fbpx
Abbonati alla LiT Family
Abbonati alla LiT Family per accedere a tanti contenuti esclusivi e ricevere il magazine Impronte
Vota questo articolo
(2 Voti)

Asinara in bici: pedalare nel silenzio

Tante volte mi è capitato di stupirmi, viaggiando in bicicletta. Ogni volta che mi rirovo in un nuovo angolo di paradiso da raccontare, sono contento sia di vivere un'esperienza unica e speciale, ma anche perché sarò poi in grado di condividerla con i lettori di Life in Travel. Questa volta è toccato alla splendida isola dell'Asinara in bici, scoperta durante l'ultimo breve viaggio in Sardegna. L'itinerario che ti propongo in questo articolo ripercorre le esperienze appena vissute, con qualche suggerimento per rendere la tua avventura davvero unica.

vecchie ferrovie in bici
È uscito il nostro e-book sulle vecchie ferrovie: 33 itinerari in bici dalle Alpi alle Isole. Informazioni, tracce GPS, curiosità e descrizioni accurate per scoprire l'Italia in sellaLo voglio subito

Dati tecnici

Asinara in bici

DETTAGLI ITINERARIO
Partenza/Arrivo   Cala Reale/Fornelli
Tempo    5-6 ore
Dislivello 
720 m circa 
Lunghezza  42 km 
Tipologia di strada 
Asfalto 70% 
Sterrato 30% 
Bici consigliata 
Gravel 
Bici da viaggio
MTB
VALUTAZIONE
Difficoltà Medio
Panorama Splendido
QUANDO ANDARE
MarzoAprileMaggioGiugno
SettembreOttobreNovembre

Scoprire l'isola dell'Asinara in bici è una delle più affascinanti esperienze che ho vissuto da quando pedalo. Il titolo dell'articolo non è casuale: pedalare in un territorio così selvaggio è arricchito dal fatto che non ci sia altro che una sola strada, dal sud dell'isola al nord, popolata principalmente da amichevoli asinelli e qualche capretta in libertà. E qui arriva il silenzio: gli unici suoni che sentirai saranno il vento che muove le piantagioni di mirto, i ragli degli asini e l'impetuoso frangersi delle onde sugli scogli lungo il percorso.

Asinara in bici bella con torre

Asinara in bici: partenza da Cala Reale

Assieme alla compagna di avventure Martina abbiamo trovato una giornata perfetta a inizio novembre per lanciarci alla scoperta dell'Asinara in bici. Dopo essere partiti da Porto Torres in traghetto, verso le 9.30 del mattino sbarchiamo sulla piccola isola, mentre il cielo sembra aprirsi dopo giorni di piogge torrenziali. I traghetti Asinara che partono da Porto Torres sono pochissimi in questo periodo dell'anno - il martedì, il venerdì e la domenica, uno per l'andata e uno per il ritorno nello stesso giorno - e l'Ostello dell'Asinara è attualmente chiuso quindi, essendo vietata ogni forma di campeggio o bivacco, si può visitare l'isola solo per qualche ora durante la giornata. Il mio consiglio è di sfruttare ogni attimo della tua presenza sull'isola. Se ti affascinano i luoghi poco frequentati e vuoi pedalare sull'Asinara in bici alla scoperta della storia e delle particolarità di quest'isola, segui questo itinerario.

Asinara in bici cala reale

Appena giunti a Cala Reale, piccolo porto nella parte centro-orientale dell'antica isola Sinuaria, ci troviamo di fronte al palazzo principale del borgo di fine XIX secolo, residenza dei Savoia. Gli edifici, un tempo colonia penale, lazzaretto, ospedale e stazione di quarantena, sono divenuti sedi dell’ente gestore del Parco Nazionale dell’Asinara (nell’ex Palazzo Reale) e di servizi turistici. Qui vicino, meritano una visita anche la chiesa e la cappelletta austro-ungarica, recentemente ristrutturate.

Da qui ci avviamo verso est e poi verso nord, sull'unica strada cementata, verso Cala d'Oliva, di cui ti parlerò poco sotto. A est del Palazzo Reale è presente un complesso costituito da un grande edificio sanitario, i magazzini della Sanità, i locali per la disinfezione delle persone sospettate di malattie infettive. Dal centro visite di Cala Reale partono il sentiero della Memoria, che consente di ripercorrere a ritroso le fasi principali della storia dell'isola, e il sentiero dell'Asino Bianco, nel quale è frequente l'incontro ravvicinato con questi animali allo stato brado.

