvi la distanza per Spiluncatu è irrisoria, solo 4 km di salita anche se a me sembrano ancora tanti.
Ricomincia la pedalata, ma stavolta è più affaticata. Bevo, mi fermo, scatto una fotografia, perdo un sacco di tempo. Spiluncatu è poche decine di metri sopra la mia testa ma non lo vedo ancora. Altri borghi della Balagne invece si mostrano pittoreschi in tutti i loro colori e particolarità dall'altra parte della vallata, uno deve essere Belgodere, un nome che dice tutto. Anche il lago di Codole formato dall'omonima diga si fa vedere a fondovalle, chissà se si avrà il tempo di avvicinarsi un po'...
 

Nella roccia

 
Al primo sguardo Spiluncatu mi delude: non vedo grandi rocce a sovrastarlo nè particolarità incredibili che possano farmi dire "Ohh Spiluncatu è magnifica!", no niente di tutto questo. Pedalo per il paese alla ricerca di qualcosa che mi faccia cambiare idea. Salgo oltre la piazza principale ritrovandomi in un'altra piazzetta deserta. Con la coda dell'occhio noto dei movimenti sospetti: rondini, cornacchie e anche due simpatici cardellini svolazzano a destra e sinistra come se stessero giocando. piazza spiluncatuLa facciata della chiesa risale al XVI secolo ma non mi ammalia per davvero, quello che spinge a sedersi e ammirare il luogo è l'insieme di edifici accostati, quasi per caso, l'uno all'altro in modo perfetto. L'armonia dei colori e dell'architettura mi trasmettono un grande senso di tranquillità, ne avevo bisogno. Non comprendo la reale bellezza di Spiluncatu fino a quando non lascio la cittadina in direzione di Nessa. Il borgo è davvero un tutt'uno con le rocce su cui è stato costruito e da questa parte si vede bene; mi ricorda Pentedattilo, nel profondo sud della Calabria, solo che il fratello corso è più valorizzato e promosso.spiluncato
Scendo lentamente: voglio assaporare ogni istante e ogni panorama che mi si presenti di fronte e poi la via dopo Spiluncatu è fantastica da pedalare: stretta, ma non troppo, un po' accidentata, a strapiombo sulla valle sottostante, nel bel mezzo della macchia mediterranea. Prima di Nessa la strada torna ad essere pianeggiante nonostante tagli la montagna. Sulla strada del vino sono presenti diverse aziende vinicole, peccato non potersi fermare, inoltre questa è zona di cinghiale, un piatto assolutamente da assaggiare!!! Oltre Feliceto seguirò il Regino in direzione di L'ilè Rousse sperando di non impiegarci tutto il giorno...
 

Un ultimo saluto a Pascal Paoli

 
Si scende (non gioisco mai quando si scende troppo perchè poi.... c'è la sorpresa!) e il lago artificiale sembra sempre più vicino. Le acque sono immobili, come disegnate. Un saliscendi facile e il borgo di Sant'Antonino appare sulla cima di una collina, suggestivo e invitante ma... non ho voglia di salire ancora così tanto, sono già piuttosti stanca!!! sant antoninoSenza neanche rendermene conto giungo a L'Ilè Rousse per la stessa strada scoperta per caso all'inizio del percorso, quando in bicicletta avevo smarrito la via, una giusta chiusura del cerchio di questo itinerario ciclabile davvero piacevole.
Pascal è sempre in piazza, immobile ad attendere un po' di attenzione dalle migliaia di turisti indaffarati in altro.
 
L'itinerario di cicloturismo sopra descritto fa parte di un viaggio in bicicletta in Corsica del quale trovate la prima tappa a due ruote a Saint Florent qui. Il tour dei borghi della Balagne (Corsica) ve lo sconsigliamo nella stagione più calda!
 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!