fbpx

Unisciti alla LiT Family

 


Aggius e la Valle della Luna in due giorni

Scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)
 
 
Nel cuore della regione storica della Gallura, tra cani, tartarughe, orsi e delfini in granito, sorge il borgo autentico di Aggius. Questo paese della Sardegna settentrionale, negli anni, è riuscito a mantenere vive alcune tradizioni che in altri luoghi dell'isola sono ormai andate perdute e così, oggi, Aggius e la sua Valle della Luna si sono guadagnati meritatamente un posto tra i luoghi più belli da visitare non solo in Gallura, ma in tutta la Sardegna.
ritorno a occidente indice Georgia
Sono arrivati i 2 volumi di Ritorno a Occidente, libri fotografici dedicati al nostro viaggio in bici attraverso la Georgia e la Turchia, tra le alte vette del Caucaso e le lande anatoliche. Puoi acquistarli singolarmente, in bundle o abbonandoti al piano Esploratore della LiT Family. Che aspetti? Salta in sella con noi!
 
Aggius e la valle della Luna lifeintravel.it

Aggius e la valle della Luna in bicicletta

Il borgo di Aggius sorge a 514 metri tra le montagne granitiche dell'entroterra gallurese, in una posizione panoramica ma al tempo stesso piuttosto isolata e protetta.
Una delle strade più piacevoli da seguire in bicicletta per ritrovarsi tra le pittoresche vie di Aggius è quella che abbiamo percorso nel nostro viaggio in bicicletta in Sardegna partendo da Calangianus, il paese del sughero. Calangianus, sito ai piedi della frastagliata cresta del Monte Limbara, è raggiunto da un itinerario ciclabile lungo la vecchia ferrovia dismessa che collegava Monti a Tempio Pausania. La strada ferrata, soppressa nel 1958, è stata riconvertita in un piacevole e facile itinerario ciclabile negli ultimi anni.vecchia ferrovia da calangianus

Un bel percorso per raggiungere Aggius in bici

Partendo da Calangianus in bici e più precisamente dal piazzale dell'ex stazione, si percorre un tratto di facile sterrato, appartenente alla ferrovia dismessa, in direzione della Tomba di giganti Pascaredda, un sito prenuragico visitabile gratuitamente. Dopo un paio di chilomeri si lascia la vecchia ferrovia che prosegue verso Monti e si svolta in discesa a destra continuando a pedalare su sterrato verso il sito archeologico. Anche in questa parte il fondo non è particolarmente accidentato e il tracciato può essere affrontato anche con bicicletta carica. Trascorsi altri 2 km si giunge al parcheggio della Tomba di Pascaredda, che consiglio di visitare a piedi. Il sito anticipa di qualche centinaio di metri l'uscita sulla statale settentrionale sarda (SS127) dove si svolta a destra e poi subito a sinistra su strada secondaria in direzione di Luras. Se non sei interessato a visitare la tomba dei giganti puoi evitare questa prima parte di itinerario seguendo direttamente le indicazioni per Luras dalla cittadina di Calangianus. Per raggiungere il piccolo centro di Luras, dove sono presenti dei dolmen e alcuni olivastri millenari, si sale dolcemente su strada asfaltata; la breve ascesa anticipa una discesa di alcuni chilometri fino nel fondovalle dove scorre il fiume Liscia. dolmen a lurasCon un po' di attenzione, durante la picchiata, potrai scorgere il lago artificiale di Liscia a nord-est. Dal corso d'acqua inizia la piacevole risalita verso la SS133. Volendo, si può in parte seguire uno sterrato imboccando il bivio sulla sinistra poco prima di giungere alla chiesetta di San Leonardo, a quota 410 m. Il panorama che si apre davanti agli occhi lascia a bocca aperta: il Monte Pulchiana, il più grande monolite di granito dell'intera Sardegna si staglia verso il cielo in tutti i suoi 591 m. Sulla SS133 proveniente da Santa Teresa di Gallura si svolta a sinistra per continuare il viaggio in direzione di Tempio Pausania, superare nuovamente il fiume Liscia e lasciare ancora una volta la strada principale per una secondaria, quella che costeggia il Monte Pulchiana. La via secondaria, dopo un breve falsopiano, si impenna per qualche centinaio di metri portandosi in prossimità della Conca Fraicata, un rifugio o un'abitazione realizzata in un anfratto naturale di granito. Dalla casa dei puffi, come è talvolta affettuosamente soprannominata questa tipologia di costruzione, si prosegue per iniziare il tratto più divertente dell'itinerario in bici per Aggius. Poco oltre la sagoma del Monte Pulchiana si segue sulla sinistra un tracciato sterrato (un pezzo del Sentiero Italia) che supera diversi cancelli (mi raccomando non scordarti di richiuderli per non far uscire maiali, mucche e pecore!), tratti che potrebbero essere fangosi e brevi saliscendi tra sugherete e animali al pascolo. L'ultima parte del percorso si sviluppa lungo la Sp5, la SS133 e poi la Sp27 fino a salire nel centro di Aggius.