Asinara in bici asinelli bianchi

Continuando il nostro tour dell'Asinara in bici passiamo per il piccolo borgo abbandonato di Trabuccato, un tempo parte del sistema carcerario dell'Asinara (che contava circa una decina di "distaccamenti", ognuno dedicato a tipologie differenti di detenuti). Istituito dopo la prima guerra mondiale, qui venivano mandati i detenuti pericolosi, ma non come quelli che soggiornavano a Fornelli, poiché qui si poteva coltivare una vigna di circa 5 ettari.

Asinara in bici dir trabuccato

Asinara in bici trabuccato

Guardando verso il mare, dopo un rapido saluto agli asini bianchi particolarmente amichevoli, scorgiamo la Torre Trabuccato che svetta orgogliosa a 30 metri d'altura dominando la propaggine di terra. Meriterebbe sicuramente una visita a sé. Ci fa pensare al cammino delle 100 torri, itinerario che corre lungo tutto il periplo della Sardegna.

Asinara in bici con torre sfuocata martiProseguiamo il nostro tour in bicicletta per visitare l'Asinara: dopo un primo tratto piuttosto pianeggiante inizia la vera prova: la strada si fa sinuosa e si alza, permettendoci di pedalare in cresta per qualche chilometro, in un tripudio di vento, colori, profumi e silenzio.

Asinara in bici salita con drone

Dietro questa collina ci attende una discesa indimenticabile, fatta di numerosi tornanti, alla fine dei quali si scorge finalmente Cala d'Oliva, il borgo delle case bianche, che ci aspetta.

Asinara in bici discesa per oliva

Asinara in bici: Cala d'Oliva e la Diramazione Centrale

Con il volto riscaldato dalla salita e sferzato dal vento della discesa, dopo un ultimo strappetto affrontabile, si raggiunge la Torre aragonese del XVII secolo, da dove si può godere di una vista spaziale sul piccolo borgo bianco.

Asinara in bici carcere drone

Cala d'Oliva nacque spontaneamente come borgata marittima per poi essere espropriata, trasformata in colonia penale e integrata nel sistema carcerario dell'Asinara. Poche erte viuzze conducono dalla parte più bassa (con il porticciolo e l'ex Foresteria Nuova che ospitò Falcone e Borsellino durante la lstesura della loro istruttoria al Maxiprocesso di Palermo) alla piazza centrale con la chiesa, poi all'Ostello e ancora più su verso il bunker di massima sicurezza che ospitò, tra gli altri, Totò Riina e infine, in cima al borgo la salita che conduce alla Diramazione Centrale del sistema carcerario di tutta l'isola.

Asinara in bici salita verso la dir

Oggi sede del Museo Osservatorio della Memoria (al momento della nostra visita - fuori stagione - chiuso), ci permette di visionare dall'alto tutto l'agglomerato di Cala d'Oliva, nonché di fare la conoscenza di altri asinelli selvaggi che popolano la zona e, dopo uno snack a base di pecorino sardo, salire su strada battuta verso un'altra sezione del carcere e i ruderi di Case Bianche, fino in cima a Punta della Scomunica (406 m). Il sentiero del Leccio giunge fino al piccolo bosco di Elighe Mannu e, insieme al sentiero del Faro, è parte dei due percorsi per esplorare la parte settentrionale dell'isola, fino alle zone più selvagge di Punte Scorno.

Asinara in bici guardaa

Sempre da Cala d’Oliva si può percorrere il sentiero di Cala Sabina, che consente di raggiungere in modo agevole l’omonima spiaggia. Il sentiero di Trabuccato riporta nella penisola che porta lo stesso nome, permettendo di attraversare l’antico oliveto, rinato da un progetto di recupero con l’Università degli Studi di Sassari.

Asinara in bici dir centr

Raggiunta la cima, non resta che tornare indietro (tutta discesa, stringi bene i freni!), ripassare per Cala d'Oliva, salutare un'ultima volta la Diramazione Centrale e ripercorrere a ritroso la strada fino a Cala Reale. Noi cerchiamo di non ripassare per gli stessi piunti e alterniamo un breve single track in riva al mare a una divertente strada sterrata che ci porta alla scoperta della seconda parte dell'Asinara in bici, passando per Campo Faro e Campo Perdu nell'omonima piana, dove un tempo i detenuti si occupavano di agricoltura nella zona. Non possiamo restare impassibili di fronte alla bellezza dei cavalli che ci accolgono qui.

