Menu

Mar06Nov
Vota questo articolo
(0 Voti)

5 isole da scoprire in bici e auto a noleggio

  • Stampa
  • Email
L'Europa ormai è un continente ciclabile. Gli itinerari, le piste ciclabili e i percorsi mountain bike sono sempre di più e sempre più accessibili. Se l'offerta aumenta, di pari passo cresce anche la domanda e sempre più persone saltano in sella e decidono di trascorrere le loro vacanze in bicicletta. Le possibilità di fruizione sono svariate e ognuno sceglie come affrontare il proprio viaggio. Solitamente ti parliamo di viaggi a tappe o singoli itinerari giornalieri sul continente. In questo caso ho deciso di cercare e proporti 5 isole europee da scoprire in bici con itinerari più brevi ma non meno appassionanti.

Indice

 

Come scoprire le isole in bici

Esplorare le isole europee in bici può essere una delle esperienze più entusiasmanti per conoscere meglio il territorio e la cultura, spesso unica, dell'isola stessa. Potresti pensare di raggiungere l'isola in traghetto con la tua bici al seguito e organizzare un viaggio itinerante, ma questa volta voglio proporti una modalità alternativa e forse più "comoda" per viaggiare in bici sulle isole: raggiungere la tua meta con un volo, di linea o lowcost, e poi con il noleggio auto spostarti sull'isola tra il luogo in cui alloggi ed il punto di partenza dell'itinerario. In questo modo sarai autonomo e potrai muoverti anche quando non avrai voglia di pedalare. Ma veniamo a noi e vediamo le cinque isole da scoprire in bici che ti consiglio: tre si trovano nel mediterraneo mentre le altre due sono più a nord.

Cipro

Dopo le "nostre" Sardegna e Sicilia, Cipro è l'isola più grande del Mediterraneo per estensione ed è anche uno stato membro dell'Unione Europea. Proprio per la sua estensione, quest'isola è la meta migliore per un'esplorazione spot con itinerari giornalieri. Il paesaggio ti offrirà, durante le tue escursioni, l'occasione di ammirare panorami completamente diversi in pochi chilometri: dalle rocce nude dell'entroterra alle scogliere della costa. Dalle spiagge con acque cristalline ai paesi arroccati e colorati. In bici potrai spingerti in luoghi dove altri mezzi non ti possono portare, tra rovine antiche e campagne ricoperte di vigneti ed uliveti. cipro
Il consiglio è quello di fare base in una delle tante località balneari dell'isola per poi spostarti con l'auto al punto di partenza del percorso cicloturistico o mountain bike. Le aree più adatte all'esplorazione a due ruote sono la penisola di Akamas, il vicino monte Olimpo da cui si hanno vedute splendide sull'isola e la foresta di Paphos  se sei amante dell'offroad. Le zone di Lemesos e Larnaca invece sono l'ideale per chi è amante del cicloturismo e dei giri più semplici, magari abbinati alla scoperta delle tradizioni enogastronomiche dell'isola di Cipro. Per maggiori informazioni sui percorsi ti consiglio di scaricare il PDF con alcuni percorsi del sito del turismo di Cipro.

Creta

Creta è una delle principali mete turistiche greche, grazie al suo territorio vasto e variegato, alle sue bellissime spiagge ed ai molti siti archeologici. Anche qui l'esplorazione in bici sarà un piacere che in pochi si concedono e proprio per questo ancor più appagante. Le quattro province di Creta (Hania, Lassithi, Iraklio, Rethimno) hanno tutte degli ottimi giri in bici da offrire. Si passerà anche qui dal mare alle montagne dell'entroterra. Il sentiero E4 ad esempio è un percorso MTB che potrebbe essere fatto in più giorni oppure suddiviso in tratti da percorrere con percorsi ad anello. Se ti aspetti di trovare pianura però ti avverto: rimarrai deluso perché Creta, come la maggior parte delle isole del mediterraneo, presenta un territorio vallonato e con salite a volte anche impegnative: il monte Ida, ad esempio, sfiora i 2500 m!cretaIl parco delle Gole di Samaria potrebbe essere un ottima scusa per abbinare una pedalata ad un trekking in questo luogo tra i più suggestivi dell'isola mentre la laguna di Balos si potrebbe rivelare una meta perfetta per rilassarsi dopo una bella passeggiata in bici, rigorosamente da visitare fuori stagione. Se ti piace la storia potresti pensare di raggiungere Cnosso da Herakleio (Iraklion) e poi dedicarti alla visita del sito archologico. Insomma, qualsiasi sia la tua passione, Creta ha di che soddisfarti... sempre e rigorosamente in bici. 

