Stampa questa pagina

Bijan, un iraniano in bici per il mondo

Pubblicato in Viaggiatori
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Avevamo appena oltrepassato il confine laotiano e messo piede in Cambogia: la strada era dritta, piatta nel cuore della giungla cambogiana. Pochissime auto passavano... e all'orizzonte ecco arrivarci incontro due cicloviaggiatori carichi di borse: uno di loro era Bijan, iraniano espatriato in Canada. Un ragazzo spigliato, divertente... abbiamo solo scambiato due chiacchiere ma subito ci è stato simpatico e così ora lo abbiamo contattato per chiedergli di raccontarci qualche cosa di più su di lui... ecco cosa ci ha detto questo viaggiatore curioso e atipico, un po' filosofo e un po' guascone.

Chi sei?

Ecco... chi sono? Questa non è una domanda facile a cui rispondere! Se sapessi la risposta, probabilmente non sarei qui su questo pianeta :)) Credo di non essere nessuno!!! Perché se sei qualcuno allora hai un sacco di spiegazioni da dare! Io ancora non so chi sono, da dove sono venuto, perché sono qui su questo pianeta e dove sto andando! Bene, la mia famiglia e gli amici mi chiamano "Bijan". E so per certo che mi piace molto pedalare :) e sono innamorato della natura e degli animali. Sono vegetariano perché credo non sia giusto uccidere gli animali e nutrirsi di loro! E sono decisamente a favore di quello che Leonardo Da vinci una volta disse: "Verrà il tempo in cui gli uomini come me guarderanno l'uccisione degli animali come ora guardano l'assassinio degli uomini".

Cos'hai fatto negli ultimi anni?

Non molto! Come disse un filosofo una volta: "La strada per il fare è l'essere" Quindi io ho semplicemente provato ad essere.

Quale paese è stato il più interessante?

Sono stato in molti paesi, ma non sempre con la mia bici. Dal punto di vista del cicloviaggiatore, adoro la Thailandia perchè i paesaggi sono strepitosi, gli automobilisti sono tutto sommato O.K., iI cibo è buono e gli alloggi sono relativamente economici.

Ci racconti un episodio curioso accaduto nel tuo ultimo viaggio?

In realtà non ho una risposta a questa domanda. Per riassumere un po' una lunga storia, non ho una risposta perchè credo che se trovo qualche fatto strano non è perché esso è realmente STRANO! E' come che la mia mente decide di elaborare l'occasione o qualsiasi cosa essa sia! Quindi se qualche cosa sembra particolare, è soltanto a causa del modo in cui io stò guardando quella cosa!

Piani per il futuro?

Sto pianificando un viaggio in Turkmenistan, Tajikistan, Kazakhstan, Uzbekistan, Tibet e Cina... e Sud Est Asiatico ed il resto ancora non lo conosco...

Quando ci incontreremo ancora, e dove?

Beh, non vorrei saperlo. Se nel mio destino è scritto che vi incontrerò nuovamente, accadrà quando sarà tempo...:) Detto ciò tuttavia, fatemi sapere se deciderete di visitare l'Iran o il Canada, e se sarò in zona sarò più che onorato e felice di ospitarvi e, se possibile, farvi da Cicerone.
Allora Bijan, grazie, a presto e buone pedalate!
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.
Sito web: www.lifeintravel.it