Asinara in bici cavalliny

Asinara in bici: verso sud tra le carceri abbandonate

Il nostro tour dell'Asinara in bici ora scende inesorabilmente verso sud, passando di fronte all'Ossario Austro-Ungarico del 1936. Da qui sono poche le opere architettoniche che incontriamo, fino alla breve ma intensa salita sotto Punta Marcutza, che ci conduce al bivio per Tumbarino, altro distaccamento del carcere che ospitava detenuti con pene molto dure. Essi avevano il compito di fare scorte di legno e carbone.

Asinara in bici bici a terra

Lasciata quest'area, ci troviamo a metà isola.

Asinara in bici rientro per reale

Non ci resta che passare per la Laguna di Cala di Sgombro di Dentro, a fianco dei resti del Monastero Camaldolese di Sant'Andrea e ammirare da sotto i ruderi del possente Castellaccio, la fortezza che domina il massiccio granitico di Punta Maestra di Fornelli, per raggiungere infine la punta meridionale dell'isola, Fornelli.

Asinara in bici stradadrone

Escursioni Asinara in bici: rientrare da Fornelli-Stintino o no?

A Fornelli era ubicato il carcere di massima sicurezza, ampliato alla fine dell’Ottocento e utilizzato come tubercolosario durante la Seconda Guerra Mondiale.Oltre al carcere di massima sicurezza, uno dei tanti - come avrai notato - sull'isola, esci dal sentiero battuto e pedala o passeggia nella splendida natura del Parco Nazionale dell'Asinara: sarai travolto dai profumi inebrianti della vegetazione e dalla salsedine spinta dal vento. Asinara in bici dir centr droneIn questo punto si può scegliere di percorrere uno dei tanti sentieri, come il sentiero del Granito verso punta Barbarossa e Punta Li GIorri, oppure il sentiero del Castellaccio verso la mitica fortezza oppure ancora il sentiero dell'Acqua verso la parte occidentale dell'isola.

Asinara in bici offroad

Se come noi sceglierai di scoprire l'Asinara in bici nel periodo di bassa stagione, non avrai alternative al rientro verso Cala Reale mentre, se visiterai l'isola degli asini in alta stagione, da Fornelli potrai scegliere di non tornare a Porto Torres e navigare verso Stintino, altra nota località sarda, con un traghetto-taxi. In ogni caso l'esperienza è altamente consigliata, specialmente fuori stagione come noi: le persone sbarcate dal nostro traghetto sull'isola quel martedì mattina erano una decina, di cui 4 della Forestale.

Asinara in bici discesa con mare

Asinara in bici dir nello

Non ti ho ancora convinto a esplorare l'Asinara in bici? Guarda il video qui sotto e non ci saranno più scuse!

