fbpx

Unisciti alla LiT Family

 


Birmania: Aung San Suu Kyi eletta... la luce in fondo al tunnel?

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
 
 
Aung San Suu Kyi... questo nome significherà poco per molti di voi ma per il popolo birmano è una leggenda! Questa donna minuta e dall'apparenza fragile è il simbolo della lotta al regime militare che da anni governa dispoticamente il Myanmar (ex Birmania). E' il simbolo della libertà, della pace (è stata anche insignita del premio Nobel per la pace) e della speranza per un popolo tragicamente nobile e povero allo stesso tempo e per tutti i rifugiati birmani in Thailandia e altrove. La leader dell'opposizione birmana, liberata nel novembre 2010 dopo sette anni agli arresti domiciliari e quindici di detenzione è stata eletta in parlamento ottenendo una vittoria schiacciante nella sua circoscrizione...solo il tempo potrà dirci se questo è l'inizio di una nuova era per la Birmania ed il suo popolo.
ritorno a occidente indice Georgia
Sono arrivati i 2 volumi di Ritorno a Occidente, libri fotografici dedicati al nostro viaggio in bici attraverso la Georgia e la Turchia, tra le alte vette del Caucaso e le lande anatoliche. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 
Domenica 1 Aprile 2012 non è un giorno normale per la Birmania! Non lo è perché le elezioni suppletive tenutesi in Myanmar hanno decretato una vittoria schiacciante per Aung San Suu Kyi ed il suo partito, la Lega Nazionale per la Democrazia. Il partito ha presentato un candidato in 44 seggi  ed ha vinto in tutti (le elezioni dovevano assegnare 45 seggi su 1160 di cui il 25% è detenuto per diritto dal partito militare di regime al governo). Ma il difficile, per l'eroina birmana e per la libertà nel suo paese, arriverà adesso: già nel 1990 Aung San Suu Kyi vinse le elezioni, che però vennero annullate, incarcerando la Suu Kyi e imponendo la legge marziale. Speriamo che le cose questa volta procedano in una direzione opposta, consentendo al popolo birmano ed alle sue mille etnie di avere una voce ed una rappresentanza politica in parlamento.
Negli ultimi mesi il nuovo presidente ha fatto concessioni insperabili fino a poco tempo fa: la liberazione dei prigionieri politici, la legalizzazione della Lega Nazionale per la Democrazia e l'allentamento della censura... ma la strada è ancora tutta in salita e queste mosse del governo potrebbero essere soltanto fumo negli occhi per convincere i governi occidentali ad allentare le sanzioni tutt'ora in atto nei confronti del Myanmar, sostenuto fino ad oggi, dal potente ma pesante alleato cinese. La speranza si è accesa in Birmania, e con essa la fiducia nell'esistenza di un mondo migliore!
 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Leo

ITA - Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita. Sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato e dedica gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Europa, Asia, Sud America e Africa con Vero, compagna di viaggio e di vita e Nala.

EN - Slow cycle traveler with a passion for writing and photography. If he is not traveling, he loves to get lost along the thousands of paths that cross the splendid mountains of his Trentino and the surroundings of Lake Iseo where he lives. Both on foot and by mountain bike. Eternal Peter Pan who loves realizing his dreams without leaving them in the drawer for too long, has dedicated and dedicates a large part of his life to bicycle touring in Europe, Asia, South America and Africa with Vero, travel and life partner and Nala.