Abbonamento nazionale bici + treno, un primo passo

Pubblicato in Attualità
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto

Da qualche settimana sta facendo discutere una petizione riguardante il problema del trasporto bici in treno: in Italia non esiste ancora un abbonamento treno + bici annuale uniforme in tutte le regioni. Per chi è abituato, o si sta abituando, ad utilizzare la bicicletta per raggiungere il posto di lavoro, caricare il proprio mezzo sul treno quotidianamente significa avere, soprattutto in certe situazioni, un costo annuale spropositato...

Un primo colloquio con i dirigenti di Trenitalia è stato già avviato a seguito dell'enorme successo della raccolta firme nella campagna pubblica su Change.org (potete ancora firmare al link precedente!) e il confronto per avere un abbonamento bici + treno decente va avanti... ma sarà sufficiente?
La proposta di uniformare l'abbonamento annuale su tutto il territorio italiano è un primo tassello importante nella creazione di una cultura basata sulla sostenibilità. Se venisse data ai ciclisti la possibilità di pagare un abbonamento annuale per usufruire di un servizio quotidiano sarebbero in molti a sottoscriverlo.
In Italia però manca anche un numero adeguato di treni per il trasporto bici: ricorderò sempre quando, dopo aver percorso la ciclabile del Mincio, mi trovai ad incastrare la bicicletta tra i sedili del regionale Mantova - Verona insieme ad altri sette cicloviaggiatori tedeschi basiti. Avevamo pagato 3,5€ a testa per avere quale tipo di servizio?
L'Italia negli ultimi anni ha iniziato ad investire qualcosa in più nello sviluppo della rete ciclabile provinciale, regionale e nazionale (esempi sono l'Alpe Adria Radweg, la VenTo, alcune vecchie ferrovie riconvertite in tracciati adatti alla bicicletta, le piste ciclabili del Trentino e dell'Alto Adige anche se ormai ci sono da decenni...),  una manna dal cielo per i milioni di ciclisti che sognano di girare il Bel Paese in bicicletta.
Il cicloturismo può essere un pistone davvero importante nel motore dell'economia italiana ma per renderlo veramente funzionante è necessario un coordinamento tra le parti tirate in causa. Se percorro una ciclabile, creata investendo milioni di euro, devo poi poter avere la certezza di tornare al punto di partenza usufruendo di un servizio.
Quel servizio così indispensabile potrebbe darlo Trenitalia... in che modo?
  • incrementando il numero di vagoni per il trasporto biciclette;
  • rendendo più accessibili i suddetti vagoni (eliminando gli odiati scalini e i paletti delle porte magari ispirandosi ad alcuni piccoli esempi italiani come la Trento - Malè o la ferrovia della Val Venosta);
  • incrementando i treni che possono trasportare le biciclette e incentivandone quindi l'utilizzo;
  • migliorando i vagoni per le bici con rastrelliere comode ed ordinate;
  • segnalando la posizione del vagone bici di ogni treno per evitare a chi viaggia a due ruote di correre da una parte all'altra della banchina rischiando di perdere il passaggio;
  • permettendo il trasporto bici tutto l'anno senza limitarne il numero come accade, per esempio, in Valsugana dove la linea ferroviaria che supporta la pista ciclabile passa dalle 32 postazioni-bici in estate alle 2 in inverno.
Possiamo ancora trasformare l'Italia in un paese ciclabile e ambito dai cicloviaggiatori di tutto il mondo... e allora perchè non provarci pedalata dopo pedalata?
Veronica

Classe 1983 (mi han detto che ne sono nati di matti quell'anno...), abito nel bellissimo Trentino da qualche anno e la fortuna (o sfortuna) mi ha fatto incontrare Leo con cui ora vivo e scrivo su lifeintravel.it Dopo aver girato l'Europa e l'Italia con i miei genitori, per la maturità mi sono regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano a Praga (un fiorino ha interrotto il nostro viaggio verso Mosca facendoci ribaltare su una strada slovacca). Dopo aver cambiato mille lavori (pasticcera, agente di viaggio, venditrice di gabinetti, addetta alle lamentele in un call center, barista, cubista ehm, questo non ancora!...) ed aver viaggiato due volte in Messico, ho mollato tutto senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ho bighellonato per cinque mesi. Nel 2010 con Leo sono partita per un lungo viaggio in bicicletta nel sud est asiatico. Ora, fra un'escursione in montagna ed un'avventura, sogno e risogno la Panamericana sulle due ruote!!! Ecco in poche parole chi sono: cicloviaggiatrice per scelta, pasticciona a tempo pieno, mountain biker per caso, quando non viaggio ne sto combinando una delle mie...
Sito web: www.lifeintravel.it

Aggiungi commento

 
 
 

Salta in sella con noi

Ciao, siamo Leo e Vero, se vuoi ricevere tanti suggerimenti, informazioni e itinerari per viaggiare in bici e in MTB, iscriviti qui per restare sempre aggiornato
Privacy e Termini di Utilizzo

Recenti

  1. Articoli
  2. Commenti

Pedalando Aotearoa

Scarica gratuitamente il libro Pedalando Aotearoa - L'isola del Nord sul viaggio in bicicletta in Nuova Zelanda.
Pedalando Aotearoa

Seguici su Google+

Ultime dal forum

Altre discussioni »

Ci trovi anche su

Cicloguide
La nostra esperienza di cicloviaggiatori e la voglia di condividere conoscenze ed emozioni ci ha portato a realizzare un portale dedicato al cicloturismo, il viaggio lento e senza stress. Da poco è nato cicloguide.it dove troverete Guide di viaggio in bici consultabili online e scaricabili in formato elettronico.
I nostri viaggi ci hanno portato in giro per il mondo, sempre al risparmio: su Mondo Lowcost trovi le nostre recensioni e guide di viaggio Lowcost. Scopri alloggi e locali a basso costo in tutto il mondo e contribuisci consigliando agli altri viaggiatori le strutture in cui sei stato tu.
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi news, consigli e
itinerari per organizzare il tuo prossimo viaggio in bici
 
 
 
 
Questo sito web utilizza cookie per ottenere statistiche e mostrare la pubblicità più interessante. Se continui a navigare accetti l'istallazione di tali cookie Maggiori informazioni Ho capito