  • Cala Reale, dove sbarcherai col traghetto da Porto Torres, la porta di ingresso all'Asinara in bici;
  • Cala d'Oliva con la sua Diramazione Centrale e i numerosi sentieri per esplorare la zona;
  • Fornelli: con il suo carcere di massima sicurezza e la vista sul Castellaccio;
  • Salutare gli asinelli che popolano l'isola: non faticherai a trovarli.
  • Come raggiungo l'Asinara? Raggiungere l'asinara non è difficile: da Porto Torres partono alcuni traghetti - specialmente durante la bella stagione d'estate. Più informazioni sul sito di Delcomar, la compagnia che gestisce i traghetti. Sul traghetto è possibile caricare la bici con un sovrapprezzo, oppure puoi valutare il noleggio (a Cala Reale, Cala d'Oliva o Fornelli).
  • Come rientro dall'Asinara? Puoi scegliere di prendere il traghetto di ritorno per Porto Torres da Cala Reale oppure approfittare di un traghetto taxi per Stintino da Fornelli.
  • L'itinerario è segnalato? No, il percorso proposto è stato studiato da noi e non è segnalato, anche se è molto facile perché sull'Asinara c'è solo una strada asfaltata.
  • Sono presenti fontane o fonti d'acqua in generale? Lungo l'itinerario NON si trovano fonti d'acqua ma ci sono alcuni ristori dove fare rifornimento. Vedi la mappa per maggiori dettagli
  • Com'è la qualità della strada e del percorso sull'Asinara in bici? La qualità dell'unica strada affrontata dall'itinerario è buona tranne alcuni sterrati sassosie  impegnativi.
  • Itinerari collegati: questo itinerario può essere collegato a un più approfondito periplo della Sardegna di 1400 km in bici così come la Nurra in bici ma lo puoi anche collegare al percorso da Alghero agli stagni di Cabras. o inserire in quest'altro giro della Sardegna in bici
  • Quanto costa dormire sull'Asinara? Dormire all'Ostello dell'Asinara costa circa 30€ a persona, ma potrebbero esserci sostanziali differenze in alta stagione. Il consiglio è quindi, per ragioni economiche ma anche climatiche e soprattutto di affluenza, quello di viaggiare in questa zona fuori stagione, in primavera o autunno... certo, ferie permettendo!
  • Dove dormire sull'Asinara? Sull'Asinara si trova solo l'Ostello dell'Asinara.
  • Cosa mangiare sull'Asinara? La Sardegna e come questa anche l'Asinara è terra di mare e monti. Durante un viaggio in bici sull'Asinara potrai assaggiare i culurgiones importati dall'Ogliastra e i malloreddus oltre al pecorino e dolci tipici come il seadas.
  • Dove mangiare sull'Asinara? Ovviamente essendo una piccola isola non c'è molta scelta e i prezzi sono sicuramente sopra la media sarda. Però puoi trovare da mangiare qui: L'asino bianco a Cala d'Oliva oppure il Chiosco a Fornelli.
  • Sardegna Turismo: il portale ufficiale della Sardegna dove trovi informazioni e suggerimenti sull'isola
  • Parco Nazionale Asinara: il portale ufficiale del parco dell'Asinara con interessanti informazioni sull'isola
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Persone nella conversazione:
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.
  • Questo commento non è pubblicato.
    Leo · 9 mesi fa
    @Guido grande^^ tienici aggiornati sul tuo viaggio!
  • Questo commento non è pubblicato.
    Guido · 1 anni fa
    Bellissimo resoconto!! Ottime dritte per andarci fuori stagione in bici. Appena posso parto anch'io per l'Asinara in bici. Bravi!
  • Questo commento non è pubblicato.
    Francesco G · 1 anni fa
    @Mauro Romani Mauro, grazie per il tuo commento. Sinceramente non sapevo dell'esistenza della Locanda, che è una valida (sebbene un po' cara) alternativa all'Ostello. Buone pedalate e speriamo di tornarci presto su quella splendida isola dell'isola!
  • Questo commento non è pubblicato.
    Mauro Romani · 1 anni fa
    Mi è piaciuto molto soggiornare a La Locanda Asinara mentre ero in vacanza con mia moglie su questa meravigliosa isola. La camera era ovviamente costosa, ma avevamo un anniversario di un anno e non era una questione di prezzo. Per quanto riguarda la sicurezza e il comfort, agli ospiti è stato dato un allarme ajax nella loro stanza per ogni evenienza. L'approccio alle camere dell'hotel così come il viaggio stesso è stato di uno standard incredibilmente alto. Attualmente sto elaborando le foto del giro in bicicletta e voglio fare un album fotografico
Asinara in bici Spintheworld Marti
Francesco G

ITA - Ho 33 anni e sono piemontese, anche se da qualche anno vivo e lavoro in Lombardia. Dopo un inizio da totale inesperto in questo campo, mi sono avvicinato al mondo dei cicloviaggi e della bicicletta sempre più. Oggi posso definirmi "cicloviaggiatore", e assieme all'altra mia passione - il videomaking - non mi fermerei mai! Cyclo ergo sum, pedalo quindi sono, per cercare di capire perché andare in bici sia così bello, terapeutico, ricco... E ogni volta che provo a capirlo, non ce la faccio, e sono costretto a ripartire sui pedali!

ENG - I'm from Piedmont and I'm 33 years old, I have been living and working in Lombardy for a few years. After a start without any competence in this field, I then approached the bicycle world more and more. Today I can call myself a bicycle traveller and videomaker who would never ever stop. Cyclo ergo sum, I cycle therefore I am. I ride my bike trying to understand why it is so beautiful, rich, therapeutic. And every time I try, I do not understand it. So I must leave again...
 

               

Salta in sella

Lascia la tua mail qui sotto per ricevere consigli, itinerari o suggerimenti per iniziare la tua esperienza di cicloturismo

Unisciti ad altri 17.000 cicloviaggiatori.
Non ti invieremo mai spam!

Contenuti recenti

Torna su