Due giorni ad Aggius e nella Valle della Luna

Nonostante Aggius conti solo 1500 abitanti, le attività culturali e naturalistiche in cui cimentarsi, i musei e i luoghi da non perdere assolutamente... richiedono almeno una sosta di due giorni.aggius e rocce granitiche

Trekking al Monte Fraili

Una delle cime arrotondate che compone la corona granitica intorno ad Aggius è il Monte Fraili. Il divertente e panoramico trekking che sale verso questo grosso panettone di roccia ha inizio nel Parco Capitza e, dopo un primo inizio nel bosco, prosegue superando facili tratti rocciosi con l'ausilio di corde fisse. paolo sul monte frailiLa parte finale, quella per giungere proprio sulla cima, può essere affrontata con un po' di attenzione, esperienza e, naturalmente, il giusto equipaggiamento.
Il Monte Fraili deve il nome alle fucine che, in un periodo di forte necessità economica, erano state allestite tra le cavità e caverne rocciose del luogo. In questi anfratti celati alla vista dei forestieri si dice che gli abitanti di Aggius coniassero monete false. Dal Monte Fraili la vista può spaziare a 360° sulla Gallura abbracciando per esempio Tempio Pausania e la suggestiva valle della Luna.trekking monte fraili
Paolo, una guida esperta del territorio che produce anche formaggio e canta in uno dei cori a tasgia del paese, organizza tantissime escursioni naturalistiche sul Fraili ma anche sulle vette dei dintorni. Da annotare come imperdibile il trekking in notturna proposto dalla sua associazione Tutt'a pedi sulla cima del Fraili. Se parteciperai ad un trekking con Paolo non dimenticarti di chiedergli della leggenda del Monte Tamburu e del diavolo.

Aggius: un museo a cielo aperto

Passeggiando per le vie e i vicoli di Aggius ci si ritrova spesso con il viso rivolto verso l'alto. La prima cosa a colpire il visitatore sono i 14 telai-opere d'arte dell'artista sarda Maria Lai. telaio maria laiQuesti telai colorati punteggiano le pareti delle abitazioni ravvivandole. Oltre ai telai per le strade di Aggius si incontrano i murales di altre artiste isolane, opere di street art che raccontano la Sardegna, le tradizioni e la natura. aggius museo a cielo apertoAd Aggius è viva e molto sentita l'arte della tessitura e le immagini fotografiche che narrano i vari momenti della lavorazione a telaio sono la ciliegina sulla torta di un primo tour a piedi per il centro storico all'interno dell'AAAperto Arte Contemporanea.arte per aggius

Musei viventi

Il borgo di Aggius, bandiera arancione del Touring Club, annovera tra i suoi musei quello etnografico MEOC, uno dei più grandi e ben curati della Sardegna e quello storico del banditismo, l'unico del genere sull'isola. La particolarità del MEOC che mi ha subito colpito e invogliato alla visita, è la presenza al suo interno di alcune tessitrici al lavoro, un plus davvero prezioso.meoc aggius telaio L'ingresso in questo spazio museale è un'immersione negli usi e costumi sardi ma non solo; è anche un viaggio nella tradizione  tessile artigianale , che rivive attraverso l'abilità di queste donne meravigliose. telaio funzionante ed usato meocNel MEOC poi di recente è stata anche allestita un'area dedicata al coro a tasgia e alla storia di questa tipologia di canto polifonico usato ancora dai cori di Aggius e da quelli di pochissime altre località dell'Alta Gallura.coro di aggius con doloresPensa che nel 1928 il coro di Aggius fece visita a D'Annunzio nel Vittoriale sul lago di Garda.
 coro di aggius 1928
Il secondo museo di Aggius è quello dedicato al banditismo sardo, non quello dei sequestri più recenti ma a quei crimini legati alle faide tra famiglie. museo del banditismo aggiusTra tutti i nomi spicca di certo quello del temutissimo Muto di Gallura, il più efferato bandito di tutti i tempi. Nel museo sono conservati documenti, fotografie dei primi anni del secolo scorso (alcuni banditi erano donne!!!) e tante curiosità su questo fenomeno.museo banditismo aggius

