Vota questo articolo
(0 Voti)

In bici nelle pianure centrali della Thailandia

Le bancarelle sulla strada sono identiche alle centinaia di altre presenti in qualsiasi città o villaggio: un carretto da trasportare a mano o con lo scooter, un ampio ripiano su cui sono adagiate varie vaschette con il cibo appena cotto, dolce o salato, una bombola per alimentare i fornelli ed alcune padelle in cui versare gli ingredienti richiesti. Al fianco di piatti tradizionali thailandesi come il pad thai ed il kha phrao moo ce ne sono altri un pò particolari. Siamo a Phitsanulok, la città degli insetti fritti e sui vassoi fanno bella mostra di sè cavallette, blatte, vermicelli, larve e scarafaggi: sembrano croccanti!
Non troviamo però il coraggio di assaggiarli e così, dopo aver ispezionato la merce per un pò ed esserci convinti ad acquistare qualche insetto, troviamo la scusa del prezzo, valutando troppo elevata la spesa minima richiesta di 20 baht (0,50€).
Phitsanulok è una cittadina di provincia delle pianure centrali thailandesi ed oltre ad essere piuttosto trafficata è la sede del tempio Wat Se Phra Mahathat in cui è presente una statua del Buddha coronata da un ornamento in legno dorato particolarmente pregiato. La nostra visita capita il sabato e quindi troviamo tutti i fedeli thailandesi riuniti in preghiera. Il tempio merita una sosta così come il Wat Ratburana dove è possibile ammirare la barca di re Rama V, ma siamo in questa zona per poter visitare il parco storico di Sukhothai, una sessantina di chilometri più ad ovest.
Inforcate le biciclette ci perdiamo per le vie di Phitsanulok e oltre l'ennesimo svincolo veniamo catturati dalla voce cantilenante di una preghiera invocata attraverso un altoparlante fissato ad un'auto. Poco distante assistiamo ad una processione arancione che avanza porta a porta a piedi nudi: sono monaci che passano per ritirare le offerte porgendo i loro vasi di ottone o ferro battuto alla gente in attesa sul ciglio di casa o del negozio. La particolarità di questa processione un pò disordinata sta nell'età dei suoi componenti: tutti i monaci vestiti con il loro tipico sarong sgargiante sono piccoli bambini tra cui il più anziano avrà al massimo 10 anni.

A differenza della quieta ed assonnata città moderna, l'antica città di Sukhothai deve essere stata vivace e movimentata. A testimonianza dell'antico splendore nel parco premiato anche dall'inserimento nella lista UNESCO quale patrimonio culturale, resta la vastità del complesso sacro. Vari templi con grandi stupa ed immagini del Buddha ricoprono un'area di qualche ettaro ed ancora una volta la bici si rivela il mezzo ideale per visitare la zona. Tra un tempio ed il successivo abbiamo l'opportunità di mangiare le banane fritte acquistate lungo la strada, addolcendo così la nostra esplorazione che si conclude con due chiacchiere fatte con Eva e Mike, due tedeschi cicloviaggiatori che stanno percorrendo le strade del sud-est asiatico in sella ad una MTB e ad una recumbent (questo il loro sito). Ci diamo appuntamento in Laos per Natale e con questa promessa salutiamo loro e le pianure thailandesi.

Questo articolo fa parte del diario di viaggio tenuto in diretta del progetto Downwind. Se volete leggere le altre puntate, ecco qui tutti gli articoli dei nostri dieci mesi in bicicletta nel sud est asiatico

{phocagallery view=category|categoryid=148|limitstart=0|limitcount=0}
Scrivi qui quel che pensi...
Cancella
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

L'ora di Mondo

ora di mondo simona in patagoniaDal Cilento al Cile, dalla Via Silente ai silenzi patagonici... un viaggio in bici verso la Fin del Mundo

Viaggia con Simona

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Unisciti ad altri 12.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!
Torna su