Palma di Maiorca

Anche Palma di Maiorca è una di quelle isole del Mediterraneo (l'ultima di cui ti parlo in queste righe) che merita di essere scoperta e che è ideale girare in bici ed auto a noleggio (con aziende tipo Hertz). Negli ultimi anni le isole spagnole (sia le Baleari che le Canarie) sono meta di un numero sempre crescente di cicloturisti e ciclisti amatori che svernano in queste isole e pedalano sia per diletto che per allenamento. Come per Creta e Cipro, anche Maiorca presenta un terreno variegato e per questo perfetto per gli amanti della bici, sia da corsa che mountain bike. Qui sarà comunque possibile anche trovare percorsi adatti a chi non vuole fare troppa fatica, dato che i dislivelli sono concentrati nella zona nord-occidentale dell'isola dove si trova la Sierra de Tramuntana, patrimonio mondiale dell'UNESCO e perfetto campo di battaglia per i ciclisti più agguerriti! Il resto del territorio è piuttosto pianeggiante e se non vuoi fare troppa fatica il consiglio è quello di spingerti verso Santany oppure di esplorare il Parc Natural de s'Albufera, riserva naturale di terre umide dove fare anche birdwatching o rilassarsi.
 
Le tre isole che ti ho elencato finora sono isole del mediterraneo e per questo il consiglio è quello di andarci fuori stagione: primavera ed autunno sono i periodi migliori, con il clima più mite e le strade meno trafficate. Il discorso invece è diverso per le due che ti sto per raccontare: queste sono più a nord e quindi è meglio se riesci a organizzare il viaggio in estate, quando le temperature dovrebbero essere miti e il clima adatto anche a noi cicloviaggiatori.

Isole Orcadi

Lo so, lo so, ti avevo detto che avrei parlato solo di cinque isole ed invece qui mi gioco il jolly con un intero arcipelago. Infatti le isole Orcadi sono circa 70 di cui solo 20 abitate. Situate al largo della costa settentrionale della Scozia, sono raggruppate attorno all'isola principale, Mainland, che merita davvero di essere esplorata in bici. Il centro più grande delle isole è Kirkwall e conta soltanto 700 abitanti, quindi potrai capire bene che sono un luogo più che adatto alle biciclette: poco traffico, tante stradine secondarie e un'orografia dolce che permette a tutti di pedalare. L'attrazione principale dell'isola sono i siti neolitici, tra i più antichi e meglio preservati d'Europa. Pedalare tra la brughiera per raggiungere questi siti archeologici e poi visitare i due centri dell'isola  principale è la soluzione migliore, abbinando poi una gita più approfondita con l'auto o con il traghetto per spingersi  magari anche su Hoy, la seconda isola dell'arcipelago dove si trova l'Old Man of Hoy, faraglione di arenaria rossa davvero impressionante. Per raggiungere le Orcadi dovrai volare su uno dei centri principali della Scozia (Edimburgo, Glasgow...), recuperare la tua auto a noleggio e poi spostarti con la bici al seguito a Thurso dove ti potrai imbarcare con il traghetto verso le isole.

Irlanda

L’Irlanda, terra di fate e di folletti, si staglia verdeggiante ad ovest della costa inglese. Punteggiata da villaggi e cittadine caratteristiche, accarezzata dai venti che soffiano dall’Oceano Atlantico, baciata dal sole e dalla pioggia nell’arco di poche ore, l’Irlanda è una nazione europea molto interessante e variegata da visitare in bicicletta. La maggior parte dei voli provenienti dal resto del continente atterrano nella capitale, Dublino, un ottimo punto di partenza per tutte le altre destinazioni dell’isola. Da Dublino, la città di James Joice, si può guidare fino a Galway, centro vivace dove iniziare a pedalare.Da Galway si può partire alla volta del nord scoprendo la contea di Sligo, con l’omonima cittadina caratterizzata da monumenti di spicco come l’abbazia medievale (1252-1253) e l’edificio del tribunale, e poi spingersi fino alla maestosa contea del Donegal con le lunghe spiagge sabbiose alternate alle scogliere come la Slieve League, una delle più alte d’Europa. Nel Donegal occidentale non si può perdere neanche il parco nazionale di Glenveagh con i cervi rossi e gli ambienti collinari e rilassanti.irlanda in bici
Se si vuole scoprire il sud dell’isola si può guidare verso Cork, senza scordarsi di fare una sosta alla Cliff of Moher. Cork è il punto di partenza ideale per scoprire il sud dell’isola con i laghi di Killarney e la splendida strada circolare del Ring of Kerry, famosa in tutto il mondo per gli ambienti incontaminati che attraversa.
Guidando da Dublino ci si può spingere anche nell’Ulster, l’Irlanda del nord, dove visitare in bici  la splendida Giant’s causeway, le misteriose Dark Hedges, il ponte di corda del Carrick-a-Rede, il suggestivo castello di Dunluce e la città di Belfast
Vota questo articolo
(0 Voti)
Leonardo

Cicloviaggiatore lento con il pallino per la scrittura e la fotografia. Se non è in viaggio ama perdersi lungo i mille sentieri che solcano le splendide montagne del suo Trentino e dei dintorni del lago d'Iseo dove abita, sia a piedi che in mountain bike. Eterno Peter Pan che ama realizzare i propri sogni senza lasciarli per troppo tempo nel cassetto, ha dedicato gran parte della vita al cicloturismo viaggiando in Nuova Zelanda, Balcani, Norvegia e molti altri paesi. Ultimamente ha trascorso dieci mesi in bici nel Sud est asiatico e ha attraversato le Ande in bici.

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Vai all'inizio della pagina
Resta aggiornato
Unisciti ad oltre 10.000 cicloviaggiatori e ricevi
news, consigli e itinerari per organizzare
il tuo prossimo viaggio in bici