MTB nella Valle della Luna

L'altopiano granitico popolato da animali fantastici, mostri spaventosi e creature misteriose si estende alle spalle di Aggius ed è conosciuto con il nome di valle della luna (o Piana dei grandi sassi). In effetti, se si capita per caso in questa vallata, si ha l'impressione di trovarsi in un luogo extraterrestre, quasi lunare. La Valle della Luna può essere girata comodamente in auto, in fuoristrada (magari seguendo Paolo in una delle sue escursioni) o in MTB partendo proprio dal paese di Aggius. Dal centro storico si può percorrere la strada che costeggia il parco Capitza e il Monte della Croce prima di scendere tra i grossi massi della piana. La valle della luna, scelta negli anni come location per numerosi film western, è attraversata dalla strada principale, la SP74, dalla vecchia strada e da diversi sterrati più o meno impegnativi.valle della luna Dopo aver girato tra i massi dell'altopiano consiglio di deviare verso la frazione di Bonaita e risalire la strada fino ai 700 metri dove si stacca una sterrata divertente da percorrere in MTB in discesa. Il trail scende fino alla SP27 dalla quale è facile rientrare ad Aggius su asfalto.

Dormire ad Aggius

Se vuoi alloggiare in un luogo tranquillo, nella struttura turistica di una simpaticissima artista sarda, ti suggerisco il b&b La Tasgia situato in località Bonaita (lungo il percorso MTB descritto prima), immerso nel verde. Maria Dolores, una persona deliziosa, ha cantato (e canta ancora) per anni in giro per il mondo, collaborando con altri grandi musicisti e artisti italiani e internazionali. Le sue storie ti conquisteranno di sicuro. Maria Dolores ha due cani dolcissimi (Nala si è fatta certe corse...) e fornisce coperte per eventuali amici pelosi. Per altre informazioni puoi curiosare sul sito del B&B La Tasgia.bb la tasgia
Sul sito del turismo di Aggius trovi tante altre informazioni e approfondimenti utili per organizzare al meglio la tua permanenza in Gallura!
 
 
Scrivi qui quel che pensi...
Log in con ( Registrati ? )
o pubblica come ospite
Carico i commenti... Il commento viene aggiornato dopo 00:00.

Commenta per primo.

Vero

ITA - Correva l'anno 1983 quando ha sorriso per la prima volta alla luce del sole estivo. Da sempre col pallino per l'avventura, ha avuto la fortuna di girare l'Europa e l'Italia con i genitori e poi, per la maturità, si è regalata un viaggio in 2 cavalli da Milano verso la Russia. Al momento giusto ha mollato il lavoro senza alcun rimpianto per volare in Nuova Zelanda dove ha viaggiato per cinque mesi in solitaria. Nel 2007 ha provato per la prima volta l'esperienza di un viaggio in bici e, da quel momento, non ne ha potuto più fare a meno... così, dopo alcune brevi esperienze in Europa, nel 2010 è partita con Leo per un lungo viaggio in bicicletta nel Sud Est asiatico, la prima vera grande avventura insieme! All'Asia sono seguite le Ande, il Marocco, il Sudafrica-Lesotho e #noplansjourney. Se non è in viaggio, vive sul lago d'Iseo! Carpediem e buone pedalate!

EN - It was 1983 when he smiled for the first time in the summer sunlight. Always with a passion for adventure, she had the good fortune to travel around Europe and Italy with her parents and then, for maturity, she took a trip in 2 horses from Milan to Russia. At the right moment he quit his job with no regrets to fly to New Zealand where he traveled for five months alone. In 2007 she tried the experience of a bike trip for the first time and, from that moment on, she couldn't do without it ... so, after some short experiences in Europe, in 2010 she left with Leo for a long cycling trip in South East Asia, the first real great adventure together! Asia was followed by the Andes, Morocco, South Africa-Lesotho and #noplansjourney. If he's not traveling, he lives on Lake Iseo! Carpediem and have good rides!