Leonardo

Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
URL del sito web: http://www.lifeintravel.it
Prosegue la mia avventura in Nuova Zelanda e stà diventando sempre più all'insegna dello sport all'aria aperta, esattamente come piace a me. Dopo il trasferimento da Wellington a Picton, incastonata tra i fiordi della meravigliosa area dei Marlborough sounds, ho trascorso un paio di giorni in MTB lungo il famoso single track che segue il Queen Charlotte sound. Da qui mi sono trasferito a ovest, passando per la cittadina di Nelson e risalendo la costa fino al più piccolo parco nazionale neozelandese. Sulla costa dell'Abel Tasman National Park, costellata di baie e spiagge nascoste, ho remato tra le foche su un piccolo kayak per poi rientrare nella civiltàpasseggiando lungo il sentiero costiero dino al limite inferiore del parco. Di qui la mia strada si è diretta a sud fino a St. Arnaud, piccolo borgo al limite del Nelson lakes National Park, sulla sponda del Rotoiti lake che impreziosisce le propaggini settentrionali della catena alpina. Seguendo il Buller river ho raggiunto Westport da dove ho iniziato il mio viaggio lungo la West coast. Punakaiki e le Pankake rocks, il lake Mahinapua ed i ghiacciai Franz Joseph e Fox nel Westland Tai Poutini National park sono state le mie soste prima di  rientrare verso est all'altezza di Haast, valicando l'omonimo passo e scendendo lungo i lake Wanaka e Hawea fino alla cittadina di Wanaka dove resterò un paio di giorni per qualche escursione nel Mt. Aspiring National Park.
Raffaele, un amico oltre che un grande cicloviaggiatore, ci aveva già anticipato la sua volontà di percorrere la Scozia in bici, anzi in mountain bike per essere precisi, qualche mese fa ed al suo rientro lo abbiamo sentito per chiedergli come sono andate le cose. La pioggia non ha rovinato il sogno di Raffaele che ha percorso la Scozia in bici da sud a nord e viceversa. Dopo aver vagato per mezza Europa ed oltre, quest'anno si è concesso un tuffo nella storia...
Il colore ocra della terra bruciata dal sole della Maremma contrasta con il campo appena arata dal passaggio di un trattore sulle colline toscane.
Un suggestivo passaggio di alcuni escursionisti sulla via ferrata delle Bocchette Centrali nelle Dolomiti di Brenta in Trentino
 
Sospesi nel vuoto - 5.0 out of 5 based on 2 votes
Una piccola bambina riposa tra le braccia della madre, assopita tra i colori messicani del suo sacco.Foto di Fabio Ruggeri
Il riposo degli angeli - 5.0 out of 5 based on 2 votes

A quasi cinquant'anni di distanza da quella tragica notte del 9 ottobre 1963 in cui il monte Toc sprofondò nelle acque del lago creato dalla diga del Vajont, fermandosi lungo la strada che conduce in val Cellina si possono trovare casolari abbandonati e devastati dalla potenza delle acque che uccisero quasi 2000 persone. Questo scatto ritrae un angolo cucina di uno dei casolari abbandonati.

 

A Essaouira la varietà dei colori dei pescherecci carichi di cassette è incredibile, soprattutto dopo giorni passati tra le montagne, dove gli occhi si erano abituati al contrasto tra l'azzurro del cielo e le sfumature ferrose della terra, e la luce del tardo pomeriggio è ideale per gironzolare al porto e scattare qualche foto, immaginandosi il tempo in cui la città era il punto di approdo delle navi mercantili pronte a rifornirsi di spezie, stoffe e porpora..

Questa foto di Paola Tartaglino si è aggiudicata il primo premio nel concorso ViviViaggiando organizzato da Life in Travel e di conseguenza è eletta foto del mese di Maggio 2012.

 

 
Un particolare del villaggio industriale di Crespi d'Adda, patrimonio dell'umanità dell'UNESCO e tipico esempio di architettura industriale.
 
Un'aquila pescatrice a Penang, Malesia, ha catturato la sua preda e se la porta al nido per il pasto
 
L'azure window di Gozo, qui ritratta al tramonto, è una delle maggiori attrazioni dell'isola maltese.
 

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
Torna su